Quelle mascherine vendute come Ffp2 che "filtrano solo il 36%"

In circolazione ci sono 50 milioni di dispositivi di protezione che proteggono meno di quanto dovrebbero

Una presunta truffa arriva dalla Cina sulle mascherine vendute al nostro paese come Ffp2 ma che in realtà filtrano solo un misero 36%. Quanto avvenuto a Roma, nel quartiere Parioli, è stato raccontato da Repubblica. Al centro della vicenda un importatore finito nei guai per un documento.

Le mascherine e il falso certificato

Sulla scrivania dell’intermediario ci sarebbero due fogli. Quello di destra è un certificato di conformità riguardante una consegna di 300mila mascherine cinesi del tipo Ffp2 e 250mila invece modello Ffp3. Sul documento c’è scritto che"i prodotti sono adeguati allo standard En 149:2001+A1:2009, relativo alla direttiva Ce 425/2016 sui dispositivi di protezione individuale", e ciò vuol dire in poche parole che sono ottime, in regola e sicure. Con una garanzia fino a marzo del 2025 stilata dall’Ente certificazione macchine, una società di Valsamoggia, comune in provincia di Bologna. Ma è l’altro foglio a destare qualche problema. Sulla scrivania a sinistra c’è infatti un altro documento, questa volta si tratterebbe dell’esito di una prova di filtrazione fatta fare lo scorso luglio in un laboratorio accreditato spagnolo. L’importatore spiega con un filo di voce che "quelle Ffp2 hanno una capacità filtrante di appena il 36%, contro il 95% richiesto dalla norma, e che neanche le Ffp3 sono regolari, hanno una capacità di filtraggio leggermente inferiore e non superano il test per la traspirazione".

La truffa si ripete da mesi

Non è purtroppo la prima volta che accade una cosa simile. I Nas hanno sequestrato 6 milioni di dispositivi. Questa situazione, come abbiamo già detto precedentemente, si verifica da diversi mesi, circa un anno, da quando cioè il nostro Paese si è trovato a fare i conti con l’epidemia. E soprattutto a fare i conti con la mancanza di tutto: guanti, tute per il personale sanitario, gel disinfettante, ma soprattutto mancavano le mascherine, il principale sistema di protezione. A quel punto il governo aveva preso la decisione di importare i dispositivi dall’Estero anche se privi del marchio Ce. L’importante era che vi fossero solo certi documenti, tra i quali i test report, che attestino che i materiali sono equiparabili.

Nascono quindi frotte di importatori che hanno contatti con i maggiori produttori, che sono quelli appunto cinesi, che iniziano a offrire i dispositivi. Con loro nascono però anche dei certificatori dell’ultimo momento, che in cambio di un compenso sono pronti a timbrare i documenti necessari all’importazione. Ma è quando arriva il commissario straordinario Domenico Arcuri, e la Protezione civile cede la maggior parte dei contratti, che si vedono i primi problemi. Ad agosto Arcuri aveva rescisso un contratto con la società Jc che avrebbe dovuto importare 11 milioni di dispositivi. Contratto rescisso e richiesta danni. Quando però ci si è resi conto che i certificati erano falsi, già 5 milioni di dispositivi erano già finiti sul mercato.

Oltre a questo, altri due contratti finiscono nel cestino. E il motivo è semplice: sul documento c’era scritta un’efficienza filtrante battericida che in realtà non c’era nei fatti. E così anche la società creata da due importatori di Prato

con un cinese è finita indagata perché, secondo la procura avrebbe "approfittato della situazione emergenziale per fornire un prodotto che altrimenti non avrebbe mai potuto realizzare e certificare". Stessa cosa con la Agmin Italy che avrebbe dovuto dare all’Italia delle mascherine tunisine. Peccato però che il certificato dell’Istituto superiore di sanità non fosse proprio chiarissimo. E il bonifico sarebbe dovuto andare su un conto alle Cayman.

Cosa è successo

E questi sono alcuni dei contratti saltati appena in tempo. Altri invece sono andati purtroppo a buon fine, come per esempio quello riguardante ben 1,25 miliardi di euro firmato da Arcuri con tre aziende cinesi che sono adesso oggetto dell'inchiesta della procura di Roma per 70 milioni di euro di commissione presi da alcuni imprenditori italiani. Il via libera sarebbe stato dato dal Cts che si era basato solo sui certificati esibiti dai produttori cinesi. Si trattava di 800 milioni di pezzi tra mascherine chirurgiche e Ffp2. Qualità messa però in dubbio dalla Fonderia Mastieri, un laboratorio di Torino che, su richiesta della trasmissione “Fuori dal Coro” in onda su Rete 4, ne aveva testate due e,“la media dei risultati è un valore di almeno 10 volte peggiore a quello previsto dalla norma".

Fabrizio Capaccioli, Amministratore Delegato di Asacert Assessment & Certification, azienda che da oltre venti anni si occupa di servizi di Ispezione, Certificazione e Valutazione in Italia e all’estero, ha spiegato che “il punto è che la deroga che si sono inventati si basava unicamente su dichiarazioni documentali. D'accordo sulla necessità di fare in fretta ma abbiamo chiesto più volte la scorsa primavera di autorizzare i centri accreditati in Italia come i nostri, per un controllo rapido che non avrebbe allungato troppo i tempi. Ma il governo non ci ha ascoltato".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Dom, 21/02/2021 - 12:45

Quindi dalla Cina oltre al Covid ci mandano pure le mascherine fasulle. Dobbiamo ancora abbracciarli sti cinesi?

Ritratto di Adespota

Adespota

Dom, 21/02/2021 - 12:51

Ti conosco mascherina, anzi no, invero non ti conosco affatto...

Ritratto di alejob

alejob

Dom, 21/02/2021 - 13:08

Perché, forse qualcuno credeva che in questa occasione non poteva fare dei soldini? Guardiamo cosa accade con i migranti, non è la stessa cosa? Pensate chi vive nella nostra società e poi insultano hanno il coraggio e qualcosa altro, per gli altri.

venco

Dom, 21/02/2021 - 13:20

Normale, mascherine di Arcuri pagate più di 1,5 euro caduna all'importatore dalla Cina, moltiplicate per 800milioni e fate i conti.

Junger

Dom, 21/02/2021 - 14:16

MA filtrano cosa le mascherine cinesi? un aereosol di particelle di paraffina che è 10000 o 100000 volte più grande di un virus. In Svezia degli scienziati veri affermano da un anno che non c'è nessuna evidenza sull'efficacia di questi dispositivi cinese. Anzi per la verità questi professori di igiene pubblica affermano che la mascherina è controproducente in quanto implica un continuo toccarsi la faccia e una falsa sicurezza nei rapporti interpersonali. Vietata anche sui mezzi pubblici. A Milano è impossibile non guardare con angoscia e ribrezzo la massa dei pecoroni mascherati e lobotomizzati che sciama per le strade... Per quanto ancora?

Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 21/02/2021 - 14:53

questo comportamento dei compagni del governo CONTE 1 e 2 . altro non è che la chiara dimostrazione della sinistra, in blocco di fare soldi sula pelle del popolo bue, sarebbe molto interessante riuscire a sapere quanto pubblico denaro, è sparito nella tasca della SINISTRA, dove vale sempre il detto COMPAGNO TU PRODUCI.. ED IO MAGNO

leopard73

Dom, 21/02/2021 - 15:19

Ecco i 72 milioni di tangenti dove sono FINITI!! ora indagate pure ma i soldi sono andati bhe che dire di piu siamo in ITALIA!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 21/02/2021 - 15:35

Fatta la legge trovato l'inganno ... fosse solo questo il problema, molto spesso la legge ignora l'inganno se il tutto è fatto a norma di legge.

Eridano

Dom, 21/02/2021 - 15:41

Certificazioni fasulle fatte nella rossa Bologna? Mah. Mascherine volutamente comprate in Cina, quando in Italia erano pronti a produrle a minor prezzo? Mah. Intermediari spuntati dal nulla con aziende fatte pochi giorni prima? Mah. Per non parlare di siringhe e affini. Riri mah. Dite che si sta pensando male?

Dordolio

Dom, 21/02/2021 - 16:05

Tra casa e ufficio di mascherine ne abbiamo di tutti i tipi, acquistate carissime in farmacia o in Rete a pacchi (ultimamente FP2). Beh, mi sono fatto l’idea che NON VALGANO UNA MAZZA e te le metti solo perchè se sei senza le cosiddette autorità ti fanno un mazzo tanto oppure solerti passanti ti riprendono. Le più “raffinate” in busta sigillata lasciano cadere all’apertura un bigliettino “certificatorio”... dalla più diversa provenienza (spesso Turchia...). Nessuno si prende la briga di prenderne una a caso per analizzarla. Non so se siano A LIVELLO GLOBALE una truffa o una presa in giro. Tutto questo è semplicemente pazzesco. O criminale.

routier

Dom, 21/02/2021 - 16:08

Stiamo vivendo l'orrida Era dell' HOMO OECONOMICUS che privo di qualsivoglia remora o scrupolo morale vede nel solo lucro la sua ragion d'essere. O si cambia o ci aspetta un triste destino.

carpa1

Dom, 21/02/2021 - 16:13

Eridano, più che essere noi a pensar male direi che siano loro (gli Arcuri&C.) a pensare che gli italiani siano tutti sce.mi. Se qualcuno produce qualcosa in Italia, tutti a verificare con laboratori ed esperti che il prodotto sia conforme agli standard di riferimento; se arrivano alla Cina sono conformi a prescindere, per cui "no controlli".

necken

Dom, 21/02/2021 - 17:45

queste pseudo mascherine cosi come quelle sovrapagate da Arcuri ecco la magistrature dovrebbe indagare a tal proposito

Ritratto di venividi

venividi

Dom, 21/02/2021 - 18:21

Bella questa, io che sono asmatica da sempre, esco il meno possibile per non essere obbligata ad indossarla perché soffoco dopo pochi minuti mentre ci sono persone anche ragazzini che mi fanno segno di tirarla su. La mascherina non seve a un klinz

routier

Lun, 22/02/2021 - 11:03

Indagare i responsabili della truffa "mascherine fasulle" non è possibile. In Italia la domanda delle cento pistole è: "Quis custodiet costodes ipsos?" (chi controlla i controllori?) Risposte valide e credibili non ve ne sono! Dalla base fino al vertice della piramide burocratica, la nebbia è impenetrabile!