Bomba rivalutazioni: cosa può cambiare sulle pensioni

Il governo sarà chiamato a scegliere tra i tre scaglioni Prodi e il metodo a fasce utilizzato nel 2014 dal governo Letta

Bomba rivalutazioni: cosa può cambiare sulle pensioni

L’inflazione presunta nel 2020 era negativa e, per questo motivo, le pensioni non sono state rivalutate. Ecco perché si dovrà provvedere in maniera energica nella prossima legge di bilancio. Le cifre sono notevoli: servono ben 4 miliardi di euro per le rivalutazioni se, come si prevede, il tasso di inflazione di quest’anno sarà pari all’1,5%. Decisivi si sono rivelati gli aumenti dei prezzi negli ultimi mesi: luce, gas e paniere dei beni di consumo, che concorreranno a determinare una rivalutazione salata rispetto all’inflazione per quasi 23 milioni di assegni previdenziali. Modifiche sono previste anche per quanto riguarda il metodo di distribuzione dei 4 miliardi investiti per le rivalutazioni. Dall’inizio del prossimo anno, se non ci saranno correttivi, si tornerà ai tre scaglioni Prodi, una notizia che potrebbe fare felici i pensionati, ma che creerebbe più di un problema per i conti pubblici.

Come riporta il quotidiano la Repubblica, tutto ciò comporterà un aumento delle pensioni. Lo scorso anno gli assegni previdenziali sono aumentati dello 0,5%, nel 2022 ci sarà un ulteriore incremento. L’entità dei nuovi cedolini dipenderà dal metodo di distribuzione che vorrà adottare il governo e i risultati si cominceranno a vedere dal mese di marzo in poi. Se si dovesse far ricorso agli scaglioni Prodi, gli aumenti delle pensioni partirebbero da 126 euro medi in più all’anno per gli assegni fino a 1.500 euro lordi al mese, fino ad arrivare ai 1.027 euro medi annuali in più per le pensioni che superano i 60mila euro lordi all’anno. Se rimane tutto così come è adesso, invece, l’incremento andrebbe dai 126 ai 484 euro annui. Il governo, quindi, sarà chiamato a scegliere tra i tre scaglioni Prodi e il metodo a fasce utilizzato nel 2014 dal governo Letta.

La differenza tra le due opzioni è tutta nel calcolo. Con gli scaglioni Prodi si attua una rivalutazione piena al 100% fino a 2mila euro, al 90% sulla quota di pensione tra 2 mila e 2.500 euro e 75% sulla quota sopra i 2.500. Il metodo Letta, invece, si basa su cinque fasce di importo e a ciascuna corrisponde un'aliquota secca di rivalutazione (100%, 95%, 75%, 50%, 45%) che va applicata su tutta la pensione. Per impedire il ritorno agli scaglioni Prodi e creare danni ai conti pubblici, il governo potrebbe usare ancora una volta il sistema a fasce, ma la discussione si preannuncia ancora lunga e soluzioni, al momento, non sono ancora all’ordine del giorno.

Commenti