Mobilità e turismo: incontro tra Sea, sindaci di Varese e Canton Ticino

La centralità di Malpensa per i collegamenti internazionali dell’area insubrica e la collaborazione transfrontaliera. Nel 2019 transitati nello scalo 26 milioni di passeggeri: 1 milione proveniente dal Canton Ticino e oltre 4 da Varese e provincia. Collegamenti ferroviari e "vertiporti" per velivoli elettrici a decollo verticale

Mobilità e turismo: incontro tra Sea, sindaci di Varese e Canton Ticino

Rete di "vertiporti" per il decollo rapido di velivoli elettrici e collegamenti ferroviari sono stati al centro di un incontro tra i vertici di Sea, i sindaci di Varese e quelli del Canton Ticino che si è tenuto a Malpensa per avviare una stretta collaborazione transfrontaliera sui temi della mobilità e della promozione turistica dell’area insubrica.

Tavolo di lavoro a cui hanno partecipato la presidente di Sea Michaela Castelli, l’ad Armando Brunini, il sindaco di Varese Davide Galimberti con i colleghi svizzeri di Locarno Alain Scherrer, di Mendrisio Samuele Cavadini, di Chiasso Bruno Arrigoni e il vice-sindaco di Bellinzona Simone Gianini oltre al Capodicastero dello sviluppo territoriale di Lugano Filippo Lombardi e il presidente del consiglio comunale di Varese, Alberto Coen Porisini. Presente anche il prefetto di Varese Salvatore Pasquariello che ha completato la sua visita all’ aeroporto e alla sue infrastrutture incontrando Enac, Polizia di frontiera, Dogana, Carabinieri e Guardia di Finanza.

Durante la discussione è stata ricordata la centralità di Malpensa per i collegamenti internazionali di questo territorio: dei 26 milioni di passeggeri transitati a Malpensa nel 2019, infatti, 1 milione proveniva dal Canton Ticino e oltre 4 milioni da Varese e Provincia. Malpensa che, con la ricchezza del suo network - 70 Paesi collegati e altrettante compagnie aeree che vi operano - dopo i due anni di crisi causata dagli effetti della pandemia è pronta a rilanciare il turismo e il traffico business in arrivo e in partenza dal Nord Italia e dalla Svizzera.

Lo scalo intercontinentale gestito si può infatti raggiungere con un collegamento ferroviario diretto con Varese e il Canton Ticino: da Locarno in poco più di 2 ore si raggiunge il Terminal 1, mentre da Lugano occorre circa 1 ora e mezza che scende a 1 ora se si sale a Varese città. Con la realizzazione della nuova infrastruttura ferroviaria tra l’aeroporto e Gallarate, la connettività via ferro tra Malpensa, Varese e la Svizzera sarà notevolmente potenziata e questo comporterà una riduzione dei tempi di percorrenza di circa 20 minuti.

Connettività - è stato sottolineato - che nel prossimo futuro avrà un importante sviluppo rappresentato dall’innovazione della Urban Air Mobility. L’impegno delle istituzioni e di Sea è infatti attivare una rete di "vertiporti" per l’impiego di velivoli elettrici a decollo verticale e questo può rappresentare un importante passo avanti nel settore della mobilità sostenibile e veloce fra le città e aeroporto: Malpensa sarebbe raggiungibile da Locarno e Bellinzona in poco più di 30 minuti e da Varese in appena 10-15 minuti.

(Nelle foto: il tavolo di lavoro a Malpensa, presiduto dalla presidente di Sea Michaela Castelli e il prefetto di Varese Salvatore Pasquariello con l'ad di Sea Armando Brunini)

Commenti