Ma «Lebanon» da noi uscirà l’anno prossimo

Per vedere nelle sale italiane Lebanon, vincitore del Leone d’oro, bisognerà aspettare il prossimo anno. E per fine 2009 o inizio 2010 è l’appuntamento in sala con Women without men di Shirin Neshat che ha vinto il Leone d’argento. Molti film della Mostra però sono già nei cinema, come Videocracy, L’amore e basta, la riflessione sulla sinistra di oggi Le ombre rosse di Citto Maselli, Il grande sogno di Michele Placido, Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans, remake di Werner Herzog del cult di Abel Ferrara con Nicholas Cage, e la commedia rivelazione Cosmonauta di Susanna Nicchiarelli, che ha vinto la rassegna «Controcampo italiano».
Tra le eccezioni, ancora senza distribuzione, almeno per ora, ci sono l’apocalittico The Road di John Hillcoat con Viggo Mortensen e l’opera prima di Tom Ford, A single man, che sembra abbia costi di distribuzione piuttosto alti, probabilmente cresciuti dopo la Coppa Volpi assegnata al protagonista Colin Firth. Nel prossimo weekend sarà la volta di The informant! di Steven Soderbergh, commedia gialla tratta da una storia vera con un grande Matt Damon protagonista e Tris di donne & abiti nuziali di Vincenzo Terracciano con Sergio Castellitto giocatore incallito. Tra gli altri film in concorso, Baarìa di Giuseppe Tornatore esce il 25 settembre, La doppia ora il 9 ottobre e Lo spazio bianco debutta nelle sale il 16 ottobre.

Commenti

Grazie per il tuo commento