Se al liceo arriva la zona fumatori

"Area a sorveglianza allentata" nel cortile del liceo linguistico Manzoni. Chi vuole lì può fumare. Il preside: "Il proibizionismo non funziona mai"

La lotta contro il fumo nelle scuole è senza fine. Ora in una scuola di Milano c'è chi ha avuto l'idera di allentare la morsa, creando uno spazio a "sorveglianza limitata". Che tradotto dal burocratese vuol dire: non c'è bisogno di nasondersi nei bagni, fumate pure qui. Nel cortile del liceo linguistico Manzoni c'è uno spazio apposito che è stato delimitato con il nastro adesivo. L'obiettivo dei dirigenti scolastici è allentare la morsa, sperando, così, di rendere il fumo "meno accattivante", proprio perché non è (del tutto) proibito.

La strategia anti tabagismo, come si legge sul Corriere, in realtà è molto più ampia e articolata. "La zona franca - spiega il dirigente Giuseppe Polistena - fa parte di una strategia più ampia che prevede corsi di prevenzione al tabagismo per prime e seconde classi all’Istituto dei Tumori e un dialogo continuo con i ragazzi che sta funzionando. Tra i minorenni i fumatori sono diminuiti". E un primo risultato tangibile è subito arrivato: "Quando abbiamo imposto il divieto avevamo i 52 bagni della scuola intasati: i ragazzi si chiudevano a fumare. Qualcuno usciva sul cornicione per non essere visto. La legge è velleitaria. Mancano gli strumenti per attuarla. Nessun proibizionismo ha mai funzionato. Serve invece comunicare ai ragazzi l’importanza di smettere. Solo chi è in trincea può vedere".

Si tratta di arginare il fenomeno, anziché pensare di risolverlo solo con i divieti. Che ovviamente ci sono e restano. Comprese le multe per chi trasgredisce. Anche se la cosa migliore resta l'informazione. Spiegare bene le conseguenze del fumo e i rischi che si corrono avendo certi comportamenti e stili di vita (non solo fumare).

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 15/12/2017 - 15:15

c.v.d si creano leggi per ingrangerle o non applicarle,specialmente in itaglia..per quello vogliono venirci tutti!!

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 15/12/2017 - 18:09

Ottimo! Almeno così chi vuol fumare può farlo senza disturbare gli altri. Se penso a com'erano i bagni del Liceo Classico ai miei tempi... Quei poveretti che non fumavano e avevano bisogno di andarci durante l'intervallo rischiavano seriamente di intossicarsi.

libertyfighter2

Ven, 15/12/2017 - 18:17

bandog in Italia le leggi si creano per poterti multare. L'unico scopo di numerosi enti pubblici è raggranellare soldi inventando sanzioni pecuniarie

diesonne

Ven, 15/12/2017 - 19:25

diesonne la scuola non educa e ritrovo con osteria PER I VAGABONDI-CHE FA IL MINISTRO DELL'ISTRUZAIONE?ZERO

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 15/12/2017 - 19:33

Fumatori...ma di cosa ? E la sala "tirate" ?

semelor

Ven, 15/12/2017 - 20:12

Roba da matti, il fumo fa più morti di CANCRO che la droga e i dirigenti scolastici creano una zona fumo libero? Sicuramente il dirigente sarà un fumatore incallito e nel suo cervello affumicato pensa sempre che non faccia poi così male una sigaretta. Organizzi con medici oncologi delle conferenze contro il fumo per informare la gioventù di quanto fa male e.......poi maschi diventano impotenti, sai che bello pure tiro-lesi.