"Abbella", poi le botte a Willy: "Saltavano sul suo corpo inerme"

Le ultime ore di Willy, intervenuto per impedire uno scontro. Tutto è partito da un apprezzamento rivolto ad una ragazza fidanzata, le menti annebbiate dall'alcool hanno fatto il resto

Sarebbe partito tutto dalle avances fatte ad una ragazza, da quel momento in poi la situazione è sempre più degenerata, fino ad arrivare alla morte del giovane Willy Duarte Moteiro, massacrato di botte e lasciato privo di sensi a terra. Il quotidiano "Repubblica" tenta di ricostruire passo passo - e attraverso l'ordinanza del gip - la successione di eventi che ha portato al terribile omicidio di Colleferro, per il quale si trovano ora in stato di fermo Mario Pincarelli, Francesco Belleggia e i due fratelli Bianchi, Marco e Gabriele.

Cosa sappiamo del massacro di Willy

Il 5 settembre il gruppo in cui si trovava Willy e quello di cui facevano parte i suoi aguzzini si incontrano nel medesimo locale, il “Duedipicche”, un risto-pub molto frequentato dalla gioventù del posto. Francesco Belleggia, di Artena, raggiunge il pub insieme ad un amico, per poi unirsi a Mario Pincarelli, suo concittadino, il quale si trovava già in compagnia di un'altra persona. I ragazzi decidono di bere qualcosa insieme, ed individuano all'interno della sala anche i fratelli Bianchi, i quali non si uniscono alla tavolata. Marco e Gabriele, infatti, lasciano il locale pochi minuti dopo, salendo sulla loro auto Audi Q7 nera insieme a tre ragazze e un amico.

La serata procede senza alcun problema fino a quando, intorno alle 2:30 del mattino, i due gruppi purtroppo si incrociano. Belleggia e Pincarelli, rimasti da soli, stanno scambiando ancora qualche parola all'esterno del "Duedipicche", dinanzi ad una piazzola. Belleggia, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, stava cercando un passaggio per far ritorno in sicurezza a casa, visto che aveva bevuto. Stando all'ordinanza, il suo amico, Pincarelli, si trovava in condizioni peggiori delle sue e aveva la mente completamente offuscata dai fumi dell'alcool: quando vede passargli davanti una ragazza (Azzurra, la fidanzata di Alessandro Rosati), non riesce a trattenersi e fa di tutto per richiamare la sua attenzione. "Abbella", le grida dietro, facendo il gesto di mandarle un bacio.

Le avances, poi la rissa

Rosati, che sente tutto, reagisce immediatamente, ma viene placato da Belleggia, il quale interviene in difesa dell'amico. "Lascialo perdere, è ubriaco, non sa cosa sta dicendo. Mi scuso a nome suo", avrebbe dichiarato il ragazzo, come riportato da "Repubblica". Ormai, però, è tardi, perché anche fra gli amici di Willy in quel momento c'è qualcuno particolarmente su di giri. Federico Zurma si avvicina con fare minaccioso a Belleggia e, stando alla ricostruzione di quest'ultimo, lo fissa in malomodo e pare pronto ad attaccare. Belleggia allora lo precede, colpendolo e spintonandolo fino a farlo rovinare a terra. La situazione degenera, mentre i due litiganti si spostano in prossimità di un'edicola. Willy li vede e non esita a mettersi in mezzo nel disperato tentativo di placare gli animi. I ragazzi parlano, Belleggia e Zurma sembrano vicini ad un chiarimento, ma ad un tratto, intorno alle 3 del mattino, arriva l'Audi dei fratelli Bianchi, pare richiamati indietro da un certo Michele Cerquozzi. Quest'ultimo, preoccupato per tutta la tensione che si era generata, avrebbe infatti deciso di richiedere l'intervento dei due.

I Bianchi scendono dall'auto e si lanciano sul gruppo di giovani, fra i quali si trova anche Willy. Secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, Belleggia avrebbe partecipato al pestaggio, anche se il ragazzo continua a professare la propria innocenza, giurando di non aver mai colpito il 21enne originario di Capo Verde. Il gruppo di Artena, capeggiato dai fratelli Bianchi esperti in arti marziali, come sappiamo, ha la meglio. Sarebbe poi un calcio diretto allo sterno (sferrato, secondo le ultime informazioni rilasciate, da Gabriele, il maggiore dei fratelli) ad uccidere Willy, che rimane esanime a terra. È ora compito delle autorità competenti stabilire le reali responsabilità di ciascuno dei ragazzi. Al momento, i Bianchi e Pincarelli si trovano reclusi dietro le sbarre, mentre Belleggia ha ottenuto i domiciliari.

"Saltavano sopra il corpo già inerme"

Prezioso il racconto di Emanuele Cenciarelli, uno degli amici di Willy. Il ragazzo ha descritto minuziosamente i giovani con il quale si è scontrato il proprio gruppo. "I due ragazzi con i quali Federico, l’amico di Willy, stava inizialmente discutendo ricordo che uno indossava una camicia di colore bianco e aveva in viso tatuata una lacrima sotto l’occhio, nonché diversi tatuaggi su entrambe le braccia e le mani. L’altro ragazzo invece aveva un braccio ingessato (Belleggia)", ha dichiarato, come riportato dal "Corriere della Sera". "Al momento dell’aggressione ricordo che oltre ai predetti ragazzi da me descritti si sono uniti altri tre ragazzi di cui sono in grado di descrivere soltanto due. L’uno indossava una polo di colore verde con capelli molto corti e l’altro con un vistoso tatuaggio sul collo". Tutti, stando al racconto di Cenciarelli, avrebbero preso parte al pestaggio con una violenza inaudita: "Per quanto io ricordi tutti ragazzi sferravano calci e pugni contro me e Willy. Ho un vivido ricordo di un paio di loro che addirittura saltavano sopra il corpo di Willy steso in terra e già inerme".

"Conosco tre delle persone che si sono rese responsabili della rissa. E sono: Gabriele Bianchi, Mario Bianchi, i cosiddetti 'gemelli Bianchi' di Artena e Mario Pincarelli. Chi materialmente ha picchiato Willy è stato Gabriele Bianchi che dapprima gli ha dato un calcio in pancia, quindi Willy si è accasciato a terra, dopodiché si è rialzato ed è stato colpito nuovamente da Gabriele", è invece la ricostruzione di Fayza Rouissi. "Perdeva sangue dalla bocca. Gabriele l’ha picchiato da terra per qualche istante, dopodiché, quando è arrivata la sicurezza dei locali, è scappato insieme agli altri".

Silenziosa e lenta, questa sera per le vie di Paliano si è tenuta la fiaccolata in ricordo di Willy Monteiro Duarte. C'era tutto il paese, rigorosamente con le mascherine come imposto dal sindaco, e c'era anche l'ambasciatore di Capoverde, Paese d'origine del ragazzo. Sono stati i rintocchi delle campane a scandire l'inizio della marcia pacifica che ha attraversato il piccolo centro di Paliano. "Sentimenti come rabbia e vendetta non appartengono a questa comunità. Vogliamo solo giustizia", ha detto in chiusura il sindaco del paese.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

capi_tan_iglu

Mer, 09/09/2020 - 17:51

CHE GENTE VILE E SENZA CUORE!

VenCom

Mer, 09/09/2020 - 17:56

Su Facebook erano un branco di duri tatuati palestrati ma, una volta in galera, si sono rivelati un gregge di pecorelle frignanti. Hanno già cominciato ad accusarsi a vicenda...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 09/09/2020 - 18:03

Esami del sangue, delle urine e la lista dei precedenti ... un bel rebus da "sgranocchiare".

pv

Mer, 09/09/2020 - 18:04

"...sulla loro auto Audi Q7..." Se erano nullatenenti come facevano ad avere quell' auto?

capi_tan_iglu

Mer, 09/09/2020 - 18:07

L'ERGASTOLO, ECCO QUELLO CHE CI VUOLE PER QUESTE BESTIE CHE DI UMANO NON HANNO PROPRIO UN BEL NIENTE!

Vostradamus

Mer, 09/09/2020 - 18:11

Credo sia la quarta o quinta versione dell'accaduto, in evidente e insanabile contrasto con altre testimonianze. È cominciato l'ennesimo processo mediatico, poco rispettoso sia della vittima e dei suoi parenti, che di chiunque altro. Credo che se ne parlerà all'infinito, nei prossimi cinque o sei anni.

Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 09/09/2020 - 18:14

Gentaglia inutile,dedita all'alcool,alla movida,con macchine di lusso e tanta violenza in corpo da scaricare. Vent'anni in gattabuia non bastano....

gianfran41

Mer, 09/09/2020 - 18:15

Gli animali non si comportano così.

Boxster65

Mer, 09/09/2020 - 18:23

Nullatenenti con Audi Q7, magari con reddito di cittadinanza...

baio57

Mer, 09/09/2020 - 18:24

Audi Q7 ,prezzo a partire da 70 mila euro ,per una mediamente accessoriata si arriva agli 80 mila .Se anche avessero fatto un leasing o un noleggio,avrebbero dovuto esibire garanzie finanziarie di un lavoro stabile o un reddito adeguato.Che facevano nella vita ?

Fjr

Mer, 09/09/2020 - 18:33

Vostradamus,nel dubbio dentro tutti e buttate le chiavi

maxxena

Mer, 09/09/2020 - 18:37

bestie non si può dire per non mancare di rispetto agli animali..in ogni caso ricordiamoci che questi sono un prodotto rappresentativo di ciò che ha saputo creare la nostra società: zucche vuote e tanti muscoli e le tracce di cervello farcite di scemenze assunte senza sosta da social programmi tv che hanno come effetto collaterale l'inesorabile riduzione del Qi. Ma in fondo questi sono i cittadini che piacciono tanto ai nostri politici,; bestiame passivo da comandare.

Ritratto di Arminius

Arminius

Mer, 09/09/2020 - 18:38

Ma tutta questa gente che ci fa in giro fino a quell'ora? Come mai i loro genitori non li mettono a letto dopo Carosello?

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Mer, 09/09/2020 - 18:41

baio57 - 18:24 Già! Esistono molte attività iper redditizie ma illegali. Dovranno spiegare questi bravi figlioli la provenienza di quegli euro: regalo di uno zio d'America, provenienti dalla .. Colombia o risparmi d una "vita" di lavoro? Mi viene da (sor)ridere..

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 09/09/2020 - 18:53

Sappiamo tutti che se la vittima fosse italiana, la notizia comparirebbe solo sulla stampa locale.

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 09/09/2020 - 18:53

^(*@*)^ Tutti sapevano chi erano ma nessuno ha fatto nulla , questa è la vera itaGlia dove si comincia a fare i bulletti in tenera età, per continuare man mano si cresce visto che fa tanto TREND, bullettismo troppo spesso tollerato se non sostenuto e difeso dai genitori , tollerato a scuola da insegnanti per il quieto vivere, meglio tenerseli buoni che averli contro loro e famiglie, per contro uno che studia, si applica con profitto automaticamente diventa un secchione , uno sfi**to da emarginare o quasi. Quest’itaGlia prova di ogni etica è la regina FACTORY DI QUESTI MODELLI COMPORTAMENTALI.

pensaepoiagisci

Mer, 09/09/2020 - 19:01

Queste persone in carcere troveranno pane per i loro denti..e sicuramente perderanno la loro sicurezza e la loro invincibilita'..

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 09/09/2020 - 19:01

^(*@*)^ Indagini a 390* , testimonianze, prove ripetibili e irripetibili , controprove , ho già capito se non c’è un congruo numero di telecamere che riprendono da svariate angolazioni, se non confessano nel modo più dettagliato NON CI SALTANO FUORI

capi_tan_iglu

Mer, 09/09/2020 - 19:07

@Quintus_Sertorius per favore non scrivere scemenze!

Raoul Pontalti

Mer, 09/09/2020 - 19:12

Notarella per i sociologi da osteria che strologano sui prezzi della Audi Q7 e sulle possibilità finanziarie di certi giovinastri: nell'articolo non si dice di quale generazione fosse quella vettura e una Q7 di prima generazione si trova dai rivenditori d'auto anche per 7000-8000 euro, ma è possibile anche trovarne, molto ma molto usate e abusate, anche a 4000-5000 euro, somma che può permettersi pure un barbone.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 09/09/2020 - 19:16

@primulanonrossa Benvenuto nell'armoniosa società multirazziale del futuro...

perilanhalimi

Mer, 09/09/2020 - 19:27

Loro in galera non basta, anche I genitori vanno processati !!!

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mer, 09/09/2020 - 19:33

^(*@*)^ QUINTUS DICI CHE DAREBBE COMPARSA SOLO SULLA STAMPA LOCALE ? Mah sarà, di certo se a pagamento

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 09/09/2020 - 19:38

Non voglio fare il comunista invidioso, mi piacerebbe che facessero 30 anni di galera, così la loro Audi Q8 se lo sognano in carcere. Un auto da 80mila euro in mano a gente che dice che non lavorano e sono nullatenenti. Gente che ha lavorato una vita non ha queste auto.Ma che mestiere facevano, Casa e palestra?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 09/09/2020 - 19:38

@capitan_iglu Sono diposto a correggermi. Puoi dimostrarmi che i casi di aggressione subiti da africani ricevono meno attenzioni mediatiche di quelli subiti da europei? A me pare di ricordare "proteste" BLM in Europa. Puoi mostrarmi analoghe proteste negli Stati Uniti per commemorare le ragazzine stuprate e uccise dai "migranti" in Italia? Oppure l'UE fare appelli contro il razzismo all'indomani degli omicidi compiuti da Kabobo?

Alessio2012

Mer, 09/09/2020 - 19:57

OMICIDIO PRETERINTENZIONALE.

Alessio2012

Mer, 09/09/2020 - 19:58

CONTROLLARE SE WILLY NON AVESSE QUALCHE PATOLOGIA. UNA VOLTA UNA PERSONA E' STATA COLPITA DA 2 PUGNI, MA IN REALTA' E' MORTA D'INFARTO, PER LA PAURA.