Cronaca nera

Strage Palermo, spunta l’odio anticattolico dell’omicida

Nel profilo Facebook di Giovanni Barreca pubblicati post contro la Chiesa di Roma. Gli inquirenti indagano sulla pista della setta

Strage Palermo, spunta l’odio anticattolico dell’omicida

Ascolta ora: "Strage Palermo, spunta l’odio anticattolico dell’omicida"

Strage Palermo, spunta l’odio anticattolico dell’omicida

00:00 / 00:00
100 %

Un fanatico religioso, ma ferocemente anticattolico. Questo il ritratto che emerge dai social di Giovanni Barreca, l'uomo reo confesso del triplice omicidio della moglie Antonella Salamone e dei figli Kevin ed Emanuel, di 16 e 5 anni. Il fatto di sangue avvenuto nel palermitano ad Altavilla Milicia potrebbe essere legato all'ossessione pseudo-religiosa di Barreca dal momento che gli inquirenti, secondo quanto riportato dalle agenzie stampa, starebbero indagando anche sull'ipotesi che l'uomo abbia agito per adesione ad eventuali sette o gruppi di fanatismo religioso. Il muratore siciliano avrebbe detto ai carabinieri che lo hanno interrogato di aver ucciso moglie e figli perché "erano posseduti da Satana". Un'ossessione che negli ultimi tempi lo avrebbe portato a convincersi della presenza demoniaca in casa.

I post anti-cattolici

Il profilo Facebook di Barreca testimonia il suo fanatismo ma anche la profonda avversione per il cattolicesimo. Lo scorso 29 agosto, ad esempio, ricondivideva un post con una foto del Papa di fronte ad una statua della Madonna di Fatima corredata da parole durissime: "Due menzogne di Satana che vi porteranno all'inferno". La "religione cattolica romana è una falsa Chiesa e sarà giudicata e condannata da Dio alle fiamme eterne dell'inferno", rilanciava sul suo profilo l'indagato per il triplice omicidio. In un altro post, l'uomo condivideva un reel con le immagini del Pontefice di fronte a statue di Maria che bollava il cattolicesimo come "idolatria".

Il santone

Barreca è un evangelico e citava spesso nel suo profilo Roberto Amatulli, ex parrucchiere di Bari che da qualche anno si è autoproclamato pastore evangelico e va in giro nel Sud Italia a fare proselitismo. Di lui si sono occupate pochi mesi fa anche Le Iene con un servizio di Veronica Ruggeri sui sedicenti riti miracolosi per guarigioni. Era stato raccolto anche il racconto di un genitore di una collaboratrice di Amatulli che non vedrebbe la figlia dai cinque anni e che da quest'ultima si sarebbe sentito dire "tu sei il diavolo". Del caso si era occupato anche il quotidiano online "Quinto Potere" con testimonianze di presunte vittime che denunciavano di essere state plagiate.

Chiesa evangelica

Amatulli si era autoproclamato pastore evangelico nel periodo della pandemia, prendendo strade diverse da quelle ufficiali. Il governo della chiesa in ambito evangelico è gestito da organismi assembleari. Alla base della culto degli evangelici c'è la lettura e la predicazione della Parola di Dio, oltre alla preghiera e la celebrazione della cena del Signore. Un'altra differenza con i cattolici è che gli evangelici non venerano la figura di Maria, riconoscendola solo come prima testimone di Cristo. In merito al triplice omicidio del palermitano, il pastore evangelico di Altavilla Milicia ha chiarito che la famiglia Barreca non frequentava la chiesa evangelica locale. "Facevano incontri privati di preghiera e di letture delle Scritture a casa loro, credo con altre persone", ha spiegato il pastore locale Gaspare Basile. La Chiesa evangelica non c'entra con la radicalizzazione del probabile omicida.

Commenti