Cronache

La morsa del maltempo da Nord a Sud. Un fiume di fango travolge Formia

Scattata l'allerta meteo in tante zone del Paese. Oggi tromba d'aria nella costa Pontina. Formia è stata travolta da un nubifragio. In serata allerta gialla a Milano

La morsa del maltempo da Nord a Sud. Un fiume di fango travolge Formia

Italia ancora vessata dal maltempo: dopo la terribile alluvione avvenuta nelle Marche, adesso è la volta del Lazio, con il comune di Formia (Latina) letteralmente travolto da un nubifragio.

A Formia un fiume di fango

Sono ore critiche a Formia, colpita da una bomba d'acqua. Le condizioni meteo nel Lazio si sono mostrate sfavorevoli sin dal primo pomeggio, quando una tromba d'aria ha colpito la costa Pontina. Numerosi i danni fra Sabaudia e Terracina, dove sono caduti parecchi alberi e molte case sono state letteralmente travolte dai forti venti. Tanti i tetti scoperchiati, e le strade divenute inagibili. Via Migliara 56, ad esempio, è stata chiusa.

Decine gli interventi dei vigili del fuoco che hanno cercato di portare soccorso alla popolazione.

Poi, il nubifragio, che si è abbattuto su Formia. L'incessante caduta di acqua ha infine portato all'esondazione del torrente Rio Fresco, e un intero quartiere è stato invaso dal fango. Panico fra i cittadini, che hanno cercato disperatamente di mettersi in salvo. Il fango ha travolto strade, auto e abitazioni. Tanti i residenti a chiedere aiuto.

Almeno fino ad ora, non sono stati registrati morti o dispersi, come affermato dallo stesso primo cittadino. "La zona di Santa Maria La Noce è stata colpita pesantemente: la strada è quasi completamente crollata e si è verificata l'interruzione di alcuni servizi nelle abitazioni che abbiamo prontamente evacuato. C'è stato molto spavento ma nessuna persona è rimasta ferita" ha spiegato all'Adnkronos Gianluca Taddeo, sindaco di Formia.

Angelo Tripodi, capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Lazio, ha invocato immediati interventi. "Al di là dello stato di calamità naturale, occorrono dei fondi straordinari per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico. Un anno fa è accaduto a Itri, che necessita ancora di interventi risolutivi. È un'emergenza non più rinviabile" ha dichiarato.

Maltempo da Nord e Sud

Se prendiamo in considerazione altre zone dello Stivale vediamo come il maltempo stia interessando gran parte del nostro Paese. Com'era stato annunciato a fine agosto, il grande caldo ha portato come conseguenza una preoccupante condizione di instabilità.

A Milano è allerta gialla, e si prevedono temporali sono alle prime ore di domani. C'è infatti una perturbazione in arrivo dalla Porta del Rodano (Francia), con temporali e forti rovesci. Piogge dunque nell'area tirrenica e ligure, così come nell'ovest della Sardegna e nel Nord-Italia. Tale perturbazione raggiungerà nella giornata di domani, venerdì 30 settembre, anche le regioni Lazio e Campania.

Allerta meteo, anche se moderata, per Friuli Venezia Giulia e Liguria. Giacomo Giampedrone, assessore alla Protezione civile ligure, ha raccomandato ai cittadini di tenere alto il livello di guardia e di fare il possibile per tutelarsi.

In allarme anche la Sicilia, dove è stata diffusa l'allarta gialla. Arancione, invece, in Campania, dove si prevedono peggioramenti meteo nelle prossime ore. Sorvegliate speciali Piana Campana, Napoli, Isole, area vesuviana, Alto Volturno e Matese, Costiera Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini, Tusciano e Alto Sele. Su decisione del Comune, domani a Napoli resteranno chiusi tutti i parchi cittadini e anche Castel dell'Ovo e il Maschio Angioino. Nel resto della Campania è allerta gialla.

Commenti