Denise, spunta un testimone: cosa c'è nella lettera anonima

Il legale della famiglia ha rivelato un nuovo documento che può far luce sulla vicenda di Denise Pipitone, scomparsa il primo settembre del 2004

Denise, spunta un testimone: cosa c'è nella lettera anonima

Da 17 anni di Denise Pipitone, la bambina scomparsa il primo settembre 2004 da Mazara Del Vallo quando aveva solo 4 anni, non c'è più nessuna traccia. Da poco, però, il fascicolo è stato riaperto e così la caccia continua. E ora spunta un nuovo testimone oculare, che avrebbe raccontato, stando a quanto riporta LiveSicilia, di aver visto la piccola nell'immediatezza della scomparsa.

Il presunto testimone, che ha raccontato di aver visto Denise in una lettera inviata all'avvocato di Piera Maggio, è un anonimo. Di lettere anonime, Giacomo Frazzitta ne ha ricevuta diverse in tutti questi anni. Ma questa volta, sembra esserci qualcosa di diverso. Nella lettera, ricevuta ieri dall'avvocato e consegnata alla procura di Marsala, che ha riaperto la caccia, non si racconta di un avvistamento in una città. Di segnalazioni simili, negli anni, ce ne sono state parecchie. L'ultima risale a circa un mese fa, quando dalla Russia era arrivata la storia di Olesya, che aveva fatto sperare.

L'anonimo, invece, sostiene di aver visto la piccola nell'immediatezza dei fatti, insieme a persone su cui fino ad oggi non si era indagato. La lettera conterrebbe particolari inediti, che potrebbero meritare un approfondimento. Se davvero l'autore della lettera avesse assistito al rapimento della piccola Denise, si tratterebbe di un testimone oculare, che potrebbe aver deciso di parlare solamente adesso, dopo 17 anni. Una testimonianza, la sua, che potrebbe finalmente far luce su un caso che ha sconvolto l'Italia e che da qualche mese è tornato al centro dell'attezione, grazie alle ultime segnalazioni.

"Ho ricevuto questo pomeriggio una lettera anonima - ha detto ieri a Chi l'ha visto? l'avvocato Frazzitta - come tante altre in passato, che conteneva però alcuni elementi di novità che non erano stati riferiti mediaticamente". E ha lanciato un appello, prima ringraziando l'anonimo che ha inviato la lettera al suo studio e poi chiedendogli "di potersi mettere in contatto con me, assicurando la massima riservatezza".

Per capire se la persona che si è rivolta all'avvocato sia davvero decisiva per la risoluzione del caso, bisognerà aspettare, per capire se quel primo settembre 2004 fosse davvero nei pressi della casa della mamma di Piera Maggio a Mazara Del Vallo intorno a mezzogiorno e se possa aver visto qualcosa. La piccola, infatti, scomparve mentre giocava col cuginetto fuori dalla casa della nonna materna. Nonostante le ricerche immediate, Denise Pipitone scomparve nel nulla e a niente valsero le indagini successive.

Commenti