La proposta di Ilaria Capua: "Cinema e teatri vuoti? Usiamoli per i vaccini"

La virologa Ilaria Capua ha proposto di somministrare il vaccino nei cinema e nei teatri vuoti,così da ridare fiato a un settore in forte perdita

Non basta certo l'annuncio di un vaccino contro il coronavirus dotato di un'efficacia prossima al 100% per potersi dire fuori dall'emergenza sanitaria. In seguito ai comunicati diffusi da Pfizer-Biontech e Moderna, la strada sarà in discesa ma pur sempre ricca di ostacoli da evitare a ogni costo.

Il motivo è semplice: una volta che il vaccino avrà superato tutte le fasi di sperimentazione previste, bisognerà attendere il via libera delle varie autorità regolatorie del mondo. A quel punto, grazie alla definitiva fumata bianca, il farmaco entrerà in commercio. Ed è qui che la faccenda inizierà a complicarsi, visto che centinaia di milioni di dosi dovranno essere distribuite in tutti i continenti.

La somministrazione del vaccino

Detto altrimenti, i Paesi sono chiamati ad allestire adeguati piani logistici così da essere in grado di distribuire il farmaco nel modo migliore possibile. Tutto questo significa preparare magazzini all'interno dei quali stoccare le fiale dei vaccini, eventualmente dotati di frigoriferi tali da conservare le dosi alle giuste temperature.

Ma anche tirare a lucido infrastrutture e trasporti per ricevere e diffondere nel territorio il tanto atteso vaccino anti coronavirus. E ancora: un sistema di sicurezza per scongiurare furti, siringhe e garze per somministrare il siero e, last but not least, un luogo in cui effettuare le iniezioni ai cittadini.

Come ha sottolineato la virologa Ilaria Capua sul Corsera, un'idea potrebbe essere quella di somministrare il vaccino nei cinema e nei teatri vuoti. Insomma, coniugare due mondi agli antipodi, quello della sanità pubblica e quello dell'intrattenimento (in forte perdita) per adempiere alla vaccinazione di massa più imponente della storia.

La possibile soluzione: cinema e teatri

Per quanto riguarda l'Italia, a fine gennaiosaranno disponibili 3,4 milioni di dosi di vaccino. Altre seguiranno nell'immediato. In un primo momento il siero sarà iniettato alle categorie di persone più a rischio, come gli operatori sanitari e i lavoratori essenziali. È possibile che alcuni vaccini possano essere messi in commercio in confezioni multi-dose. Ovvero: da una sola fiala o confezione di vaccino bisognerà vaccinare più persone nello stesso giorno.

A quel punto sarà necessario affrontare un nuovo problema: gestire un ingente flusso di persone da vaccinare. In altre parole si dovranno allestire presidi per gestire le operazioni di vaccinazione. La virologa Capua ha proposto, anche al fine di sostenere uno dei settori che più ha sofferto la crisi economica provocata dalla pandemia, di puntare su cinema e teatri.

In concreto, si tratterebbe di usare le sale dei suddetti luoghi di intrattenimento per accogliere i cittadini ai quali iniettare il vaccino. D'altronde cinema e teatri hanno già una modalità di ingresso controllata, con tanto di percorso a senso unico fino all'uscita. Hanno pure l'elettricità sufficiente per un congelatore a -70 gradi, presentano vie di fuga e altri servizi. Le persone, ad esempio, potrebbero sedersi, distanziate, e attendere il loro turno.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

CICERONE24

Sab, 21/11/2020 - 10:12

Questa è un’altra che pontifica tutti i giorni. Ma questi virologi che mestiere fanno? I tuttologi? Peggio di Arcuri… l’unico modo per distribuire i vaccini è l’utilizzazione dell’Esercito, che ha il personale e le strutture, per non parlare della logistica su tutto il territorio italiano.

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 21/11/2020 - 10:43

Smettetela di dare corda a CIARLATANI, che hanno la bocca slo per potrare panico tra le genti!!!

Ritratto di moshe

moshe

Sab, 21/11/2020 - 10:53

... un'altra che si è fatta prendere dalla smania di apparire e di chiacchierare, da mettere nel mucchio assieme agli altri

Curro

Sab, 21/11/2020 - 12:02

Onorario per l'idea compreso nel cachet o è un extra?

Happy1937

Sab, 21/11/2020 - 12:21

Non occorre andare a mettere a soqquadro cinema e teatri, basterebbe che i buonisti del Vaticano mettessero a disposizione i loro conventi vuoti.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 21/11/2020 - 13:03

anche gli stadi e i palazzetti dello sport sono vuoti.