Cronaca nera

Schianto mortale nel Reggino: tre vittime, anche una bimba di 4 anni

È avvenuto oggi pomeriggio sulla statale Ionio-Tirreno nel territorio del comune di Melicucco in provincia di Reggio Calabria. Due i feriti che sono stati trasportati nell'ospedale di Polistena

Schianto mortale nel Reggino: tre vittime, anche una bimba di 4 anni

Ascolta ora: "Schianto mortale nel Reggino: tre vittime, anche una bimba di 4 anni"

Schianto mortale nel Reggino: tre vittime, anche una bimba di 4 anni

00:00 / 00:00
100 %

Uno schianto mortale che ha provocato la morte di tre persone, tra cui una bimba di 4 anni. È avvenuto oggi pomeriggio sulla statale Ionio-Tirreno nel territorio del comune di Melicucco in provincia di Reggio Calabria. Due i feriti che sono stati trasportati nell'ospedale di Polistena. L'incidente stradale che ha coinvolto due auto, un'Alfa Romeo Giulietta e una Bmw, è avvenuto, a pochi metri dallo svincolo per Melicucco. Sul posto sono intervenute alcune ambulanze e l'elisoccorso, presenti carabinieri e agenti della Polstrada. La piccola, che è deceduta appena giunta nell'ospedale di Polistena, era a bordo della Bmw. Nell'auto c'era un'altra minore anche lei in gravissime condizioni, che è stata trasferita in elisoccorso in una struttura ospedaliera di Messina. Le due bambine, da quanto si è potuto apprendere, erano sulla Bmw che si è scontrata con l'Alfa Romeo il cui conducente è deceduto.

Solo nell'ultimo fine settimana sono morte dieci persone in incidenti stradali in Sicilia, Puglia, Calabria ed Emilia Romagna. Nel Catanese un giorno di festa si è trasformato trasformato in tragedia: tre agenti di polizia penitenziaria, in servizio nel carcere di piazza Lanza del capoluogo etneo, sono morti ieri sera in un incidente stradale mentre, dopo avere finito il turno di lavoro, si stavano recavando a Mineo per assistere alla processione per il Patrono del grosso centro agricolo della Piana. La loro auto, una Peugeot 208, per cause in corso di accertamento, si è scontrata con una Lancia Delta sulla strada statale 385. Gianluca Barbanti, 38 anni, e Giuseppe Spampinato di 49, sono morti sul colpo. Per estrarre i corpi dalle lamiere sono dovuti intervenire i vigili del fuoco. Mentre Pietro Tatoli, 48 anni, che era alla guida è deceduto dopo il ricovero nell'ospedale Cannizzaro di Catania, dove era stato trasportato con un elicottero del 118. Ferito, ma non in maniera grave, anche l'autista dell'altra vettura. In segno di lutto il sindaco di Mineo, Giuseppe Mistretta, ha sospeso tutte le manifestazioni esterne legate ai festeggiamenti per il patrono. Quella dei tre agenti, ricostruisce il capo del Dap, Giovanni Russo, era "un'amicizia che andava oltre il fatto di essere colleghi e che ha legato i loro destini anche negli ultimi attimi di vita".

Cordoglio per la scomparsa degli agenti e vicinanza alle loro famiglie sono state espresse dal presidente del Senato, Ignazio La Russa, dal ministro della Giustizia, Carlo Nordio, dal vicepremier Matteo Salvini, e dal sindacato di polizia penitenziaria Sappe. In Salento due motociclisti sono morti nella tarda serata di ieri altrettanti incidenti stradali. Il primo è avvenuto sulla Casarano-Taviano, all'altezza di Melissano. Nello scontro con un'autovettura è morto il 36enne Giuseppe Santantonio, di Racale. L'altro incidente ha interessato la strada che da San Cataldo porta a Lecce dove uno scooter è entrato in collisione con un'autovettura: per il motociclista 32enne è stato inutile ogni soccorso. Un 76enne, Silvano Terenziani, agente della polizia municipale di Reggio Emilia in pensione, è morto questa mattina cadendo con il suo scooter in via del Chionso, nella prima periferia della città.

Un altro incidente mortale è avvenuto sula via Emilia: un 37enne è morto in uno scontro tra due auto avvenuto a Faenza (Ravenna) all'altezza del chilometro 59. Secondo le prime ricostruzioni, la sua vettura avrebbe violentemente tamponato quella che lo precedeva.

Commenti