Baraccopoli di degrado sul naviglio Martesana

Capanne, rifiuti e pericoli igienico-sanitari ma il Comune tollera tutto e non interviene

Baraccopoli di degrado sul naviglio Martesana

«Milano assomiglia sempre di più alle città del terzo mondo e Sala e Granelli ne sono i diretti responsabili» Samuele Piscina, consigliere comunale di Milano e vicecommissario cittadino della Lega, resta attento al territorio. Dal 2016 al 2021, sempre per il Carroccio, è stato presidente del Municipio 2 in cui era stato eletto come consigliere fin dal 2011.

«Spiace vedere la nostra città, un tempo esempio italiano per tutto il continente, ridotta in questo stato - spiega Piscina -. Tra via Sammartini e la passeggiata del Naviglio Martesana, una delle più belle e frequentate di Milano, c'è una vera e propria baraccopoli, incontrastata e tollerata dal sindaco Beppe Sala e dall'assessore Marco Granelli, più volte stuzzicati sul tema dal sottoscritto in Consiglio Comunale e quindi pienamente consapevoli della situazione».

Sono infatti numerose le capanne nel parco Goccia e sotto il ponte della ciclopedonale lungo il Naviglio. Il fetore di escrementi che ne deriva è allucinante, con annessi problemi igienico-sanitari.

«I cittadini non possono più passeggiare tranquilli, spesso inseguiti e aggrediti, per fortuna a oggi solo verbalmente, da persone di origine prettamente africana, ubriache o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti - fa sapere il vicecommissario cittadino della Lega. E aggiunge: «Già lo scorso anno segnalai la situazione preoccupante di degrado e insicurezza sotto i ponti della Stazione Centrale. Granelli aveva assicurato interventi costanti e attenzione alla tematica. Purtroppo, però, a parte un primo intervento isolato di allontanamento, non sono state svolte ulteriori azioni. Intanto la situazione è degenerata. Dobbiamo attendere che avvenga un nuovo stupro prima di ottenere un intervento?».

«Il sindaco e l'assessore non hanno avuto neanche il coraggio di metterci la faccia presentandosi in Consiglio Comunale dopo i gravi fatti apparsi sulla cronaca negli scorsi giorni e hanno dimostrato ogni loro limite nella gestione della sicurezza» chiosa Piscina.

E conclude: «Liberino subito via Sammartini e la Martesana dai bivacchi, rendendo dignitosa la zona e la città di Milano, ormai diventata il vero accampamento d'Europa. Come Lega abbiamo raccolto le firme per chiedere maggiore sicurezza e contrasto al degrado. Oggi stesso (ieri per chi legge, ndr) presenterò un'interrogazione sulle negligenze di Sala e Granelli».

RC

Commenti