Landini e Rodotà verso un nuovo soggetto politico comune

Il 12 ottobre il primo impegno: la manifestazione pro-Costituzione. "Non vogliamo ripetere gli errori passati"

Landini e Rodotà verso un nuovo soggetto politico comune

È giunto il momento di fare sul serio. Maurizio Landini, segretario della Fiom, ha detto oggi, in un incontro al Centro Congresso Frentani di Roma, a cui era presente anche Stefano Rodotà, che "non siamo più disponibili a firmare accordi che chiudano le fabbriche" e di essere pronto a mettere "in campo gesti di difesa totale delle fabbriche e dei posti di lavoro". Fosse necessario, anche con "l'occupazione delle fabbriche".

Un documento intitolato La via maestra, firmato da Landini, Rodotà, ma anche da don Luigi Ciotti e dai costituzionalisti Gustavo Zagrebelsky e Lorenza Carlassare - scrive l'Huffington Post - punta alla creazione di un nuovo soggetto politico, attorno al quale ruotano i volti più di sparati. Al Centro Congressi il movimento anti G8, Vendola e leader del Sel e altri volti politici da Antonio Ingroia a Paolo Ferraro.

Al quotidiano online di Lucia Annunziata Rodotà spiega che "non vogliamo ripetere gli errori di esperienze negative come la Sinistra Arcobaleno o Rivoluzione Civile", ma "creare una massa critica", perché non è "un'operazione di minoranza". Il primo test per il soggetto politico sarà la manifestazione del 12 ottobre, quando scenderà in piazza per difendere la Costituzione italiana.

Commenti

Grazie per il tuo commento