Ora l'Isis minaccia Putin: "Scateniamo jihad nel Caucaso"

Dopo la decapitazione di due reporter Usa, l'Isis guarda a Mosca. E in un video minaccia la jihad in Cecenia: "Gli aerei che Putin manda ad Assad li inviamo in Russia". SOSTIENI IL REPORTAGE

Ora l'Isis minaccia Putin: "Scateniamo jihad nel Caucaso"

Dopo le minacce dirette agli Stati uniti - e la decapitazione di due reporter - ora l'Isis si rivolge direttamente a Vladimir Putin, colpevole di appoggiare il regime siriano di Bashar al Assad.

In un video diffuso su Youtube i fondamentalisti minacciano di fare esplodere una "guerra" in Cecenia nel Caucaso russo per "liberarlo" dai non islamici. Nel filmato si vede un aereo militare russo consegnato - a detta dei jihadisti - da Mosca alle truppe di Assad. "Questo messaggio è per te, Vladimir Putin, questi aerei che hai inviato a Bashar, noi li invieremo a te", dice uno dei fondamentalisti in arabo, "Libereremo la Cecenia e tutto il Caucaso, se Dio vuole. Il tuo trono è minacciato e cadrà quando arriveremo a casa tua".

Commenti