Cronaca locale

E Milano celebra il soldato degli ayatollah

A Milano viene celebrata la memoria di Qasem Soleimani, capo delle milizie "Quds", "soldato musulmano" e braccio operativo degli ayatollah

E Milano celebra il soldato degli ayatollah

«Un combattente di Dio». Mentre in Iran si muore per la libertà - delle donne e non solo - a Milano viene celebrata la memoria di Qasem Soleimani, capo delle milizie «Quds», «soldato musulmano» e braccio operativo degli ayatollah.

Sono giorni drammatici a Teheran. Molti iraniani vanno in piazza da mesi, pacificamente, manifestando per i diritti umani e civili (anche il diritto di non portare il velo). Questa mobilitazione però viene repressa con la violenza dal regime, tanto che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha espresso «la ferma condanna» dell'Italia e la sua «personale indignazione» per la «brutale repressione», «le condanne a morte e l'esecuzione di molti dimostranti».

Manifestano anche in Italia i giovani iraniani, come in altri Paesi: sostengono le proteste democratiche in patria, e nelle nostre città chiedono la chiusura dei centri islamici politicizzati. Lo chiedono anche a Milano, nei loro sit-in. E proprio a Milano, oggi, in uno di questi centri, con ospiti a dir poco controversi viene presentato con toni elegiaci un libro dedicato al comandante dei pasdaran, le Guardie rivoluzionarie: shahid Qasem Soleimani appunto, il «comandante generale martire», il «combattente di Dio» come recita il libro che viene presentato oggi.

Uomo chiave del regime, considerato un pretendente alla Guida del Paese, già plenipotenziario del regime nei teatri «caldi», Soleimani era considerato una minaccia attualissima per gli Usa, l'uomo che - dal Libano alla Siria - muoveva le pedine in Medio Oriente per conto dell'Iran, potenza regionale con vocazione egemonica e dichiarati intendi genocidi nei confronti di Israele. Tutto ciò fino al 3 gennaio 2020, quando Soleimani è stato eliminato a Baghdad da un attacco mirato, rivendicato moralmente da Donald Trump. La «Guida suprema» Khamenei reagì con parole di fuoco, poi proclamò tre giorni di lutto, decise la promozione postuma di Soleimani a tenente generale e lo innalzò a shahid, martire appunto. Ora, «in occasione del quarantaquattresimo anniversario della Rivoluzione islamica», è stato pubblicato questo libro, che viene presentato a Milano, nel centro islamico in zona Romolo.

L'iniziativa è dell'associazione sciita Imam Mahdi che ha sede a Roma. Alla presentazione partecipano il console della Repubblica islamica a Milano, l'imam romano Shaykh Abbas Di Palma, e per l'associazione Hosseyn Morelli, che ha avuto modo nel 2021 di illustrare il suo pensiero sul conflitto israelo-palestinese: «Non solo non crediamo sia un paradosso uccidere in nome di Dio - ha detto in un'intervista - ma quando si tratta di farlo in determinati contesti e condizioni, come quello di respingere gli assalti degli invasori, degli aggressori e dei colonialisti, è del tutto legittimo e sacro».

Commenti