Mondo

"I cittadini lascino la Russia": l'allarme delle ambasciate

Alcune ambasciate in Russia invitano tutti i cittadini a lasciare il Paese "immediatamente". Rimarranno solo "limitate opzioni di viaggi commerciali"

"I cittadini lascino la Russia": l'allarme delle ambasciate

"I cittadini statunitensi non dovrebbero recarsi in Russia e coloro che risiedono o viaggiano in Russia dovrebbero lasciare Il Paese immediatamente mentre rimangono limitate opzioni di viaggio commerciale". È il security alert, l'avviso di sicurezza, che appare sull'homepage dall'ambasciata Usa in Russia che la dice lunga sulla profonda crisi dei rapporti bilaterali fra Washington e Mosca, ai ferri corti dopo l'invasione russa dell'Ucraina del 24 febbraio scorso. Motivo? Come ricorda l'ambasciata Usa, il 21 settembre scorso, il governo russo ha avviato una mobilitazione parziale dei suoi cittadini presso le forze armate a sostegno dell' nvasione dell'Ucraina. La Russia può rifiutarsi di riconoscere la cittadinanza statunitense a chi ha la doppia cittadinanza, negare l'accesso all'assistenza consolare statunitense, impedire la partenza delle persone dalla Russia e arruolare persone con doppia cittadinanza per il servizio militare.

"Lasciate il Paese il prima possibile"

Le opzioni di volo commerciale, sottolinea l'ambasciata Usa, sono attualmente estremamente limitate e spesso non sono disponibili con breve preavviso. Sono ancora aperte le rotte via terra in auto e in autobus. "Se desideri lasciare la Russia- osserva il governo Usa -dovresti prendere accordi indipendenti il ​​prima possibile. L'Ambasciata degli Stati Uniti ha gravi limitazioni circa la sua capacità di assistere i cittadini statunitensi e le condizioni, comprese le opzioni di trasporto, potrebbero improvvisamente diventare sempre più limitate". L'ambasciata ricorda inoltre che lo stato di diritto nella Federazione russa non è garantito.

"Ricordiamo ai cittadini statunitensi che il diritto di riunione pacifica e la libertà di espressione non sono garantiti nella Federazione russa. Evitate tutte le proteste politiche o sociali e non fotografate il personale di sicurezza durante questi eventi. Le autorità hanno arrestato cittadini statunitensi che hanno partecipato a manifestazioni". Nessun problema da questo punto di vista per Edward Snowden, l'ex collaboratore della Cia e dell'Nsa che ha da poco ricevuto la cittadinanza russa. L'avvocato russo dell'informatore, Anatoly Koutcherena, ha rivelato che Snowden non sarebbe stato toccato dall'ordine di mobilitazione parziale annunciato dal presidente Vladimir Putin. "Non ha prestato servizio nell'esercito russo e quindi, secondo la nostra legislazione, non rientra in questa categoria di cittadini che ora sono chiamati", ha spiegato.

Il security alert Usa è stato emanato anche da altri Paesi dell'est Europa come Polonia e Bulgaria. Il ministero degli esteri di Varsavia ha diffuso un comunicato nel quale esorta i propri cittadini a lasciare subito la Federazione russa, nel timore che la situazione, sotto il profilo della sicurezza, possa deteriorarsi. "In caso di un drastico deterioramento della situazione di sicurezza - avverte Varsavia - la chiusura dei confini o altre imprevedibili circostanze, l'evacuazione potrebbe essere significativamente difficile e persino impossibile". In maniera analoga, il ministero degli estero bulgaro raccomanda i propri cittadini a lasciare il più presto possibile la Federazione usando "i mezzi di trasporti attualmente a disposizione".

Le parole dell'ambasciatore russo negli Stati Uniti

Nel frattempo, l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, ha avvertito che Washington sta raggiungendo un "punto pericoloso" nel suo sostegno all'Ucraina, secondo quanto riportato dalla stampa russa. Parlando ai media, Antonov ha criticato l'Occidente per aver fornito armi all'Ucraina. Ha poi affermato: "L'amministrazione statunitense continua a ignorare il fatto che le forniture di armi all'Ucraina portano a un'ulteriore escalation del conflitto, seminando morte e distruzione. Civili e bambini muoiono. Danni irreparabili vengono arrecati a zone residenziali, scuole e ospedali". Invitando Kiev a continuare a utilizzare l'equipaggiamento militare ricevuto dall'Occidente, "Washington non si rende conto della rischiosità delle sue azioni" ha aggiunto. "I protettori dei criminali neonazisti si stanno avvicinando al pericoloso baratro di cui abbiamo ripetutamente e chiaramente messo in guardia".

Commenti