India, mangia una focaccia e vi trova pelle di serpente

La donna ha subito denunciato l'accaduto alla polizia, che ha immediatamente chiuso il ristorante dove era stata venduta la pietanza

India, mangia una focaccia e vi trova pelle di serpente

Una donna indiana è stata protagonista giovedì scorso di un'inquietante disavventura: trovare della pelle di serpente "dentro la focaccia che stava mangiando". L'episodio in questione si è verificato nella città di Thiruvananthapuram, capitale dello Stato meridionale del Kerala.

In base ai dettagli forniti sulla vicenda dalle testate locali, la malcapitata si trovava in città in compagnia della figlia e, verso l'ora di pranzo, si era messa alla ricerca di uno spuntino per placare la fame di entrambe. Lei si sarebbe quindi recata presso la più vicina tavola calda aperta a quell'ora del pomeriggio, ossia un locale annesso a un albergo, e avrebbe acquistato lì due pezzi di focaccia e, come condimento, un po' di salsa.

Tuttavia, mentre addentava lo spuntino, sarebbe incappata in una raccapricciante sorpresa. Secondo quanto raccontato dalla donna la pelle di serpente, lunga "mezzo dito", era nascosta dentro la carta usata per rivestire la focaccia. La malcapitata ha quindi immediatamente avvertito la polizia, che ha prontamente accertato che quella pelle era proprio infilata all'interno dell'incarto impiegato per avvolgere la pietanza.

Gli agenti hanno ispezionato la rosticceria presso cui la donna aveva comprato la focaccia e disposto la chiusura dell'esercizio commerciale e dell'hotel a cui quest'ultimo è annesso, per via di potenziali gravi violazioni delle regole vigenti sulla sicurezza alimentare. Le autorità di polizia indiane hanno giustificato con le seguenti parole la decisione di mettere i sigilli a quei locali: "Abbiamo ispezionato immediatamente l'hotel. Era in pessime condizioni ed è stato notificato un avviso di chiusura immediato". Le istituzioni municipali hanno però evidenziato che proprio l'hotel e il locale incriminati sarebbero sempre stati "in regola con tutte le licenze e le prescrizioni in vigore".

Commenti