E De Magistris lancia la crociata in aiuto degli amici di «Annozero»

L’ex pm Luigi De Magistris scende in campo per attaccare la Rai e difendere Annozero, roccaforte del giustizialismo televisivo dove imperano gli «amici» Michele Santoro e Marco Travaglio, anche se a pochi giorni dalla ripresa delle trasmissioni alcuni contratti dei collaboratori storici, come Travaglio, non sono ancora stati controfirmati dai vertici dell’azienda.
«L’attentato alla libera informazione si manifesta anche attraverso le subdole condotte che starebbero caratterizzando la dirigenza politica della Rai riguardo Annozero - dice l’europarlamentare dell’Italia dei valori - contro la trasmissione di Raidue condotta da Santoro si sta esercitando un sottile ricatto attraverso la mancata stipula dei contratti, tra cui pare quello di Travaglio, che non consente a Santoro di andare in onda con la squadra giornalistica al completo». Già che c’era, De Magistris è intervenuto anche a difendere Report, la trasmissione d’inchiesta in onda su Raitre la domenica in prima serata. Anche in questo caso, secondo De Magistris, «si sta cercando di privare della tutela legale i coraggiosi giornalisti d’inchiesta della redazione, trasformandoli in bersagli privi di difesa (anche sul piano economico) da parte di azioni giudiziarie tese ad impedire che l’informazione sia viva, ossia racconti i fatti».