Il Covid sulla pelle a novembre 2019: ecco chi è il nuovo "paziente 1"

Il paziente 1 del Covid è una 25enne milanese. Trovato Sars-CoV-2 nella pelle a novembre 2019, tre mesi in anticipo al primo contagio “ufficiale” e ai casi rilevati in Cina

Il paziente 1 non sarebbe il bambino milanese a cui era stata documentata la presenza del virus con un test eseguito a inizio dicembre 2019. In nuovo paziente 1 italiano del Covid-19 italiano sarebbe una ragazza milanese di 25 anni. Il 10 novembre 2019 le era stata fatta una biopsia della pelle per sospetta dermatosi atipica. Ben oltre tre mesi prima del primo contagio ufficiale, quello di Mattia Maestri all'ospedale di Codogno. E addirittura in anticipo anche rispetto ai primi casi rilevati in Cina.

La scoperta è stata pubblicata sul British Journal of dermatology dai ricercatori dell'Università Statale di Milano guidati da Raffaele Gianotti, in collaborazione con l’Istituto Europeo di Oncologia e il Centro diagnostico italiano. La biopsia "rivista" della 25enne affetta da dermatosi atipica ha mostrato, infatti, la presenza del coronavirus. Le patologie cutanee sono riscontrabili in circa il 5-10% dei pazienti affetti da infezione da Covid-19 e proprio per questo i ricercatori hasnno riesaminato le biopsie di oltre un anno fa.

"Dopo aver studiato le manifestazioni cutanee in pazienti affetti da Covid-19 dell’area milanese - spiega Gianotti - , ho riesaminato al microscopio le biopsie di malattie cutanee atipiche eseguite alla fine del 2019 in cui non era stato possibile effettuare una diagnosi ben precisa. Abbiamo cercato nel passato perché nei nostri lavori già pubblicati su riviste internazionali, abbiamo dimostrato che esistono, in questa pandemia, casi in cui l’unico segno di infezione da Covid-19 è quello di una patologia cutanea. Mi sono domandato se avessimo potuto trovare indizi della presenza della Sars-CoV-2 nella cute di pazienti con solo malattie della pelle prima dell’inizio della fase epidemica ufficialmente riconosciuta".

La biopsia della ragazza milanese ha mostrato la presenza di sequenze geniche dell’Rna del virus Sars-CoV-2, identificato sul tessuto cutaneo tramite due tecniche differenti: immunoistochimica ed Rna-Fish. Due procedure che hanno permesso agli scienziati di rintracciare “le impronte digitali” del Covid-19 nella pelle. "Nel caso della giovane donna - aggiunge Giovanni Fellegara, responsabile del laboratorio di Anatomia Patologica del Centro Diagnostico Italiano - è stato possibile dimostrare mediante indagini immunoistochimiche effettuate presso il nostro laboratorio la presenza di antigeni virali nelle ghiandole sudoripare".

Il dato è poi stato confermato dal riscontro nelle pelle di sequenze geniche dell’Rna virale identificato con la tecnica Rna-Fish effettuata presso l’Istituto Europeo di Oncologia. "Abbiamo dimostrato - conferma Massimo Barberis, direttore dell’unità clinica di Diagnostica Istopatologica e Molecolare dell’Istituto Europeo di Oncologia - la presenza di sequenze virali Sars-CoV-2, anche quantitativamente scarse, sul preparato istologico del 2019 ed anche in sei pazienti del 2020 affetti solo da dermatosi ma senza sintomi sistemici da infezione Covid-19".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

necken

Lun, 11/01/2021 - 13:57

adessa la Cina e non solo potrebbe chidere una class action contro l'Italia ....

cgf

Lun, 11/01/2021 - 14:02

nei campioni conservati di acque reflue di ottobre/novembre 2019 delle città di Bologna, Milano e Torino sono state trovate tracce, quindi?

crock

Lun, 11/01/2021 - 14:03

E poi ci lamentiamo se i cinesi dicono che non sono loro i responsabili!

jaguar

Lun, 11/01/2021 - 14:06

Quindi visto che in Cina nessuno vede-sente e parla, il virus come minimo era presente già dal 2018.

Calmapiatta

Lun, 11/01/2021 - 14:07

OMS: ogni anno 10 mln di nuovi casi di TBC nel mondo con 1,5 mln di vittime di cui il 14% in età pediatrica. Essa è una delle prime tra le 10 cause di morte nel mondo. Limitandosi ai 31 Paesi della UE, nel 2017, sono stati segnalati 55.337 casi. Non ricordo chiusure, DPCM, restrizioni. Fatela finita col COVID e tornate a vivere.

Nicola48ino

Lun, 11/01/2021 - 14:11

State facendo in tutti i modi x evitare le colpe ai cinesi. Gira e rigira è stata una di di destra o della lega.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 11/01/2021 - 14:12

Chissa da quando circola in cina, sono talmente onesti che non fanno entrare gli scienziati ancora oggi.

xgerico

Lun, 11/01/2021 - 14:18

Ma che ci frega del paziente zero, chi era e chi non era! In un anno ne avete trovati altri cinque!

fabioerre64

Lun, 11/01/2021 - 14:19

In Cina ad ottobre 2019 ci furono dei giochi, non ricordo se militari o universitari ed alcuni atleti, anche italiani, si ammalarono di quello che poi si scoprì essere il covid19.

signorrossi1

Lun, 11/01/2021 - 14:19

quante scemenze

scurzone

Lun, 11/01/2021 - 14:27

55337 sono meno di 50 milioni di casi! Calmapiatta, ma non ti accorgi di quello che scrivi?

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Lun, 11/01/2021 - 14:28

Non ci posso credere; Salvini si iscrive a a Parler e immediatamente il social vine chiuso... alla trasmissione dell'Annunziata Salvini accusa la Cina di aver creato il virus e immediatamente si trovano tracce del Covid su una ragzza milanese prima ancora che si scoprisse a Wuhan. O Selfini... niente niente hai capito l'andazzo e hai intenzione di schierarti col centrosinistra alle prossime elezioni? Ma quel che più mi preme... Covid o non Covid continua a stare alla larga da San Siro e dal Milan almeno fino al 24 maggio.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 11/01/2021 - 14:31

dunque non era affatto campata per aria le accuse di salvini ... :-) anzi, avevo fin troppi sospetti sulla cina. anche perchè vedevo all'estero in paesi lontanissimi come costa rica, una montagna di cinesi a lavorare sulle infrastrutture (strade ponti, case ecc) e se le mettevo in correlazione con il virus che si stava già propagando a wuhan, c'è da far accapponare la pelle! ma voi, babbei comunisti grulli, state ancora a far finta di niente, come gli struzzi che mettono la testa sotto la terra....

Klotz1960

Lun, 11/01/2021 - 15:02

Come se ci si potesse fidare della Cina circa la data dei primi contagi!! Complimenti al Giornale per dare la prima pagina ad uno studio che ipotizza (ipotizza) il nostro Paese come origine del Covid!!! Si tratta di un danno d'immagine e economico simile a quello inferto dalle campagne anti Berlusconi della sinistra! Complimenti!!! Avanti tutta verso lo sfascio completo!! Poi lamentatevi della Merkel e di Macron!

dagoleo

Lun, 11/01/2021 - 15:07

...e ci giurerei che stà venticinquenne covidda era pure leghista.

mariolino50

Lun, 11/01/2021 - 15:11

Calmapiatta Molto peggio la tbc del virus, e pure la malaria, chissa che ci facevano se arrivava ebola.

dagoleo

Lun, 11/01/2021 - 15:12

...quindi non c'entrano nulla i pangolini cinesi pipistrellati? ahhha finalmente...quei poveri cinesi non sapevano più come fare per far capire al mondo che loro non centravano nulla con la pandemia. come al solito sono quei pasticcioni di itagliani i responsabili untori. ottimo, ed ora nuove salate tasse per pagare i danni pandemici al mondo intero.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 11/01/2021 - 15:17

Mi sembra che si stia semplicemente dando un nome al picco di polmoniti atipiche fuori stagione che i medici lombardi (ma non la regione del dimissionato e inetto Gallera) avevano cominciato a rilevare già a partire dalla fine del 2019 ...

cgf

Lun, 11/01/2021 - 15:22

a) sicuramente è presente nei pipistrelli, b) è di provenienza cinese, proprio la stessa area dove oltre 20 milioni di persone sono rimaste chiuse in casa per 2+ mesi ed i morti non si contano. Area che si trova nello stesso Paese che ha condannato una ricercatrice per aver divulgato per prima cosa stava accadendo e poco dopo tutto il mondo ha scoperto.

Calmapiatta

Lun, 11/01/2021 - 16:04

@mariolino50 Appunto, ma chissà perchè per il virus stiamo tappati in casa mentre la recrudescenza della TBC manco un articoletto sui giornali.

jaguar

Lun, 11/01/2021 - 16:30

El Presidente, vogliamo parlare anche di tutte la polmoniti estive nel 2019, se ricorda tra Brescia, Cremona e alto mantovano ci fu un picco di casi. Dicevano che si trattava di legionella ma non si seppe mai la provenienza e se effettivamente si trattava di quel batterio.

lucas2

Lun, 11/01/2021 - 16:39

ci sono più pazienti 1 che dosi di vaccino disponibile

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Lun, 11/01/2021 - 17:11

@jaguar Era la fine del 2018 mi sembra, anche lì un buco nell'acqua, non ci hanno mai capito niente, era legionella ma di un ceppo poco diffuso che mai aveva dato luogo a fenomeni epidemiologici di quella portata