Immigrati clandestini in Italia: +823% in un anno

Numeri record per i flussi di migranti diretti alle coste sud dell’Europa nei primi mesi del 2014: sono triplicati. Dati ancora più preoccupanti per l'Italia

Immigrati clandestini in Italia: +823% in un anno

Nei primi quattro mesi del 2014 è triplicato l’ingresso di migranti irregolari in arrivo nell'Ue rispetto allo stesso periodo del 2013. Sono i dati diffusi da Frontex, l’agenzia europea per la gestione della cooperazione alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Ue, nei primi quattro mesi dell’anno sono stati rilevati 42 mila ingressi irregolari contro i 12.400 dello stesso periodo del 2013. E il dato relativo all'afflusso in Italia è ancora più drammatico: nei primi 4 mesi del 2014 l'aumento è stato dell'823%, come rileva il vice direttore di Frontex, Gil Arias Fernandez. Da gennaio ad aprile 2014 si sono registrati 25.650 arrivi in Sicilia e 660 in Puglia e Calabria.

Attraverso il settore del Mediterraneo centrale, sostanzialmente diretti in Italia, sono passati oltre 25 mila migranti, contro i 40 mila dell’intero 2013. Gran parte dei migranti è partita dalle coste libiche, in arrivo soprattutto dalla Siria e dall’Africa subsahariana. Anche nei settori a Est (Spagna) e Ovest (Grecia) del mar Mediterraneo gli arrivi hanno registrato un incremento molto forte. L’aumento è dovuto sia all’incremento della pressione migratoria sia alla maggiore efficacia degli strumenti e delle operazioni di rilevamento. In ogni caso il primo quadrimestre del 2014 ha segnato il record negli ultimi 5 anni, fatta eccezione per i mesi della "Primavera araba" del 2011.

Commenti