L'Isis arma i lupi solitari contro i cristiani: "Distruggiamo la croce"

Mentre cattolici e musulmani pregano insieme, il Califfato arma i lupi solitari: "Presto un altro massacro". L'Europa trema

La copertina di Dabiq, la rivista dello Stato islamico

Musulmani e cristiani nello stesso tempio, in un atto simbolico per esorcizzare la guerra di religione che è stata paventata dopo la brutale uccisione di padre Jacques Hamel per mano di un commando jihadista. L'immagine ecumenica arriva da diverse chiese, in Italia e nella stessa Francia, durante l'ultima domenica di luglio. Ma, a meno di una settimana dalla saguinaria esecuzione nella chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, in Normandia, le minacce dei tagliagole dell'Isis ripiombano, violentissime, su tutta l'Eurropa.

I tagliagole del Califfato nero hanno pubblicato oggi il 15° numero di Dabiq, la rivista in inglese che parla ai musulmani sparsi in tutto il mondo. Per la copertina di questo mese è stata scelta un'immagine che non lascia ombra di dubbio sulla missione invocata per i fedeli di Allah. C'è, infatti, un militante con la bandiera dello Stato islamico che abbatte una croce dal tetto di una chiesa. "Break the cross" è il titolo in basso, cioè "Distruggere la croce". Nella rivista vengono raccontate le storie di combattenti originari di America, Canada, Finlandia e Trinidad che si sono convertiti e viene lanciato un appello ad attaccare i cristiani. "Tra questa pubblicazione di Dabiq e il prossimo massacro che verrà eseguito contro di loro dai soldati nascosti del Califfato, ai quali viene ordinato di attaccare senza ritardi - si legge su Dabiq - i crociati possono leggere perché i musulmani li odiano e li combattono".

La chiamata alle armi di Dabiq è rivolta ai lupi solitari, come Adel Kermiche e Abdel-Malik Nabil Petitjean che hanno sgozzato padre Jacques a Saint-Etienne. Nell'ultimo mese se ne sono attivati diversi e hanno messo in ginocchio l'intera Europa. Dalla strage di Nizza ai molteplici attacchi terroristici in Germania, il Vecchio Continente sta scoprendo l'arma più forte dello Stato islamico: musulmani radicalizzati che, senza alcuna preparazione e senza alcun accordo logistico con Raqqa, colpiscono ovunque ed in qualsiasi momento e ammazzano senza alcuna pietà per portare il caos e spingere l'Occidente alla guerra civile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Una-mattina-mi-...

Dom, 31/07/2016 - 20:48

PREVENIRE E' MEGLIO CHE CURARE

lorenzovan

Dom, 31/07/2016 - 20:49

dai sergetto...metti benzina sul fuoco..vedrai i bananas come strillano e ti riempono le pagine del forum...lololol

Cheyenne

Dom, 31/07/2016 - 21:06

TREMANO SOLO GLI INETTI FROCI , UBRIACONI E CORROTTI. BISOGNA FARE LA GUERRA SUL SERIO E USARE ANCHE LE ATOMICHE. CAPISCO CHE QUESTO COMMENTO COME TANTI ALTRI SARA' CENSURATO MA E' L'UNICA CHANCHE CHE ABBIAMO. E VIA IL PARROCO ISLAMICO E TUTTI I SINISTRI AL GOVERNO

Ritratto di karmine56

karmine56

Dom, 31/07/2016 - 21:06

Pregate coxxxxni.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 31/07/2016 - 21:21

A quella signora marocchina di Foligno che giorni fa ebbe ad esprimersi a Prima Pagina RadioRaiTre, così -a prescindere che io sono nemica di ogni violenza, non soltanto di quella di matrice islamica, non so cosa fare di più che postare in rete il mio dissenso, eccetera- io rispondo ciò che il conduttore non ha saputo dire :- Lei è partita con il piede sbagliato. Mettere nel mucchio dei crimini tutti questo del terrorismo firmato Allah Akbar, significa banalizzare la gravità dei crimini che l'ISIS va disseminando ovunque. Significa disperdere l'attenzione dai fatti tragici che al momento ricadono nella società tutta. Non si devono mettere sullo stesso piano i delitti del terrorismo islamista con qualsiasi altro crimine. Se poi, vuole fare qualcosa di utile, deve convertirsi al Cristianesimo ed abbandonare la sua fede. -riproduzione riservata- 21,21 - 31.7.2016

venco

Dom, 31/07/2016 - 21:25

Gli islamici che hanno parlato oggi hanno detto che il terrorismo è frutto dell'ignoranza, è vero il contrario, si radicalizzano qua in Europa frequentando le moschee,

MgK457

Dom, 31/07/2016 - 21:32

Non c'è niente da fare, i musulmani sono i più grandi anticristiani del mondo ergo sono figli del diavolo, perciò è stato un errore farli entrare in chiesa, ma ai prossimi attentati non sarà consentito più loro di entrarvi perché qualche prete comincerà a capire che non serve a niente.

sergio_mig

Dom, 31/07/2016 - 21:43

Dire eliminare fisicamente il califfo e un reato?? Se è no perché è reato riferito all islamica Boldrini??

Ritratto di il navigante

il navigante

Dom, 31/07/2016 - 21:57

@Sergio Rame: questi assassini non sono Lupi solitari (animale nobile), ma sono solo dei CANI rognosi e rabbiosi, che chi sta dietro le quinte (strateghi della tensione) aizza contro qualcuno e poi fatto il lavoro...li ammazza, appunto come cani rognosi e rabbiosi. State attenti! Anche i vostri articoli contribuisco ad aizzare questi CANI.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di malatesta

malatesta

Dom, 31/07/2016 - 22:00

Ma papa bergoglio e mattarella hanno detto che NON e' una guerra di religione...perche' dunque preoccuparsi??..di croci ne abbiamo una caterva...

cgf

Dom, 31/07/2016 - 22:01

metodo Hiroshima è l'unica soluzione, stavolta si farebbero anche meno danni.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 31/07/2016 - 22:06

karmine56, lascia stare. Guarda che i veri napoletani aiutarono gli Islamici di Palermo a conquistare Messina. E che, aloro volta, furono aiutati dai Musulmani di Sicilia a respingere gli assalti dei Longobardi. E che per questo furono scomunicata per 70 anni dal papa di roma. Studia ragazzo, stusia, avanti di esibere (a vanvera) la gloriosa bandiera delle due Sicilie.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 31/07/2016 - 22:37

E poi quell'individio di bianco vestito afferma che non vi é guerra di religione !!! Probabilmente non lo sa perché é abbonato a Repubblica e sappiamo bene che quel giornaletto non pubblica questi articoli e queste foto. Informatelo. Fategli un abbonamento gratis del Giornale.

astarte

Dom, 31/07/2016 - 23:19

Ma siete stati ingaggiati per fare la propaganda in italiano, tenuto conto della scarsa propensione degli italiani a parlare decentemente le lingue straniere? Perché questo titolo cubitale è vergognoso. E anche stupido nel merito: era ovvio che i terroristi non si sarebbero intimiditi per una preghiera in chiesa, anzi, semmai la cosa può provocarli ancora di più; ma fa bene alla società civile, almeno per chi è ancora deciso a sostenerla, naturalmente...

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Dom, 31/07/2016 - 23:24

questo soggetto chiamato lorenzo no'ha capito ancora una mazza secondo lui la via maestra e il negazionismo eppure se uno avesse ragionato come te non avremmo mai saputo del genocidio ebraico armeno degli esuli istriani ,e una cosa che non si sente mai dire che adolf era un grande alleato degli emirati arabi per la fomentazione del odio antisemita finanziato dall'islam

Tuthankamon

Dom, 31/07/2016 - 23:26

In Iraq e Siria hanno risolto il problema dell'invito a Messa: hanno distrutto tutte le chiese!

Ritratto di massacrato

massacrato

Lun, 01/08/2016 - 10:12

Il SISTEMA ITALIA, visto che difficilmente può farlo coi suoi addetti, deve riconoscere e permettere a tutti i cittadini (senza repressioni burocratiche)il diritto di difendersi. A mali estremi, purtroppo, estremi rimedi. Intanto, CHIUNQUE ami i propri cari e pur se stesso, in atavica funzione di sentimenti naturali, di fronte a pericoli mortali, ignora qualunque legge che non sia l'ISTINTO DI SOPRAVVIVENZA.

giginonapoli

Lun, 01/08/2016 - 10:20

Distruggiamo questi vermi.

buri

Lun, 01/08/2016 - 11:56

ecco il vero volto dell'isla, non è quello visto da Bergoglio e dalla CEI o da quei pocchi musulmani che si sono recati in chiesa in segno di solidarietà per i cristiani sgozzati

ccappai

Lun, 01/08/2016 - 12:04

L'impegno di questo quotidiano per rendere vano e ridurre lo sforzo e l'impegno delle Comunita' Cristiana e Musulmana verso l'unione e la pace e' evidente e decisamente triste. Evidentemente amate essere complici del terrore. Del terrore potete nutrire voi ed il vostro bisogno di odio.

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Lun, 01/08/2016 - 12:43

"Distruggiamo la croce" Alla faccia degli imbecilli che hanno creduto alla farsa dello sparuto gruppo di muslims che si è auto invitato in chiesa a pregare (Allah). Italia, paese di pesci boccaloni senza spina dorsale. Non serve nemmeno l'esca per farli abboccare, basta solo l'amo.

agosvac

Lun, 01/08/2016 - 12:46

Questi terroristi islamici dimostrano sempre di più la loro ignoranza del vero simbolismo. La croce non è assolutamente un simbolo esclusivamente cristiano, è un simbolo universale che risale ai primordi della storia dell'uomo. Lo si trova decine di migliaia di anni prima dell'avvento del cristianesimo e fa parte integrante anche dell'islamismo. Parlare del reale significato della croce richiederebbe un intero libro, per chi fosse interessato consiglierei di leggere "il simbolismo della croce" scritto molti, molti anni fa da René Guenon.

agosvac

Lun, 01/08/2016 - 13:03

Egregio omar el mukhtar, guardi che il regno delle due Sicilie è di molti secoli posteriore al periodo storico di cui lei parla. Tra l'altro il regno longobardo era già bello e finito quando gli islamici invasero la Sicilia nell'827 dopo Cristo.

ziobeppe1951

Lun, 01/08/2016 - 14:34

Ccappai...12.04....veramente non abbiamo ammazzato nessuno, se cerchi odio e terrore, guarda dalle tue parti

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 02/08/2016 - 10:23

agosvac: che il Regno delle due Sicilie sia di molti secoli posteriore al periodo storico di cui parlo io è assolutamente vero. Ma io non stavo dando nessuna lezione di Storia, stavo semplicemente ricordando, a colui che esibisce la bandiere delle due Sicilie che il popolo napoletano è stato molto vicino agli Islamici (e lo sono anche oggi). Per quanto riguarda l'alleanza (con tanto di intervento delle truppe dell'Emirato di Palermo) credo che sia bene che lei desse una ripassata alla Storia.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 02/08/2016 - 10:38

agosvac: Nell'837 fu in conflitto col duca Andrea II di Napoli, che per la prima volta chiamò in suo aiuto i Saraceni. I Napoletani ripagarono il favore agli Arabi mandando in loro aiuto delle navi durante l'assedio di Messina. 842-843.