Il pericoloso virus della censura

Che il mio collega e amico Mario Giordano giochi (con successo) a fare il mattacchione su Rete 4 è un fatto. Che il mio maestro Vittorio Feltri abbia rotto (con altrettanto successo) i freni inibitori è altrettanto vero

Che il mio collega e amico Mario Giordano giochi (con successo) a fare il mattacchione su Rete 4 è un fatto. Che il mio maestro Vittorio Feltri abbia rotto (con altrettanto successo) i freni inibitori, arrivando a dire in tv, ospite di Giordano, a proposito della guerra sul Coronavirus tra Lombardia e Campania, che «i meridionali in molti casi sono inferiori», è altrettanto vero. Che molti italiani, meridionali e non, ascoltando quelle parole, si siano offesi è vero e legittimo; che altrettanti meridionali e non abbiano sorriso e riso divertiti è indiscutibile, ne conosco più d'uno. Ma che tale Vittorio Di Trapani, segretario del sindacato dei giornalisti Rai, detto Usigrai, e l'immancabile neo senatore pd Sandro Ruotolo chiedano di processare il direttore di Libero e il conduttore di Fuori dal Coro e di espellerli dall'Ordine dei giornalisti è la prova che in Italia come diceva Ennio Flaiano - la situazione è grave, ma non è seria.

Parlandone solo per un secondo seriamente, trovo che le bizzarre parole di Feltri escano dai canoni e dalla correttezza professionale molto ma molto meno comunque meno pericolosamente - dei faziosi servizi filogovernativi che ogni giorno ci scodellano Tg1 e Tg3, cosa che, questa sì, dovrebbe turbare ma così non è - la sensibilità dell'Usigrai. E trovo che Sandro Ruotolo, in quanto senatore del Pd, quindi di maggioranza, prima di processare gli altri dovrebbe affrontare lui il tribunale della storia per l'incapacità del suo partito di rimettere in moto e in sicurezza l'Italia azzoppata dal Coronavirus.

Nel febbraio del 1960 Indro Montanelli, in una intervista a Le Figaro, ebbe a dire: «Ah! La Sicilia! Voi avete l'Algeria, noi abbiamo la Sicilia. Ma voi non siete obbligati a dire agli algerini che sono francesi. Noi, circostanza aggravante, siamo obbligati ad accordare ai siciliani la qualità di italiani». In risposta, la Sicilia venne tappezzata di manifesti a forma di necrologio: «Per le ingiurie lanciate contro l'intero popolo siciliano sarà rifiutata la vendita di giornali contenenti articoli di Indro Montanelli». E la cosa finì lì. Belli quei tempi, i tempi alla don Camillo e Peppone, liberi cazzotti e libere goliardate. Oggi ci ritroviamo con Ruotolo e Di Trapani, esposti, codici etici, giudici e tribunali. Ma piantatela lì, lasciate che siano i lettori e i telespettatori a decidere, come allora fecero i siciliani con Montanelli, se continuare o no a seguire gli sketch di Giordano e Feltri. Si chiama libertà e, tranquilli, le app-spie sul telecomando il Pd ancora non le ha previste.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

mzee3

Gio, 23/04/2020 - 17:28

Egregio Direttore, non faccia l'ingenuo, non confonda la censura con la necessità del rispetto di ciò che si dice. Che Giordano piuttosto che Porro o Feltri e anche lei giochiate sul fatto che più volgarità si dicono, maggiore è il tono della voce e maggiore diventa assordante il rumore del popolino. Questo però non gioca a vostro favore. Pertanto non scomodi la censura si imponga piuttosto il bon ton della nella sua categoria, sarà un bene per tutti.

gedeone@libero.it

Gio, 23/04/2020 - 17:32

Ok Direttore, però quella frase sulla inferiorità dei meridionali Feltri poteva risparmiarsela, e dai.

mzee3

Gio, 23/04/2020 - 17:35

A seguito di quello che spero venga postato… I tempi del GRANDE MONTANELLI erano tempi in cui i giornalisti erano dei GRANDI GIORNALISTI e non dei piccoli e mediocri saltimbanchi televisivi, i Peppone i Don Camillo erano persone che si affrontavano ma si rispettavano come persone… oggi i vari presentatori televisi come Porro, Giordano e ci aggiungiamo anche Feltri che lei citava, portano odio e disprezzo contro quelli che loro considerano nemici e non PERSONE avversarie. E visto che lei parla di censura vanno censurate … e subito.

Nicolaennio

Gio, 23/04/2020 - 17:37

Voler censurare i "faziosi servizi del tg1 e del tg3" e non fare parola del tg2, dove Salvini regna incontrastato, in un articolo che parla del pericolo della censura, e poi rinvangare una dichiarazione del 1960!, cioé sessant'anni fa di Montanelli... ma qual è il filo logico?

Ritratto di Opera13

Opera13

Gio, 23/04/2020 - 17:39

Non ci sono giustificazioni per chiunque si riferisca ad altri da inferiori come le fece il "Carroccio", partito nato separatista. Feltri provi a ruotare Nord con Sud circondandolo da paesi poveri poi vediamo se il PIL rimarrebbe lo stesso. Il Nord è inondato di pensiero creativo che proviene da inferiori del sud.

Nicola48ino

Gio, 23/04/2020 - 17:42

Egregio2volte Direttore:come sempre analisi lucida e semplice. I compagni sono permalosi e poi loro cosa c'entrano? È una diatriba tra Feltri e i meridionali(secondo la nuova carta l'Abruzzo sta a sud e il Lazio sta al centro stando x metà piu a sud di noi) io non mi sento offeso conoscendo il dir.che voleva dire che al nord sono più attivi più autosufficenti insmma hanno una marcia in più. Poi usisgrai a che serve? Una poltrona x un giornalista tesserato che non si sa cosa faccia o scriva. Ruotolo baffone non avendo ricevuto ancora un passaggio ha voluto tirare il rigore così sappiamo che anche lui dopo tutto è in squadra. Terroni compreso me.

Aless3660

Gio, 23/04/2020 - 17:54

Complimenti Sallusti...la solita lezioncina da perfetto liberale in linea all'orientamento quotidiano del suo "Giornale", non confonda la libertà di parola con la libertà di offendere impunemente, é facile difendere un collega se sa che è del suo stesso schieramento, fosse stato un giornalista di vedute opposte non lo avrebbe difeso con uguali parole. Quanti giornalisti di origini meridionali lavorano sotto di lei?

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 23/04/2020 - 18:03

Caro Direttore, sono un assiduo lettore di entrambi (Lei ed il suo collega Feltri) e qualche volta sorrido e qualche altra volta mi indigno. Sono meridionale e vorrei chiarire che, secondo me, in Italia la questione meridionale è tutt'altro che risolta e superata. Quindi quando "voi del Nord" parlate del Sud, per favore, tenetene conto in quanto se il Nord può vantare un indubbio maggiore benessere rispetto al Sud è perché, come già in precedenza ho avuto modo di dire, noi del Sud non abbiamo avuto remore a venire al Nord per lavorare con sacrifici, impegno, sudore, buttando il sangue e qualche volta tirando le cuoia sul posto di lavoro. L'avreste fatto voi a parti invertite? Non lo so. So soltanto che certe affermazioni da parte di persone che stimo mi feriscono più di quelle dette da persone a me indifferenti.

musampakiki

Gio, 23/04/2020 - 18:13

Egregio direttore, scenda dallo specchio, si è arrampicato troppo in alto! Non vorrà cadere?!?

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 23/04/2020 - 18:14

Un'invettiva scoperta permette almeno di decidere se e' doverosa o gratuita, e di conseguenza quale credibilita' attribuire al suo autore. Un attacco camuffato da ordinanza, con contorno di corifei salmodianti, per la sua stessa natura richiede quantomeno il TEMPO, che non tutti hanno (o vogliono trovare) PER ANALIZZARE COMPIUTAMENTE DOVE VADA A PARARE, a meno di avere gia' sviluppato una certa abitudine. E questa, al tempo delle "notizie flash" predigerite, sembra diventare sempre piu' un' "abitudine NEGATIVA". Personalmente sono imbestialito per la RESA INCONDIZIONATA di ormai tutti i quotidiani importanti al "VERBUM VERITATIS" IMPOSTO DALL'ALTO su quasi tutti gli argomenti d'attualita'.

hellas

Gio, 23/04/2020 - 18:17

Premessa, sono veneto. La sparata di Feltri non mi è piaciuta, lui oramai crede di essere diventato un personaggio televisivo proprio in virtù di questi eccessi. Anche Giordano dovrebbe limitarsi a fare il giornalista, evitando il ruolo di saltimbanco tv.,, mi piacerebbe un giornalismo anche polemico e perfino schierato, ma dai toni civili e rispettosi. Purtroppo oramai quel tipo di giornalismo sta sparendo...

prohalecites

Gio, 23/04/2020 - 18:18

forse si riferiva al cosidetto 'residuo fiscale'.....+ 96 miliardi di € dal Nord Nord! - 24 miliardi per le regioni che danno il maggior numero di ministri+premier e capo dello stato

Rcorvaglia230

Gio, 23/04/2020 - 18:19

ha toppato in pieno caro direttore, innanzitutto ha messo le mani avanti dissociandosi nella forma ma non nei fatti dal suo MAESTRO, per il quale concorda che l'ha fatta fuori dal vaso,(personalmente credo che si sia messo d'accordo con Crozza per fornirgli delle battute. Ma Lei parlando di faziosi servizi di 2 reti rai non cita rai2 ed ovviamente se ne guarda bene dall'elencare tg4 - tg5 - studio aperto - televisioni che sfornano in continuazione non solo notiziari ma anche programmi decisamente non filogovernativi. Questo per capire la diversità di trattamento nelle reti tv. Ma soprattutto caro direttore lei ha dimostrato di essere un bravo e perfetto discepolo del suo MAESTRO, la dove dice (testuale) "Ma che tale Vittorio Di Trapani, segretario del sindacato dei giornalisti Rai, detto Usigrai,ecc " Beh! io fino ad oggi non sapevo chi fosse Vittorio Di Trapani, ma non certo lei che citandolo come "tale" si è ritenuto superiore proprio come il suo maestro.

Giorgio1952

Gio, 23/04/2020 - 18:21

Egregio Sallusti io trovo che le bizzarre parole di Feltri non escano dai canoni e dalla correttezza professionale, sono insulti gratuiti come quelli che Feltri ha rivolto a Barbara Lezzi, anche lei additata come la “meridionale”, che "sputa sentenze sprovviste di qualsiasi logica politica. Poveraccia, va capita. Come tutti coloro che non hanno una adeguata preparazione culturale, Lezzi riempie i suoi discorsi di banalità, quando va bene e di minchiate solenni quando va male". “La donna è disinformata, il che non stupisce, considerato il suo livello di istruzione, ed è normale che ignori i temi dei quali discetta a ruota libera". Lasci stare Montanelli ed a proposito di censura le ricorda qualcosa il termine “editto bulgaro” e le telefonate in diretta a Lerner, Floris e Santoro del suo editore?

mzee3

Gio, 23/04/2020 - 18:26

Nicola48ino ### caro terrone (???) le ricordo che il dna degli odierni nordisti è intimamente mutato rispetto ai nordisti degli anni '40 o '50. Ci sono più terroni al nord che al sud(geneticamente parlando) quindi … si faccia una doccia e non scriva sxxxxxxxe. Lasci stare Feltri e saltimbanchi televisivi e non li osanni… non lo meritano, anzi, visto che lei si definisce terrone ...si indigni.

Unoamareggiato

Gio, 23/04/2020 - 18:30

Allora perché non vengono denunciati i vari Gad Lerner, Scanzi, Formigli e via discorrendo?

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Gio, 23/04/2020 - 19:19

X Opera13 17.39: per carità, avrai anche sicuramente ragione, ma mi spieghi perché tutto questo pensiero creativo proveniente da "inferiori del sud" e che effettivamente inonda tutto il nord, non riesce ad espletare tutte le sue potenzialità rimanendo ad arricchire l'economia del sud? Ne trarremmo sicuramente vantaggio tutti e toglieremmo anche benzina alle sparate di Feltri. P.S.: perché sono costretti a "scappare"? Forse è giunto il tempo di darsi una mossa, cogliamo tutti l'occasione.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 23/04/2020 - 19:29

Non perdo mai l’occasione di vedere in TV sia Sallusti (di cui leggo anche i suoi scritti), sia il divertente Giordano. Spero che nella Repubblica continui sempre la libertà di espressione, senza limitazioni politiche.

musampakiki

Gio, 23/04/2020 - 19:48

@unoamareggiato, ma ci sei? Hai letto l'articolo di sallusti? Hai visto l'intervento di Feltri? Ti pare che uno dei giornalisti da te citati abbia mai espresso concetti su base razziale? Sono amareggiato.

Lucmar

Ven, 24/04/2020 - 10:16

Bravo direttore.

ulio1974

Ven, 24/04/2020 - 10:24

secondo me i meridionali hanno ragione ad offendersi: gli inferiori siamo noi del nord, che non abbiamo capito una mazza. lavoriamo e paghiamo tasse per mantenere interi paesi al sud con il reddito di nulla facenza, mantenere amici dei nipoti del vicino in posti pubblici. FELTRI SVEGLIATI!!! GLI INFERIORI SIAMO NOI!!!!!

Thomas-1

Ven, 24/04/2020 - 10:30

Confesso che Sallusti per me rappresenta un faro. Leggerlo mi aiura sempre a capire dove sta la parte giusta. Ed e' sempre quella opposta alla sua. E molte volte, come in questo caso, mi vergogno per lui per quanto e' fazioso e privo di equilibrio ed obiettivita'. Doti, queste, che dovrebbero albergare naturalmente in un giornalista. Non ci sarebbe voluto molto ad ammettere che Feltri ha gravemente toppato ed ammonirlo sulla pericolosita' di certe insulse affermazioni.

Cheyenne

Ven, 24/04/2020 - 10:56

Gentile Direttore, sono siciliano e sono perfettamente d'accordo con lei e al 90% con Feltri che seguo da decenni con interesse e passione giudicandolo persona perbene prima ancora che un ottimo giornalista. Io non mi sono offeso, odio il politically correct e quindi giudico l'opinione di Feltri nient'altro che un opinione dalla quale parzialmente dissento. Per molti versi i terroni o sudisti o meridionali sono molto più geniali, dinamici e lavoratori dei polentoni o settentrionali o nordisti (basti pensare quanti docenti universitari del sud ci sono nelle migliori università del mondo). Se poi una combriccola di pennivendoli stalinisti capeggiata dal famigerato Ruotolo si è offesa, basta che non compri più i giornali su cui scrive Feltri. Così è la democrazia, il resto è nazicomunismo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 24/04/2020 - 11:08

bisogna sempre specificare con i babbei comunisti grulli! la loro stupidità ci costringe a insegnare a loro le buone maniere, oltre a ricordare tante cose non di proposito non vogliono ricordare.... :-)

Ritratto di Giorgio_Pulici

Giorgio_Pulici

Ven, 24/04/2020 - 11:08

Come al solito ai "compagni" assieme alle mani prude la magistratura.

il gatto nero

Ven, 24/04/2020 - 11:23

@mzee. Quindi si evince che lei giudichi dei grandi giornalisti i Saviano, le Gruber, i Lerner etc. Ma, mi chiedo, lei ha mai letto il Saviano insultante e il Lerner con le sue parole diffamanti, o lei preferisce scrivere le sue mincxxxxxte su il Giornale ? Lascio perdere. Ho già speso troppo tempo con un povero diavolo !

pilandi

Ven, 24/04/2020 - 11:23

@Unoamareggiato "Vittorio, é lei?" (cit.)

cesrosan

Ven, 24/04/2020 - 12:01

Condivido pienamente il post di "il gatto nero", ore 11:23,perfetto!!!

Ritratto di lurabo

lurabo

Ven, 24/04/2020 - 12:20

il gatto nero condivido in pieno ma sai loro possono gli altri no!! ma sta finendo tra poco finirà tranquillo!!

angryant

Ven, 24/04/2020 - 12:37

strano!.al grido di "salvini fascista" hanno instaurato il loro regime stalinista nella "distrazione"generale. controllano tutte le istituzionie tutta l'informazione(lavaggio del cervello e rieducazione)e ora,con la scusa del virus,hanno di fatto abolito parlamento e opposizione(o "informazioni" o "fiducia") e ci hanno messi ai domiciliari a tempo indeterminato.vediamo,che manca? ah si! l'intervento della magistratura e la repressione. la prima e' gia' in azione,come nel 92,si fa fuori lo scomodo avversrio politico con processi giudiziari(sommari?).la giustizia e' davvero cieca solo se si tratta di reati del pd. la repressione sara' inutile perche' siamo furbi, abbiamo capito tutto e abbiamo esperienza.tutti iscritti al partito!ma stavolta nessuno ci liberera'."nulla sara' come prima" oggi suona come un sinistro avvertimento.

cir

Ven, 24/04/2020 - 12:42

ai giornalisti , venditori di parole , merce privilegiata e strapagata dovrebbe solo essere permessa la narrazione di cronaca e nessuna idea personale , dal momento che i giornali ricevono un contributo statale.

pilandi

Ven, 24/04/2020 - 12:58

@cir no secondo me le opinioni sono anche ben accette a patto che non sfocino nel reato penale, e comunque, via il contributo all'editoria a Libero Quotidiano visto che c'é una denuncia.

Pluto 2012

Ven, 24/04/2020 - 13:10

Non bisogna confondere la liberta di espressione con la liberta di offendere e con la liberta di scrivere falsita Ancora una volta il buon Feltri ci e cascato I suoi 77 anni gia compiuti cominciano a fare effetto. C'est la vie!!!!!!!!

Pluto 2012

Ven, 24/04/2020 - 13:14

Egregio Direttore a Lei va la mia stima incondizionata ma vantarsi di avere avuto come Maestro un tipo come Feltri non è da Lei Se ne rende conto???????? certi cattivi maestri e meglio nasconderli, mi creda

Mannik

Ven, 24/04/2020 - 13:16

Sallusti, lei deve vergognarsi a difendere sia Feltri sia Giordano. Costruire un format su notizie false lo definisce fare il mattacchione? Consentire a un personaggio che ha perso ogni decenza lo definisce fare il mattacchione? Denunciare questa forma di "giornalismo" è più che lecito, anzi è doveroso. Che lei non sia d'accordo era ovvio, visto che il suo stile è quasi identico. Tuttavia non stiamo parlando di censura, ma di argine alla cacofonia. Chi non è d'accordo a sostenere la deontologia è complice.

Ritratto di Opera13

Opera13

Ven, 24/04/2020 - 14:18

@Scimmietta - Stavo evidenziando che grandi menti del sud contribuiscono in modo significativo alla ricchezza del nord e del suo PIL. Inoltre, chi sono i tuoi vicini è abbastanza rilevante soprattutto quando confini con economie forti. Li ami o no, concorderesti che le condizioni sono tanto più favorevoli.Per sviluppare il sud devi sviluppare tutti gli altri vicini sperando che l'evoluzione cambierà anche le mentalità, chissà se questo accadrà mai. Nessuno sceglie dove nascere ma se atterri in una famiglia povera condizionato da cio' che ti circonda, questo non ti rende meno intelligente, ma la crudele realtà è che i tuoi mezzi e le tue opportunità sono notevolmente ridotte rispetto alla nascita a Bergamo figlio di Feltri .

elfo2011

Ven, 24/04/2020 - 14:30

Scrivo qui un commento che non saprei dove altro inserire. Invece che scrivere di queste futili polemiche che definirei "da bar" (dato che una cosa che NON esiste in Italia è proprio la censura), inviterei invece a pubblicare notizie tipo: "La cura-Trump: iniezioni di disinfettante e raggi Uv. Stupore dei medici". Per quanto sia filo-americano (dove ho anche studiato), dovreste risaltare chi sta facendo comunque un lavoro al netto di fake-news (Italia in primis), e chi invece sembra fuori dal mondo (leggi sopra).

Ritratto di Adespota

Adespota

Ven, 24/04/2020 - 14:31

Trovo che Feltri, arrivato ad un certo punto della sua vita, abbia deciso di imitare i personaggi di pirandelliana memoria: gettare la maschera opprimente dell'ipocrisia e apparire come matto e parlare in libertà, pur esagerando ( anche per motivi di audience, come capita spesso a Sgarbi) ma ben conscio delle critiche che arriveranno, ma che non lo toccheranno più di tanto. I veri folli sono, al contrario, coloro che pensano di censurare tutto nel nome del politicamente corretto.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Ven, 24/04/2020 - 14:45

L'altro lato della censura e' la disinformazione, entro la quale le "armi di distrazione di massa" hanno un certo peso. Vedo ora, su "Inside Over", dove non esiste la possibilita' di commentare, l'articolo sugli incendi dolosi a Chernobyl. Pur essendo un altro tema, mi sembra corretto provare a postare qui. Osservazioni: 1) Nonostante Chernobyl sia in Ucraina, viene percepita come RUSSIA. 2)La centrale, da tempo immemorabile e' coperta da un "sarcofago" di cemento, che ne copre le parti a rischio maggiore. Da escludere quindi perdite radioattive importanti. 3) L'Ucraina, come e' ben noto, e' in mano ad OPPOSITORI DELLA RUSSIA, ed abbastanza allo sbando. Conclusione: Basta pagare quattro balordi per poi poter montare un quadro internazionale anti russo, in linea con la crescente richiesta "atlantica", un po' sulla falsariga degli "Elmetti Bianchi"... Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.

cir

Ven, 24/04/2020 - 14:56

Menono Incariola Ven, 24/04/2020 - 14:45 : condovido pienamente !

wyxwyx

Ven, 24/04/2020 - 15:14

Feltri,che ha a cuore il Nord Italia e le sue geniali popolazioni,ha evidenziato il problema che politici e burocrati di roma e del sud stanno okkupando tutto su base etnica(persone nate a roma e al sud),aiutati dalla magistratura e dalla censura che non si può criticare roma e il sud.L'obiettivo è una romanomeridionalocrazia,dove tutti i posti statali sono okkupati da romani e meridionali,che mirano a fare altrettanto nel settore statale semi-privato e in parte privato.L'attacco alla sanità lombarda di roma mira a estromettere i dirigenti nati nel Nord Italia per sostituirli con dirigenti "dop" di roma e del sud.Anche le potenze straniere hanno interesse che in Italia non ci sia una meritocrazia(che porterebbe molti del nord Italia a comandare)ma una romanomeridionalocrazia che renda il paese meno competitivo, debole e indebitato,come piace alle potenze straniere.

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 24/04/2020 - 16:08

X Opera13 14.18: io ho cercato di comprendere le tue ragioni, ma vedo che tu continui a ricadere nello stereotipo comune a tutto il meridione, la colpa è comunque degli altri. Capisco perfettamente che se "atterri" in una famiglia o, peggio, in un particolare contesto sociale ne sei condizionato, ma è proprio questo che intendevo sottolineare, che solo chi è in quel conteso deve smettere di "fuggire", soprattutto le forze migliori devono cercare di modificarlo dal di dentro, senza troppi piagnistei e, questo si, cercando aiuto concreto dal resto dei "suoi vicini" più fortunati che hanno il dover di collaborare. Auguri, ne trarremo beneficio tutti, stanne certo.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 24/04/2020 - 17:12

Direttore lei confonde la libertà di opinione con la libertà di offendere e discriminare come ha fatto Feltri con la compiacenza di Giordano. Per un liberale la libertà d'opinione è sacra, ma è altrettanto sacro il rispetto altrui, le due cose non si possono scindere e far valere a piacimento perchè se manca una delle due, l'altra da sola non regge.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 24/04/2020 - 17:30

@02121940, cosa c'entra la libertà di espressione con le offese, gravi, con la discriminazione, gravissima che Feltri, con i risolini complici di Giordano, hanno perpetuato pubblicamente in tv.

Ritratto di Opera13

Opera13

Ven, 24/04/2020 - 18:48

@Schimmietta - mai detto che la colpa e' degli altri anzi tutto il contrario, ognuno di noi segna il proprio destino altrimenti lotta per cambiarlo. Rimango della mia opinione e lei la sua. Va bene cosi. Veltri scegliendo l'insulto dimostra tutta la sua bassezza.