L'Ante-Papa beatificato dalla sinistra milanese

Non sempre allineato, era per abolire il celibato dei preti e per una Chiesa umile e pura. Per anni candiato al papato, amava dettare la linea al Santo Padre. Ad ammordbidire le sue posizioni era stata la sapienza dell'anziano

È stato lui, anni fa, a definirsi in Conversazioni notturne a Gerusalemme un Ante-Papa, e cioè «un precursore e preparatore per il Santo Padre», uno insomma che prepara il terreno al Papa e gli indica i problemi da affrontare. Uno, in sostanza, che detta la linea al capo della Chiesa, che gli dice come e in che modo muoversi e agire.
E, in effetti, questo è stato il cardinale Carlo Maria Martini, negli anni in cui ha svestito i panni del gesuita biblista e dell'esegeta e ha indossato, dal 1980 al 2002, quelli di arcivescovo della diocesi più ricca d'Italia e, forse, più prestigiosa del mondo: Milano. Un vescovo di peso, un cardinale candidato per anni al papato, e insieme, che piaccia o meno, una spina nel fianco per il suo principale alter ego ecclesiale: Giovanni Paolo II. Il Papa polacco che alla propria profetica e dottrinalmente cristallina predicazione (una predicazione supportata dal contributo teologico di Joseph Ratzinger) vedeva contrapporsi metodicamente pagine di interventi e interviste sui principali quotidiani italiani e internazionali ricolme di dubbi e «zone grigie» da parte del porporato ambrosiano. Pagine che Wojtyla non ha mai dichiarato di non digerire. Anzi: come nel 1978, una volta salito al soglio di Pietro, egli scelse come suo principale collaboratore in segreteria di Stato una personalità diversa da sé e cioè Agostino Casaroli, così lasciò che Martini a tratti gli si contrapponesse giudicando il contributo del suo «avversario» prezioso perché diverso, utile perché non allineato.

Certo, non sempre furono rose e fiori. A volte, le prese di posizione di Martini che facevano esultare la classe politica di sinistra e il mondo progressista, una qualche irritazione oltre il Tevere la provocavano. In special modo quando in ballo c'erano i temi della vita, del nascere e del morire, Martini interveniva lanciando idee-manifesto che dai più erano giudicate come una presa di posizione politica volutamente forte. Difficile però dire se era lui che si schierava a sinistra o se era la sinistra politica che faceva divenire le sue parole cosa sua. Di certo la sua Chiesa tutta del ritorno alla «purezza e l'umiltà del Vangelo», la Chiesa che un giorno dovrà essere in grado di portare avanti riforme «necessarie come è quella dell'abolizione del celibato dei preti», una Chiesa «che sta morendo perché manca la passione e la sofferenza», la Chiesa del ritiro nelle sagrestie, di retrovia, e che insieme sa osare aperture importanti per i divorziati risposati e le coppie di fatto, era a sinistra che lanciava messaggi, non certo al mondo politico più conservatore.

Eppure, ultimamente, Martini aveva preso posizioni più morbide, meno schierate. Il 30 agosto 2010, ad esempio, stupisce quando sulla sua rubrica mensile sul Corriere della Sera dedicata ai «divorziati e all'amore coniugale», non risponde a una precisa domanda di un lettore in merito usando le medesime parole pronunciate anni prima in una conversazione con Armando Torno e don Luigi Verzé a Milano: qui chiese un Concilio per ridiscutere il «no» all'eucaristia per queste persone. Sul Corriere scrive invece che «bisogna fare di tutto per salvare anche i naufraghi». Come? «Tocca alla Chiesa deciderlo. Noi possiamo solo pregare, soffrire e attendere». Ma, insieme, puntualizza che è «importante anzitutto non favorire in nulla né la leggerezza né l'infedeltà, promuovere la perseveranza, difendere l'amore coniugale dai pericoli che ne minacciano la perennità». Insomma, parole diverse, queste ultime, meno di battaglia, meno interpretabili politicamente.

Se c'è un martiniano doc, questi è don Giovanni Nicolini. Mantovano, fu a Bologna che conobbe e frequentò Giuseppe Dossetti. Quindi la lunga amicizia con Martini che l'ha sostenuto nel progetto di fondazione della comunità le Famiglie della Visitazione. Ha detto don Nicolini al Foglio qualche mese fa che Martini, prima di inaugurare la sua rubrica di lettere al Corriere, «ha cercato di svolgere interventi di audacia spirituale ma mai duri». E che ora, in questa sua terza età, «continua con questa linea seppure sia maggiormente la sapienza dell'anziano a venire fuori. Mi pare che riesce a vedere tutto come da una pace superiore. Riesce a offrire un giudizio realistico sulla vita della Chiesa al di là delle polemiche».