Truffava una novantenne e la figlia disabile, sequestrati 800mila euro

L'uomo, cugino del defunto marito dell'anziana si sarebbe dovuto occupare del patrimonio di lei e della figlia disabile, di cui era stato nominato anche amministratore di sostegno

Per vent'anni si è approfittato della moglie novantenne del cugino defunto, e della figlia disabile, di cui era stato nominato amministratore di sostegno, mentre, invece, le truffava, prosciugandogli praticamente tutto il patrimonio. La Guardia di Finanza hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo nei confronti di un avvocato gardesano di 69 anni, per il reato di truffa, appropriazione indebita, auto-riciclaggio e peculato, per un totale di 800 mila euro.

L'indagine denominata in modo emblematico "Parenti serpenti", ha permesso di riscontrare diverse condotte fraudolente nei confronti dell'anziana signora, che si è accorta dell'intero raggiro soltanto alla morte della figlia disabile, al momento della successione ereditaria.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini e riportato da Il Giorno, in una prima occasione l'avvocato, anche imprenditore, si è fatto consegnare circa 300mila euro, con la scusa di un fruttuoso investimento con l'acquisto di quote di una società riconducibile allo stesso 69enne. In un altro caso si è impossessato di 500mila euro che aveva fatto rientrare in Italia dall'estero con una regolare procedura di collaborazione volontaria. Inoltre come amministratore di sostegno della donna disabile si era impadronito delle rendite vitalizie di una polizza assicurativa, sottoscritta molti anni prima dal cugino defunto, per garantire il sostentamento della figlia.

La Guardia di Finanza di Brescia è riuscita a recuperare il patrimonio estorto all'anziana, dai conti correnti del 69enne, sia personali sia collegati ai suoi investimenti, tra Milano, Desenzano del Garda e Prevalle, oltre che dal sequestro di un prestigiosa proprietà residenziale, nella zona del Lago di Garda.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di venividi

venividi

Ven, 02/08/2019 - 18:38

Per una volta una truffa andata a male per il truffatore. Miei complimenti alla Guardia di Finanza di Brerscia che è riuscita a recuperare il maltolto.