Centrodestra, c'è tanta voglia di "No"

In Forza Italia sempre più contrari. E Lega e Fdi vogliono la "spallata" al governo

C'è tanta, tanta voglia di «No». Mancano appena 4 giorni al referendum e in tutto il centrodestra si allarga e si infoltisce la schiera dei contrari. Ieri a Montecitorio è uscito allo scoperto il comitato «Di centrodestra e liberi di votareNo», che considera «fuffa» la pseudoriforma voluta soprattutto dal Movimento 5 Stelle. Alla conferenza stampa c'era anche Viviana Beccalossi, ex vicepresidente della Regione e oggi consigliera del gruppo misto. Il comitato ha già superato le 700 adesioni e a Roma ha presentato le prime cento firme importanti. Fra queste, anche quella dell'assessore regionale Alessandro Mattinzoli, altro forzista. Oggi a Brescia (in piazza della Loggia) è in programma una nuova iniziativa per il «No» e ci saranno altri due consiglieri regionali azzurri, Claudia Carzieri e Gabriele Barucco, e la capogruppo comunale Paola Vilardi.

Il gruppo azzurro in Regione ha preso posizione ufficialmente con una nota del capogruppo Gianluca Comazzi condivisa da tutti. E in casa Fi, pochi giorni fa ha manifestato e argomentato l'intenzione di votare «No» anche il deputato (liberale e milanese) Andrea Orsini. «Decisamente sul no» anche il coordinatore regionale di Fi, l'eurodeputato Massimiliano Salini: «Nonostante ciò che si dice - spiega - credo che questa riforma abbia lo stesso vizio di quella di Renzi: non interpreta correttamente il ruolo del Parlamento, che oggi è marginalizzato, in Italia come in Europa. Quella riforma almeno aveva il pregio di intervenire sul bicameralismo perfetto, che è un difetto vero. Questa, più grossolana, liscia il pelo a una legittima insofferenza dei cittadini verso la politica, ma riduce solo il numero dei parlamentari, mentre oggi c'è bisogno di una revisione qualitativa più che quantitativa. Gli italiani hanno diritto a un Parlamento di eletti competenti, ma i promotori non si pongono neanche il problema, anche perché se lo facessero i primi ad andare a casa dovrebbero essere loro».

In casa Lega e Fratelli d'Italia il discorso è solo in parte diverso. I due leader nazionali, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, hanno schierato i rispettivi gruppi parlamentari a favore della riforma al tempo del (doppio) passaggio in Parlamento e adesso non intendono fare retromarcia, eppure i partiti - soprattutto qui in Lombardia - sono tutt'altro che mobilitati per il «Sì». E sognano una batosta dei 5 Stelle. «La Lega non è una caserma - ha ammesso Salvini - A differenza di altri movimenti noi siamo uomini e donne liberi». E così nella Lega si sono moltiplicate le dichiarazioni di voto per il «No», pesanti che più non si può. Prima è toccato al vicesegretario Giancarlo Giorgetti, poi al governatore Attilio Fontana, che due giorni fa ha rivelato e spiegato la sua intenzione di votare No. Lo stesso avevano fatto il segretario lombardo Paolo Grimoldi, il consigliere Max Bastoni e il capolista milanese Gianmarco Senna: «La mia posizione per il No è chiara e dai leader non è arrivato nessun diktat» ha detto all'Huffington post, precisando che «a noi e alle nostre sezioni non è mai arrivata nessuna indicazione per fare campagna elettorale per il Sì. Nel No, Senna vede «l'unico modo per dare una spallata a questi cialtroni». Contrario anche Andrea Monti. «Nel contratto di governo - spiega - c'era anche l'autonomia, che avrebbe bilanciato la diminuzione della rappresentanza». «Ora - sottolinea - ci ritroviamo con meno rappresentanti e senza l'autonomia della Regione. Un pasticcio grave che danneggerà solo i cittadini e indebolita ancora la politica».

La sensazione è che i leghisti pronti a votare No siano più di quanti si pronunciano. Come in Fratelli d'Italia: ufficialmente il partito resta per il «Sì», ma nessuno fa davvero campagna in Lombardia. Probabilmente oggi anche a destra molti festeggerebbero una clamorosa affermazione del No come la sconfitta definitiva del governo giallorosso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di nando49

nando49

Mer, 16/09/2020 - 10:16

La parola "tagliare" riferita ai parlamentari mi intriga perchè fino ad oggi questa cosa l'ho subita. Ma se ci fosse la possibilità di mandare a casa questo governo voterei NO.

Ritratto di giovinap

giovinap

Lun, 21/09/2020 - 17:16

tutti gridano vittoria! io che voto a destra(fratelli d'italia)devo dire che il c.d. ha perso al referendum, e questa cosa mi lascia pensare!