"Direttore? Poca autostima...". La Boldrini processa la Venezi

Laura Boldrini ha commentato le polemiche sulla richiesta della Venezi di declinare al maschile il suo ruolo di direttrice d'orchestra senza risparmiare critiche alla 31enne

"Direttore? Poca autostima...". La Boldrini processa la Venezi

Quando si dice non perdere l'occasione per tacere. Mentre tutti applaudono alle parole di Beatrice Venezi, che ha scelto di dare un calcio al politically correct definendosi direttore d'orchestra, la voce fuori dal coro è quella di Laura Boldrini. L'esponente del Pd, intervistata dall'Adnkronos, è tornata sulla questione di genere criticando la scelta della Venezi ammettendo, oltretutto, di non aver neanche visto la diretta di Sanremo.

"Non ho seguito in diretta, ma dico in primis bravo Amadeus a rispettare il genere femminile - ha commentato la Boldrini all'Adnkronos - Più che una scelta individuale della direttrice d'orchestra Venezi, è la scelta grammaticale a prevalere e quella italiana ci dice che esiste un genere femminile e un genere maschile. A seconda di chi riveste il ruolo si fa la declinazione. Chi rifiuta questo lo fa per motivi culturali". Il commento dell'ex presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini arriva il giorno dopo le parole di Beatrice Venezi, che nella quarta puntata del Festival - dopo essere stata chiamata direttrice - ha puntualizzato sul suo mestiere: "La posizione ha un nome preciso e nel mio caso è quello di direttore d'orchestra, non di direttrice. E così voglio essere chiamata, me ne assumo la responsabilità".

Parole che Laura Boldrini ha voluto subito commentare in tono critico, forte della battaglia personale che sta conducendo, insieme ad altre cento donne, contro la Treccani sul termine "donna". E così ecco arrivare la lezione di linguistica: "La declinazione femminile la si accetta in certe mansioni come 'contadina', 'operaia' o 'commessa' e non la si accetta quando sale la scala sociale, pensando che il maschile sia più autorevole. Invece il femminile è bellissimo".

La Boldrini non si è risparmiata, alla fine, la critica diretta alla 31enne: "Direi che è un problema serio che dimostra poca autostima. Inviterei la direttrice Venezi a leggere cosa dice l'Accademia della Crusca, la più alta autorità linguistica del nostro paese. Se il femminile viene nascosto, si nascondono tanti sacrifici e sforzi fatti. Un atteggiamento che non rende merito al percorso che tante donne hanno fatto per raggiungere queste posizioni. Mi permetto di invitarla a riflette su queste cose. Anche perché non è affatto brutto o cacofonico 'direttrice', ma rappresenta l'affermazione di un traguardo. Spero si renda coto che usare il femminile possa aiutare tante ragazze ad avvicinarsi a questo lavoro che per secoli è stato solo di uomini". E sulle parole della Venezi è intervenuto anche l'ex ministro Fedeli: "Già quando sono entrata nel sindacato Cgil mi facevo chiamare 'la segretaria nazionale' e non 'il segretario'. Poi 'ministra' e 'la vice presidente del Senato'. La lingua italiana ci offre termini corretti per non escludere e non imporre. Sulla questione del direttore o direttrice di orchestra, prendo atto che Beatrice Venezi, bravissima e preparatissima, abbia scelto di farsi chiamare 'direttore'. Avrei preferito il contrario, ma bisogna essere liberi di scegliere, di farci chiamare come ci si sente meglio", ha affermato all'Adnkronos.

Commenti