Spunta la bomba Fornero ​Cosa faranno con le pensioni

I soldi del Recovery Fund sono legati alle riforme sulle pensioni. La verità su cosa ci chiede l'Ue per sganciare il bottino. Cosa ci aspetta davvero

Le pensioni sono il vero banco di prova della partita tra il governo e l'Ue. In mezzo ci sono più di 200 miliardi del Recovery Fund. Bisogna chiarire un punto fondamentale su questo braccio di ferro tra Roma e Bruxelles: l'Europa ci ha già detto che per ottenere i soldi per la ripartenza dopo la crisi Covid servono riforme strutturali. E su questo punto l'Italia sa già da anni di essere in ritardo. Ma attenzione: la richiesta esplicita che arriva dalle stanze di Bruxelles riguarda in pieno gli assegni previdenziali e tutto il sistema pensionistico. Finora i pensionati italiani hanno avuto accesso al trattamento previdenziale muovendosi su tre binari principali: legge Fornero, Quota 100 ed Opzione donna. Il primo è il percorso principe con un'uscita ritardata dal lavoro e assegno pieno. Il secondo percorso permette di lasciare il lavoro in anticipo ma solo fino al 31 dicembre del 2021.

La terza strada invece permette alle donne di abbandonare il lavoro prima degli uomini grazie ad una proroga della finestra d'uscita di manovra in manovra. Ora l'Ue ci chiede a gran voce di rimettere tutto il pacchetto previdenziale nelle mani della Fornero.

Il ricatto sull'Italia

Nelle ultime "Raccomandazioni della Commissione Ue" al nostro Paese c'è un punto fin troppo chiaro ricordato dal Sole 24 Ore qualche giorno fa: dare attuazione piena alla riforma Fornero delle pensioni. Ed è per questo motivo che bisogna guardare con attenzione a cosa farà il governo nei prossimi giorni. Giorni caldi che decideranno il piano per il Recovery Fund che l'esecutivo "zoppo" dei giallorossi deve chiudere al più presto. Ma in questo quadro c'è poco da stare tranquilli. Infatti occorre rivolgere lo sguardo in Spagna per comprendere a pieno quando i fondi Ue che dovrebbero arrivare sono in grado di cambiare totalmente il volto del sistema previdenziale.

Cosa può succedere

La Spagna, come l'Italia, attende una grossa fetta di liquidità da Bruxelles. In cambio l'Europa ha chiesto interventi sulle pensioni. Intervento che il governo guidato da Sanchez ha immediatamente messo sul campo. La mossa di Madrid per assicurarsi i soldi Ue è semplice: l'esecutivo sta per varare un pacchetto di riforme previdenziali che avranno un effetto abbastanza immediato con la diminuzione dell'importo degli assegni pensionistici. Le polemiche in Spagna sono state feroci ma è stato proprio il ministro al Welfare, Escrivà, a chiarire in modo gelido quanto sta per accadere: il ministro ha infatti affermato che l'intervento è indispensabile per mettere le mani sui soldi che arriveranno dal Next Generation Ue.

Dunque è facile prevedere che lo stesso scenario potrebbe toccare all'Italia. In questa chiave potrebbe decadere definitivamente l'ipotesi di una piena applicazione di un sistema previdenziale in grado di sostituire Quota 100. Nei mesi scorsi si è parlato a più riprese di un sistema Quota 102 che però, a quanto pare, non piace poi così tanto a Bruxelles.

Pensionati come bancomat

I pensionati italiani devono fare già i conti con l'aggiornamento dei coefficienti previdenziali che potrebbe portare ad un ammanco sulla pensione che oscilla tra i 100 e i 170 euro. Inoltre gli assegni sbattono ancora contro il muro della rivalutazione calmierata che dovrebbe tornare ad un regime premiante (salvo sgambetti con la prossima manovra) dall'1 gennaio del 2022. Il ritorno ad una Fornero pura con uscita oltre i 67 anni e assegni ricalcolati potrebbe rappresentare la mazzata finale su una categoria, quella dei pensionati, per troppo tempo usata dai governi (soprattutto quelli di sinistra) come bancomat di Stato. È ora di finirla.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Lun, 25/01/2021 - 10:21

Mi farebbe piacere, che la "legge fornero", cominciasse, con il DIMEZZARE GLI STIPENDI E LE PENSIONI, a tutte le direttive statali e parastatali!!! come dice Conte, la popolazione deve ancora fare dei sacrifici, MA, """PERCHÈ NON LI FANNO I PARLAMENTARI I SACRIFICI"""???

Sacramento

Lun, 25/01/2021 - 10:25

Non capisco quale sia la novità. Cosa aspettarsi dal questi sedicenti "sinistri" genuflessi al potere ed attaccati con il Superattak alle poltrone. "Quelli" dovrebbero essere i difensori dei meno abbienti (dipendenti e pensionati), a sentir loro. Ritorno alla fornero piena? Ovvio, altrimenti i loro privilegi verrebbero meno. Nel mentre si accapigliano per il nulla cosmico, mentre continuano a sbarcare migliaia, oramai diventati milioni di clandestini che ad una stima per difetto ci costano circa 15 MILIARDI all'anno solo per l'accoglienza. A questo si aggiunge il Rdc che viene loro erogato appena sbarcati ed a cui aggiungere tanti nostri fannulloni sempre con il Rdc e che non è dato saper il loro costo (tra i tanti criminali di varia natura). Il paradosso è che si accapigliano per trenta MLD del Mes, quando ne spendiamo pari cifra solo per i clandestini...che schifo!!!

amedeov

Lun, 25/01/2021 - 10:42

Sempre di punta i pensionati, mai che si eliminano gli sprechi. Quando costano le navi quarantena? Fra poco sbarcheranno in Sicilia e precisamente ad Augusta più di trecento clandestini. Quando ci costa questa ulteriore spesa? Però ai pensionati viene tolto anche il pane

ItaliaSvegliati

Lun, 25/01/2021 - 11:00

Coraggio ITALEXIT e dopo vedremo cosa farà l'europa.....

Ritratto di old_nickname

old_nickname

Lun, 25/01/2021 - 12:22

Eccerto!! Lavoro da più di 40 anni; 4 dei quali lo stato rifiuta di riconoscermi (vedi ben che li ho lavorati proprio per lo stato) benchè i contributi siano stati versati, altrei 3 me li ha rubati il datore di lavoro che lo stato rifiuta di condannare e risarcirmi (tra farabutti si capiscono) e adesso che si avvicina la data in cui, pur rimettendoci 7 anni di contributi, potrei andare in pensione questi grassatori vogliono spostarla di altri 5 anni avanti!! Be', se devo rimetterci 12 anni allora li passerò in galera, mantenuto dallo stesso stato che me li ha fregati ma, almeno, con la certezza di aver fatto "la cosa giusta".

necken

Lun, 25/01/2021 - 12:28

i pensionati forse si erano illusi che le pensioni fossero il frutto dei loro contributi mentre in realta erano frutto dei versamenti di altri andare in pensione dopo i 67 anni è un modo per avere un assegno più alto comunque per i lavori usuranti ci sono le eccezioni. La UE ci darà si giustamente soldi solo se li useremo per progetti mirati per le prossime generazioni e saranno costantemente monitorati come per gli investimenti privati chi non è abituato si dovrà abituare

Ritratto di Smax

Smax

Lun, 25/01/2021 - 13:15

Nazione di fessi. Praticamente dobbiamo tagliare le pensioni per farci restituire i nostri soldi.

Kit_Carson_215

Lun, 25/01/2021 - 13:17

Purtroppo c'è poco da fare: il ricalcolo secondo criteri contributivi di TUTTI gli assegni in essere e la piena re-implementazione della Fornero son le uniche alternative possibili. Le lamentele degli ultra-beneficiati dipendenti pubblici, baby-pensionati e quant'altri che non si rassegnano alle decurtazioni non si posson sentire...

Sacramento

Lun, 25/01/2021 - 13:32

Ho letto due commenti (kit e necken) da incompetenti totali in materia pensioni...andate a lavorare...

jaguar

Lun, 25/01/2021 - 13:45

Ci faranno lavorare fino alla morte, l'Europa lo vuole. A dire la verità anche molti italiani la pensano così, sono quelli che svolgono lavori ne usuranti ne gravosi, in pratica si grattano tutto il giorno percependo stipendi degni di nota.

basterebbeunpod...

Lun, 25/01/2021 - 13:52

per sacramento... a me i loro commenti sembrano molto corretti ed obiettivi... devono forse andare a lavorare per pagare la pensione a lei? Ed ai milioni di persone che prendono pensioni non supportate da contributi e con sistemi di calcolo e maturazione che non avevano alcun sostentamento economico?

Edmond65

Lun, 25/01/2021 - 13:52

Neken.......quindi....dobbiamo accettare tutto , abituarci a tutto.....sono una p.iva ,agente di commercio , dopo 35 anni di strada mi trovo con tutto chiuso .......quindi....cosa facciamo ......a già vero x voi va bene Amazon, alibaba, ect....questi che vendono e non pagano tasse .....che utilizzano la concorrenza sleale ....e molti di quelli che usufruiscono di queste piattaforme credono anche di aiutare le piccole aziende ...........con un settore,il commercio ,praticamente chiuso , io e i miei 300.000 colleghi , secondo lei cosa dovremmo fare ,abituarci a chiedere elemosina.....ma mi faccia il piacere

basterebbeunpod...

Lun, 25/01/2021 - 13:55

Pensionati come bancomat? Forse alcuni... ma se ogni anno fiscalità generale deve contribuire con oltre 100 miliardi alla copertura del disavanzo pensionistico in Italia, suppongo che la maggior parte di chi percepisce la pensione sia solo un "sovvenzionato" o parassita... come d'altra parte i percettori di rdc o che comunque non produce ma consuma la ricchezza prodotta da altri o peggio il debito che ricadrà sulle future generazioni

necken

Lun, 25/01/2021 - 13:57

Sacramento: io già lavoro e tu faresti meglio ad informarti cosi avresti degli argomenti validi da esprimere

Sacramento

Lun, 25/01/2021 - 14:34

basterppeunpod, studi la materia prima di fare il presuntuoso salendo in cattedra

Sacramento

Lun, 25/01/2021 - 14:36

necken, non è sufficiente "lavorare". Bisognerebbe avere un minimo di competenza in materia per blaterare. Se, poi, volessimo discuterne seriamente, sempre disponibile, anche se lei andrebbe incontro a delusioni profonde, vista la sua incompetenza

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Lun, 25/01/2021 - 14:41

Perché non OpzioneUomo? Non mi sembra che le donne si spacchino la schiena negli uffici pubblici o privati...

Ritratto di sr2811

sr2811

Lun, 25/01/2021 - 14:50

L'INPS è diventato il salvadanaio di tutti ma se non lo riempi non vai da nessuna parte...

necken

Lun, 25/01/2021 - 14:55

Edmond65: in effetti Amazon paga l'Iva sulle vendite on line in Italia e mette a disposizione la piattaforma per la vendita di piccoli produttori dove produce la maggior parte dell'utile aziendale. Nessun posto di lavoro oggi garantito x tutta la vita lavorativa quindi è necessario riciclarsi (mi sembra ci siano agevolazioni x gli over 50 x accesso al lavoro?)come nelle precedenti 3 rivoluzioni industriali dove c'erano anche meno garanzie di quelle attuali cioè pensioni o RDC. Inoltre ci sono, secondo i media, 500.000 posti di lavoro inevasi in Italia che non sono high tech. Comunque in bocca al lupo anche se le servirà ben poco

audionova

Lun, 25/01/2021 - 15:29

molti sono andati con la fornero,io sono uno di quelli,44 anni di contributi,lo possono fare anche gli altri.ma sarebbe ora che si facesse una rivalutazione su tutte le pensioni,tanto hai pagato e tanto percepisci con il contributivo,invece si va ancora con una quota di retributivo.so che agli italiani non va bene ma se si vuole continuare ad avere una pensione qualcosa bisogna farlo.dato che gli italiani sono risparmiatori e' probabile che un assegno rivalutato non crei problemi.voi dite facciamo la rivoluzione,li vedete i nostri 70enni fare la rivoluzione?coraggio che non e' cosi' tragica come il giornale la vuol farevedere,e' peggio.

ondalunga

Lun, 25/01/2021 - 15:40

Soluzione ?: Togliere tutti i redditi di nullafacenza, togliere tutte le pensioni finte di invalidità, togliere tutte le pensioni a chi non ha versato un centesimo di contributi, togliere le seconde terze e pensioni finte (vedi quelle elargite dai sindacati agli amici), togliere tutte le pensioni sociali ai parenti degli immigrati e assegni familiari per i parenti CHE NON STANNO QUA ma che se ne stanno in altri paesi e vengono percepiti con autocertificazione. Togliere dall' INPS le spese per le malattie dei lavoratori soprattutto della PA, sempre malati. A chi ha fatto il furbo fin' ora togliere la pelle.

ST6

Lun, 25/01/2021 - 17:34

La Fofnero l'ha votata anche la Meloni: Mai Dimenticare. Mai

Jon

Lun, 25/01/2021 - 17:46

Continua la Propaganda per il Recovery plan..Possibile che NESSUN GIORNALISTA ha compreso il giochetto con cui la UE ci ingabbiera'?? E non solo !: I capitoli di Spesa che ci impongono, MAI CREERANNO PIL! Nessun reddito; favori solo alle Multinazionali degli appalti, per Opere INUTILI che non interessano ai Cittadini..Occorre CREARE ed INCENTIVARE LA PRODUZIONE. Solo quella genera REDDITO.! Oltre che risarcire le imprese bloccate dal FantaVirus..||

basterebbeunpod...

Lun, 25/01/2021 - 17:56

sacramento.. si si verrò da lei a studiare.. è dove ha studiato salvini con quota100? O chi ha creato le baby pensioni? O chi ha procastinato il passaggio da retributivo al contributivo? Comunque l'Italia e quel paese dove ci sono, in media, più pensionati sulla popolazione sia perchè andati in pensione più giovani sia perchè ha una speranza di vita più elevata. Allo stesso tempo il tasso di occupazione e pagamento dei contributi sulla parte attiva della popolazione è tra i più bassi... e con una bomba demografica incredibile... quindi per forza il sistema pensionistico/assistenziale è in incredibile disavanzo.

marco1965

Lun, 25/01/2021 - 19:44

Mi chiedo di cosa ci si meraviglia, dal momento che nell' articolo sul buco INPS si parla di un disavanzo di 17 mld causato dalla CIG COVID. Piccolo inciso tutti a chiedere bonus a dx e sn, anche al centro dai! Alla fine se non ci saranno i quattrini, o si passa alla tassazione di chi lavora, o si sposta la data di esodo pensionistico. Ritengo trita e ritrita la questione dei 40 anni/35 anni e chi ce la mena. Le pensioni del 96% degli italiani non è coperto da contributi, chi ha accantonato da operaio con i suoi contributi per 44 anni (ma dove?) si pagherebbe la pensione solo per 15 anni con quanto accantonato. Tutti dovrebbero andare in pensione a 62/64 anni, dai 64 ai 67 versamento acconto pensione ed eventuale integrazione con detassazione lavoro, se mantenuto fino ai 67/70 anni.