Guerra in Ucraina

Pioggia di fuoco sulle città ucraina: nel mirino anche Kiev

La capitale dell'Ucraina è rimasta senza fornitura idrica a causa degli ultimi bombardamenti russi. Gran parte del Paese è in blackout. Le autorità ai cittadini: "Restate nei rifugi"

Pioggia di fuoco sulle città ucraina: nel mirino anche Kiev
Tabella dei contenuti

La Russia ha lanciato una nuova raffica di missili contro l'Ucraina. Le sirene di allarme sono entrate in azione in tutto il Paese, mentre le esplosioni hanno toccato non solo le principali città ma anche alcuni quartieri di Kiev. Il sindaco della capitale, Vitaliy Klitschko, ha annunciato la sospensione della circolazione di tutte le linee della metropolitana in modo da poter permettere ai cittadini di trovare un rifugio dai raid di Mosca. Decine di missili sono stati lanciati su Zaporizhzhia. Vittime a Kryvyi Rih, dove è stato colpito un palazzo residenziale. Kharkiv, Sumy e Poltava in blackout totale.

Kiev sotto attacco

"Non lasciate i rifugi! L'attacco contro la capitale prosegue", ha scritto il sindaco di Kiev, Klitschko, su Telegram. Forti deflagrazioni hanno scosso almeno tre quartieri della capitale. Si tratta di Desnyan, Dnipro e Holosiiv.

La compagnia energetica ucraina Dtek ha dichiarato che sono in corso blackout di emergenza. "A causa dei danni all'infrastruttura energetica, ci sono interruzioni nell'erogazione dell'acqua in tutte le zone della capitale", ha quindi aggiunto lo stesso Klitschko.

Nel centro di Kiev si sono sentite diverse esplosioni, il che suggerisce che i missili di difesa aerea della capitale stessero sparando contro obiettivi nel cielo, ha scritto il New York Times. L'amministrazione militare locale ha confermato che i sistemi di difesa aerea stavano funzionando. Un missile è stato abbattuto a Bucha.

Il governatore dell'Oblast di Kiev, Oleksiy Kuleba, ha confermato che la Russia sta "attaccando in maniera massiccia l'Ucraina". Nel frattempo le persone si riparano come e dove possono, in cerca di notizie e con i volti illuminati dalla luce blu degli smartphone. Una fitta nebbia avvolge la città, rendendo il paesaggio ancora più spettrale.

Pioggia di missili

Spostandosi da Kiev, a Kharkiv sono state colpite infrastrutture cruciali, provocando un blackout. Il sindaco, Ihor Terekhov, ha precisato che sono aperti tutti i centri di emergenza con tutti i servizi di base, ossia rete internet, elettricità e riscaldamento. Inoltre, il governatore di Kharkiv, Oleh Synehubov, ha invece reso noto che le forze russe hanno attaccato le infrastrutture critiche della regione, colpendone una nel distretto di Chuhuiv.

A Kryvyi Rih, città di origine del presidente ucraino Zelensky, dalle macerie dell'edificio colpito da un missile sono stati estratti dalle macerie anche cinque feriti, tra cui due bambini, ha dichiarato il governatore regionale Valentin Reznichenko. Sarebbero invece almeno dodici i missili lanciati questa mattina dalle forze armate russe su Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina, dove si trova la centrale nucleare più grande d'Europa.

L'Ucraina al buio

Anche Poltava si è ritrovata senza elettricità. Il sindaco della città ha lanciato un avviso sul proprio canale Telegram: "Restiamo senza elettricità. Spegnete tutti gli apparecchi elettrici. L'allerta aerea è ancora attiva. State attenti".

Al buio pure le regioni di Cherkassy e Kirovohrad. A riferirlo il sindaco di Cherkassy, Anatoly Bondarenko, e il governatore regionale di Kirovohrad, Andriy Raykovych. Bondarenko ha osservato che i servizi competenti stanno lavorando per ripristinare l'elettricità nella città. "A seguito di attacchi missilistici su alcuni territori dell'Ucraina, anche la regione di Kirovohrad è in totale blackout", ha scritto Raykovych su Telegram, chiedendo ai residenti di recarsi nei rifugi.

Commenti