Interni

Patto Albania-Italia, Tirana approva l'accordo sui migranti

Via libera definitivo all'intesa firmata a novembre tra Edi Rama e Giorgia Meloni: ecco cosa prevede

Patto Albania-Italia, Tirana approva l'accordo sui migranti

Ascolta ora: "Patto Albania-Italia, Tirana approva l'accordo sui migranti"

Patto Albania-Italia, Tirana approva l'accordo sui migranti

00:00 / 00:00
100 %

È arrivato il via libera definitivo dal Parlamento albanese al disegno di legge per la ratifica del protocollo di cooperazione sui migranti tra Tirana e Roma. Firmato a novembre dai premier Edi Rama e Giorgia Meloni, l’accordo richiedeva la maggioranza semplice ed è passato con l'appoggio di 77 voti sui 140 complessivi dell'aula. L’approvazione arriva dopo l’ok della Corte Costituzionale albanese, per la quale il patto tra i due Paesi non viola la Carta del Paese balcanico. L’ultimo step è rappresentato dalla promulgazione del presidente albanese Bajram Begaj: successivamente alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, diventerà esecutiva.

L’accordo sui migranti con l’Albania fa parte degli sforzi del governo guidato da Meloni per condividere gli oneri relativi all’accoglienza di richiedenti asilo. Promosso dalla presidente della Commissione europea ma anche da altri Paesi dell’area Ue - in particolare dalla Germania di Olaf Scholz - il patto tra Tirana e Roma è stato stroncato ovviamente dalla sinistra nostrana – a caccia di qualsiasi traccia per infangare l’esecutivo – e dai gruppi per i diritti umani. Critiche anche dall’opposizione di destra albanese sulla presunta mancanza di trasparenza sull'accordo, definendolo un "atto irresponsabile e pericoloso per la sicurezza nazionale". Ricordiamo che il Parlamento italiano ha già votato a favore dell’accordo definito dal premier Meloni "molto innovativo e intelligente": "Penso possa essere un esempio da replicare se funziona e se funziona bene".

Il patto messo nero su bianco dai due Paesi prevede la possibilità di trasferire nel Paese dei Balcani migliaia di migranti salvati dalle autorità italiane in acque internazionali mentre vengono esaminate le loro richieste di asilo. In base a quanto previsto dal testo, Tirana potrebbe ospitare fino a 3 mila migranti alla volta e, in base ai tempi per l'evasione delle domande, il numero di persone trasferite nel Paese guidato da Rama potrebbe raggiungere le 36 mila unità in un anno. L'Albania ospiterà due centri di accoglienza interamente finanziati da Roma, per un totale di oltre 600 milioni di euro in cinque anni. Roma pagherà tutte le spese dirette e indirette, nei dieci anni i costi saranno di 673 milioni di euro: 142 milioni nel 2024, poi 125 milioni negli anni successivi fino al 2029, e infine circa 7,3 milioni all’anno nell’ultimo periodo. L'Italia resterà legalmente responsabile per i migranti per tutto il periodo del processo.

In caso di via libera alla protezione internazionale, i migranti saranno accolti, in caso contrario sarà Roma a organizzare il trasferimento dall'Albania.

Commenti