L’Amt si fa in quattro per chi visita i santuari

Vanno in vacanza tutti, chiudono i negozi, ma almeno la Amt non «tradisce» chi resta in città anche a Ferragosto. Tutti i servizi legati ai trasporti dell’azienda, infatti, sono perfettamente normale: autobus, metropolitana, funicolari e ascensori funzionano regolarmente, solo con l’orario in vigore nelle domeniche di luglio e agosto. Bus più radi dunque, ma presenti. Amt, però, propone addirittura un servizio ulteriore: collegamenti diretti da piazza della Vittoria al Santuario di Nostra Signora della Guardia. Fino al 2 ottobre, tutti i giorni festivi, compreso il 29 agosto, che è la giornata in cui si festeggia il Santuario stesso, alle 8.45, 11, 14.10 e 16.40 partono le corse di andata; viceversa dalla Guardia le partenze sono previste per le 9.55, le 12.20, le 15.25 e le 18.20. Il biglietto, acquistabile presso il chiosco di piazza Verdi o direttamente in vettura, costa 4 euro (solo andata o ritorno) e 7 euro se invece si preferisce acquistare sia per l’andata che per i ritorno. Le fermate previste dal percorso sono, all’andata, piazza de Ferrari, stazione Principe (dove sosta 5 minuti, dalle 8.55 alle 9), via Milano, piazza Montano, piazza Pallavicini, via Pastorino e infine il Santuario, alle 9.55. Al ritorno invece, per la prima corsa, non sono previste le fermate in via Pastorino, piazza Pallavicini e via Cantore, mentre le altre sono speculari all’andata.
Per quanto riguarda il santuario dell’Acquasanta, Amt domani intensifica le corse della linea 101. Da via don Verità alle 9.15, 10, 10.40, 14.50, 15.30, 16.10, 17.25, 18.05, 18.45. Dal Santuario, invece, alle 9.30, 10.20, 12.10, 15.10, 15.50, 17.05, 17.45, 18.25 e alle 19.05.
Da venerdì scorso, a causa di una frana, la linea 97 (Voltri-Fiorino) effettua capolinea all’altezza di via Costa del vento.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.