Sputa contro il vigile: agente in quarantena, lei denunciata

L’isolamento della rappresentante delle forze dell’ordine si è reso necessario per il pericolo di un eventuale contagio da Covid-19

Le aveva solamente chiesto il motivo per cui era in giro per la città e se avesse con sé l’autocertificazione. Di tutta risposta la donna ha prima aggredito l’agente della polizia municipale e poi le ha sputato sul viso. Una scena agghiacciante che si è svolta davanti a diversi testimoni. La vigilessa ha denunciato chi l’ha aggredita per resistenza a pubblico ufficiale, ma adesso dovrà rimanere in quarantena presso la propria abitazione per 14 giorni, per scongiurare un possibile contagio. Non si è a conoscenza se la donna fermata abbia il Coronavirus, ma nel dubbio l’agente della polizia municipale dovrà restare in isolamento lontana dai propri familiari.

Sullo spiacevole episodio, accaduto a San Giorgio a Cremano, nel Napoletano è intervenuto il sindaco Giorgio Zinno, che ha usato parole molto dure. “Nelle scorse ore una nostra agente di polizia municipale – ha scritto il primo cittadino sui social – è stata aggredita mentre faceva il proprio dovere: durante un controllo su di un pullman, una donna di Napoli che si trovava senza alcun giustificato motivo a San Giorgio a Cremano le ha sputato addosso. La donna è stata denunciata per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, oltre a subire la quarantena obbligatoria perché fuori territorio senza motivo, ma la nostra agente è stata subito costretta mettersi in quarantena precauzionale. Il nostro Comune, dunque, subisce il danno di avere una dipendente in meno in strada, al servizio dei cittadini, mentre l’agente, moglie e madre, è costretta a temere un possibile contagio e dovrà restare quattordici giorni lontana dalla figlia”.

Una settimana fa, un altro grave episodio è avvenuto all’ospedale Cotugno di Napoli, dove un uomo, in fila per effettuare il tampone per il Coronavirus, ha sputato addosso ai sanitari dopo essersi tolto la mascherina. L’uomo, con chiari sintomi febbrili, indossava la mascherina protettiva. Prima del folle gesto aveva inveito contro il medico, stanco di dover aspettare il proprio turno e della lunga attesa. Accorsi un’altra dottoressa e un infermiere per cercare di riportare la situazione alla calma, sono stati assaliti dall’uomo che ha sputato contro di loro. L’aggressore è stato consegnato alle forze dell’ordine. Medico e infermiere sono ancora in quarantena, senza la possibilità di svolgere il loro prezioso lavoro in ospedale.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mar, 31/03/2020 - 10:38

Adesso è di moda sputare! Inserire in questo periodo il reato equiparandolo a omicidio colposo