De Magistris indagato per la morte del 14enne in Galleria Umberto

Il sindaco di Napoli presenta le memorie difensive ai pm dopo l'esposto presentato a gennaio dalla famiglia del 14enne: "Tre interpellanze consiliari sul problema, non poteva non sapere"

De Magistris indagato per la morte del 14enne in Galleria Umberto

Anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris figura tra gli indagati per la morte del 14enne Salvatore Giordano, lo studente ucciso nel luglio del 2014 dalla caduta di pietre dalla facciata della Galleria Umberto di Napoli.

Come riporta Il Mattino, nella giornata di ieri il primo cittadino partenopeo ha incontrato i magistrati che stanno indagando sul tragico episodio che costò la vita al giovanissimo studente di Marano e commosse tutta l'Italia. De Magistris ha consegnato ai pm una memoria difensiva. L’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo. Al sindaco vengono contestate presunte negligenze nel garantire la sicurezza dell’area nel salotto buono del centro di Napoli. Secondo quanto i legali della famiglia dello studente hanno messo nero su bianco in un esposto diretto alla magistratura napoletana, già prima dei fatti accaduti nel luglio di due anni fa, venne sollevato in consiglio comunale il problema del rischio di crolli alla Galleria Umberto.

Gli avvocati fanno riferimento a ben tre interrogazioni consiliari presentate dall’ex capogruppo di Fdi Enzo Moretto relativa ad altri crolli che sarebbero avvenuti prima dei fatti che poi hanno causato la morte del giovanissimo Giordano. Il primo degli atti in questione risale addirittura a un anno prima della tragedia, al luglio del 2013. Poi altre due richieste, del 28 febbraio e del 3 marzo del 2014.

In base a queste circostanze, i legali della famiglia – già nel gennaio scorso quando presentarono l’istanza – hanno ritenuto che il sindaco di Napoli non potesse essere all’oscuro del pericolo rappresentato dalla facciata di Galleria Umberto e avrebbe avuto il dovere di intervenire subito per garantire la sicurezza della struttura, frequentatissima in città dai turisti e dai residenti.

E ieri De Magistris ha incontrato presentato la sua memoria difensiva in cui presenta le sue posizioni in merito alle accuse che gli sono state rivolte dal collegio difensivo dei parenti del 14enne.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento