Taranto, spunta tra i palazzi il murale di Nadia Toffa

La ex Iena di Italia 1, venuta a mancare il 13 agosto scorso, è stata al fianco dei tarantini per combattere uno dei problemi più grandi che incombono sulla città: l'inquinamento e la tutela della salute

Taranto, spunta tra i palazzi il murale di Nadia Toffa

Taranto vuole rendere omaggio alla sua cittadina onoraria Nadia Toffa con un murale che la ritrae vestita da "Iena" e con la bocca sorridente, come piace ricordarla. Già dalle prime ore di questa mattina c'è chi lavora per terminare il dipinto in Via Lago di Monticchio, nel quartiere Salinella, un rione periferico della città.

Nadia Toffa è venuta a mancare lo scorso 13 agosto presso la "Casa di Cura Domus Salutis" di Brescia, dove era ricoverata da inizio luglio in seguito all'aggravarsi delle sue condizioni di salute, ha lasciato un vuoto incolmabile sopratutto tra gli ultimi. Il murale vuole restituire a Nadia l'affetto che ha sempre dimostrato ai tarantini malati oncologici. Per anni, infatti, la Toffa è stata al loro fianco per combattere uno dei problemi più grandi che incombono sulla città: l'inquinamento e la tutela della salute. Alla fine, però, con la città sede del più grande impianto siderurgico d'Europa, a due passi dalle abitazioni, Nadia Toffa ha condiviso lo stesso dolore. Perché di tumore si è ammalata ed è morta anche lei.



Toffa è stata anche madrina dell'iniziativa "Ie jesche pacce pe te" ("io sono pazzo di te", dichiarazione d'amore per Taranto, ndr), di cui è diventata testimonial a livello nazionale, per una raccolta fondi servita a destinare risorse alla sanità. Un progetto promosso da un bar che si trova in Piazza Gesù Divin Lavoratore, nel quartiere Tamburi di Taranto, all'ombra delle ciminiere, e dall'associazione "Arcobaleno nel Cuore". La raccolta fondi, nella primavera del 2017, permise, con 337 mila euro, di realizzare il reparto di Oncoematologia Pediatrica all'ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Toffa, infatti, lanciò e promosse l'iniziativa benefica basata sulla vendita delle magliette.

Commenti