I lettori: stanchi di finanziare programmi faziosi

Continua l’alluvione di mail al sito internet del «Giornale», nocanone@ilgiornale.it, al quale sono arrivate anche ieri migliaia di lettere. Ormai si sfiora complessivamente il tetto delle 10mila adesioni. Nomi eccellenti come il maestro Franco Zeffirelli, l’ex ciclista iridato Francesco Moser, il regista Pasquale Squitieri, affiancano un esercito di comuni cittadini. È un fronte trasversale che vede sotto la stessa bandiera gli affezionati lettori del «Giornale» e molti italiani di sinistra che hanno ritenuto di affiancarci nella lotta al canone tv.
I temi toccati dai lettori sono gli stessi che hanno ispirato l’avvio della lotta contro questo balzello medioevale: l’avversione a una tassa che non ha corrispondente in nessun altro Paese europeo, la rabbia per programmi apertamente di parte, le critiche a un servizio pubblico che di servizio ha ormai ben poco. A ciò si aggiungono anche le difficoltà di tanti, obbligati a pagare, pur essendo in ristrettezze o dovendo già fronteggiare sacrifici e l’avversione di chi la Rai, disgustato, non la guarda più da tempo, ma resta costretto a versare un’imposta sgradita.