Cultura e Spettacoli

Goodbye, Cronkite

L’America ha perduto una leggenda. Walter Cronkite, l’ex-anchorman della CBS che annunciò al Paese la morte a Dallas del presidente John Kennedy e che fece vivere agli americani l’epopea dello sbarco sulla Luna, è morto venerdì a New York. Aveva 92 anni e da tempo lottava contro problemi cerebro-vascolari. Per quasi vent’anni, dal 1962 al 1981, Cronkite era stato il conduttore del telegiornale più seguito d’America, il «CBS Evening News». Ma per un periodo ancora più lungo, nell’arco di una carriera durata sei decenni, Cronkite era stato soprattutto «l’uomo di cui gli americani avevano più fiducia», col suo approccio diretto, con le sue parole misurate, con la sua voce profonda che gli conferivano una autorevolezza senza precedenti nel mondo dei media. Tanto da guadagnarsi il nomignolo affettuoso di «Zio Walter». Leggendaria la frase di chiusura del suo notiziario: «And that’s the way it is» (E questo è il modo in cui stanno le cose). Una frase che mirava, ha sempre spiegato, a sintetizzare l’ideale più sacro per un giornalista: «Raccontare sempre le cose come le vede, senza curarsi delle possibili conseguenze e senza temere di suscitare controversie».

Commenti