Per l'elettrica Vw record di autonomia. Con una "carica" percorsi oltre 530 km

Protagonista la ID.3, ma il pilota è un esperto in guida efficiente

Per l'elettrica Vw record di autonomia. Con una "carica" percorsi oltre 530 km

Eliminare una volta per tutte l'ansia da ricarica e garantire sempre più chilometri di autonomia. Oltre ai listini elevati, che si riducono solo grazie agli incentivi, percorrenza e ricarica sono le due grandi sfide che costruttori e società energetiche sono chiamati a vincere. Maggiore autonomia (reale) di un veicolo elettrico significa viaggiare senza particolari apprensioni in attesa che la rete di colonnine, a ricarica rapida, diventi capillare.

Ecco allora Volkswagen, che sui programmi di elettrificazione ha deciso di investire una montagna di miliardi, portare la sua ID.3, capostipite di una generazione di modelli a zero emissioni, a stabilire il primo record di autonomia: 531 chilometri, da Zwickau (Germania) a Schaffhausen (Svizzera), con un'unica carica. L'autonomia ufficiale nel ciclo Wltp, in vigore da gennaio 2021, di 420 km, è stata superata di oltre 100 km, il 26% in più. L'auto utilizzata è una ID.3 1ST Pro Performance di serie, con una batteria da 58 kWh, prodotta proprio nella fabbrica di Zwickau, quella che diventerà la più grande ed efficiente, in Europa, per le vetture a batteria: 330mila modelli una volta a regime.

La ID.3 protagonista del record è stata guidata da Felix Egolf, hypermiler svizzero (il pilota utilizza una tecnica che massimizza l'efficienza e minimizza i consumi grazie al recupero di energia in decelerazione e facendo anche veleggiare il veicolo). Questo viaggio da record non è comunque paragonabile all'uso quotidiano di un'auto visti gli artifici messi in atto dal pilota svizzero. Durante il percorso il conducente ha comunque utilizzato elementi ausiliari come navigazione, fari, radio e ventilazione. Il risultato finale: consumo di 10,9 kWh/100 km, a fronte di una velocità media di 56 km/orari. Nello storico stabilimento di Zwickau, in Germania, nel quale si sono avvicendati nomi iconici come Horch, Audi, Dkw e Trabant, è intanto partita la prouzione del nuovo crossover elettrico Volkswagen ID.4, secondo modello della famiglia ID, anch'esso realizzato sulla piattaforma Meb per veicoli 100% a batteria.

Del gruppo di Wolfsburg fa parte parte Porsche che ora punta a sfidare Tesla sul suolo Usa, nonostante i problemi al mercato causati dal Covid-19. Nel 2019, Porsche, che genera più di un quarto dei profitti di Volkswagen, ha presentato Taycan, sportiva elettrica, destinata a competere con la Model S di Tesla.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento