Dormire in aereo è pericoloso: orecchie a rischio

In serio pericolo orecchie e timpano: la situazione potrebbe essere aggravata da raffreddore e allergia

Dormire in aereo è pericoloso: orecchie a rischio

Un tranquillo pisolino per ammazzare il tempo durante un lungo viaggio in aereo. Si può fare, ma è bene tenere a mente determinati consigli per evitare certi fastidi. Ci si può addormentare dopo il decollo per poi svegliarsi prima dell'atterraggio, altrimenti a rimetterci potrebbero essere le orecchie: si andrebbe in contro a otiti o addirittua a perforazioni del timpano. A spiegarlo è Arianna Mengucci, audiologa e foniatra del Centro Medico Santagostino di Milano: "Nello stato ottimale la pressione atmosferica e quella interna dell’orecchio è la stessa, e a regolare questo meccanismo è la tuba di Eustachio: un piccolo canale che collega orecchio medio e rinofaringe". Il loro compito è quello di equilibrare fisiologicamente la pressione, ma in caso di cambi repentini di pressione atmosferica il suo funzionamento potrebbe non essere sufficiente: "È solo da svegli che si possono mettere in pratica piccoli meccanismi di difesa che possono rivelarsi molto utili".

Come prevenire e quando dormire?

Il consiglio principale da mettere in atto durante il decollo o l'atterraggio è quello di forzare la tuba ad aprirsi "masticando un chewing gum o facendo la manovra di Valsalva: in pratica consiste nel soffiarsi il naso impedendo che esca l’aria, tappandolo. Esistono anche dei tappi che fanno arrivare la pressione all’orecchio in modo più graduale. Ai bambini, per agevolare l’apertura della tuba, si consiglia di tenere il ciuccio e bere". Partire con un raffreddore o con l'allergia potrebbe ostacolare il funzionamento della tuba: "Passa male e se non si fa nulla per sollecitarla ad aprirsi c’è la certezza di stare male". Perciò bisognerebbe "pulire il naso meglio possibile, chiedere consiglio al medico magari già qualche giorno prima per capire se è il caso di usare spray cortisonici o fare altre cure preventive". Altrimenti vi è il forte rischio che "l'orecchio attiri tutte le secrezioni nasali e questo può provocare otiti e in casi estremi e rari perforazioni del timpano".

La buona notizia è che in aereo si può dormire tranquillamente "durante il viaggio e fino a poco prima dell'atterraggio". In tal modo "l'organismo avrà avuto tutto il tempo di regolarsi".