Piero Chiambretti sbotta: "Noi vip col Covid dei privilegiati? Così mia madre è morta in 4 giorni"

Nell'ultima puntata di Tiki Taka il conduttore ha trattato l'argomento Covid nel mondo del calcio e toccato da alcune dichiarazioni pungenti non è rimasto in silenzio

Piero Chiambretti sul coronavirus non fa sconti. Il popolare conduttore, che lo scorso marzo è stato contagiato e ha perso addirittura sua madre per colpa del virus, è tornato sull'argomento nel corso del suo programma Tiki Taka, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa.

Nell'ultima diretta del programma sportivo in onda su Italia Uno, Piero Chiambretti è tornato a parlare del problema Covid nei campionati di calcio. Il rischio di un imminente stop alle partite si fa sempre più concreto per colpa dei continui casi di positività, che ogni giorno si contano negli spogliatoi delle squadre italiane. Approfittando della presenza di Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, Chiambretti ha avuto modo di affrontare la questione dal punto di vista del rischio sospensione, ma prima di farlo il conduttore ha voluto fare un passo indietro.

Piero Chiambretti è tornato con la memoria a sette mesi fa quando sia lui che la madre hanno contratto il coronavirus. Il ricovero in ospedale, le cure urgenti e il decesso della madre hanno segnato profondamente il presentatore, che al viceministro Sileri ha voluto rivolgere un quesito che lo ha toccato da vicino. "Ho letto una dichiarazione che ho definito deficiente - ha spiegato Piero Chiambretti - che peraltro mi riguardava e vorrei girare a lei la mia reazione. C’è un signore, non so chi fosse, che ha fatto l'elenco di tutti i vip che si sono ammalati negli ultimi mesi e, puntualmente, secondo questo signore sono tutti guariti perché negli ospedali avremmo avuto un’attenzione particolare".

Prima di lasciare spazio al viceministro Piero Chiambretti si è voluto togliere la soddisfazione di precisare quanto vissuto: "Io ho perso mia madre in quattro giorni e posso dire di essere stato trattato come tutti gli altri. Lei come viceministro può garantire sul fatto che i vip in ospedale sono uguali a tutti gli altri o pensa che qualcuno possa aver avuto un occhio di riguardo?". Una domanda che più che tale è apparsa un chiaro riferimento ad abbassare i toni e a evitare insinuazioni da chi, forse, il Covid lo ha visto solo in tv. Ma alla quale ha posto un punto Sileri: "Faccio fatica a pensare che qualcuno abbia avuto un occhio di riguardo. È una pura idiozia".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.