Fiera Milano

Turismo, la Bit anticipa il futuro. Santanché: "È l'anno della svolta"

Padiglioni di Allianz MiCo affollatissimi di operatori, buyer e pubblico. Il ministro del Turismo all'inaugurazione: "Nel mondo c'è voglia di Italia, siamo la nazione più bella e dobbiamo dimostrare di essere la nazione più brava a sapersi vendere". Indagine Enit: stranieri in crescita conquistati dallo "stile italiano". Ita Airways lancia i nuovi voli verso Usa e mete mediterranee

Turismo, la Bit anticipa il futuro. Santanché: "È l'anno della svolta"

“Sono sicura che il 2023 sarà l'anno della svolta" ha detto il ministro del Turismo Daniela Santanché all’inaugurazione della Bit-Borsa internazionale del turismo di Fiera Milano in corso nella location di Allianz MiCo fino a martedì prossimo. E i padiglioni affollatissimi fin dall’apertura di visitatori, operatori professionali e pubblico hanno fatto subito capire che, nonostante le crisi internazionali e le incertezze di molte economie, la voglia di viaggiare è tornata a manifestarsi come una sorta di rito di liberazione, di nuova libertà. Come sottolineano anche gli oragnizzatori della manifestazione, al claim “Se viaggi si vede” rivolto ai turisti, se ne può aggiungere un altro, “se vieni in BIT ti fai vedere” rivolto agli espositori italiani e stranieri che qui trovano la piattaforma più completa e interattiva del settore in Italia per far crescere il business. Incontro fra domanda e offerta declinato da 1.000 gli espositori arrivati a Milano da 45 Paesi e dai buyer che provengono da 54 Paesi con rappresentanze particolarmente numerose da Europa, Centro e Sud America, Nord America.
Internazionalità della Bit e capacità di anticipare il futuro del travel, sottolineata dall’incontro fra il ministro e i rappresentanti di alto livello di Stati del continente africano, di Paesi insulari dei Caraibi e dell'Oceano indiano che si sono confrontati con l’Italia sui temi della sostenibilità, mettendo al centro il rapporto tra popoli e territori e il rafforzamento delle strategie di promozione di un turismo più sostenibile attraverso percorsi condivisi.

Bit-summit-paesi esteri

"Siamo alla Bit che è una eccellenza italiana, ce la invidiano in tutto il mondo: è l'incontro tra le diversità di pensiero per capire un pò le tendenze del nuovo turismo. Nel mondo c'è voglia di Italia, siamo la nazione più bella e dobbiamo dimostrare di essere la nazione più brava a sapersi vendere - ha detto Daniela Santanché -. Spesso ci dimentichiamo che abbiamo il terzo marchio al mondo, il Made in Italy, e non lo comunichiamo, non capendo che è un elemento competitivo straordinario. Siamo stati chiusi per oltre due anni, c'è la voglia di andare in giro per il mondo, ma anche in Italia perché il Covid ha fatto riscoprire il turismo di prossimità. Si capisce quale deve essere l'offerta turistica migliore. Alla Calabria, alla Sicilia e a tutte le Regioni dico: vendete il Made in Italy, vendete l'Italia perché siamo quelli che incontriamo i desideri più grandi di tutti i turisti del mondo. C'è un dato molto significativo che ci dice che i turisti che arrivano in Italia sono disposti a spendere sino a un 20% in più per prodotti e servizi italiani. E l'altra notizia molto confortante è che oggi il turista non si porta più a casa il cappellino o la t-shirt, ma le nostre eccellenze, i nostri prodotti enogastronomici".

inaugurazione Bit 2023

Attenzione sul tema della politica turistica ribadita dalla presenza del ministro al taglio del nastro dello stand di Enit. "Finalmente abbiamo un ministero con portafoglio per la prima volta dopo tantissimi anni - ha commentato il ceo di Enit Ivana Jelinic -. Questo significa che il governo punta in maniera strategica su questo settore e riserva anche nei confronti dell'agenzia di promozione dell’Italia, un chiaro segnale di quanto l'oro dell'Italia viene finalmente trattato come tale".
Un' indagine Enit su 5.004 viaggiatori intervistati, rivela infatti il livello di stima che i visitatori hanno per l'Italia anticipando flussi e tendenze 2023. La ricerca riguarda 12 Stati e 500 turisti potenziali per Paese coinvolto: Austria, Francia, Germania, Inghilterra, Olanda, Polonia, Spagna, Svezia, Svizzera e USA (New York e Miami). La Penisola sembra non bastare mai: almeno il 20% di chi è stato in Italia negli ultimi 5 anni afferma averla visitata almeno tre volte. In Austria e in Svizzera questa quota sale oltre il 30% mentre gli svedesi sono indietro per interesse tra i viaggiatori verso le destinazioni italiane. Lo stile italiano è l'aspetto rimasto maggiormente impresso nei ricordi degli intervistati (43,4% dei casi),seguito da bellezze naturalistiche (38,9%) e patrimonio culturale (32,8%).

Bit 2023 Sicilia

Il lifestyle poi ha un ruolo centrale nelle scelte. “Il 37,7% degli intervistati afferma di avere intenzione di venire in Italia nel 2023. Si registrerebbe, così, un aumento pari a circa l'8% rispetto al dato dell'ultimo quinquennio. In base alle previsioni, la platea dei turisti dovrebbe essere composta per il 14,6% da spagnoli, per il 12,7% da statunitensi e per il 12,3% e 12,2% da svizzeri e austriaci. Il picco di turisti dovrebbe coincidere con la stagione estiva, che dovrebbe ospitare circa la metà del flusso complessivo”, ha spiegato Ivana Jelinic.

Al primo posto ci sono mare (36,8%) e città d'arte (31,7%); in particolare, il 61,5% degli austriaci ha affermato di essere stato in una località balneare, dato che scende (46,8%) per svizzeri e per i tedeschi (41,8%). Sulle città d'arte invece, il dato più elevato va agli spagnoli (73%), seguiti dai francesi (57,4%) e dagli statunitensi (44,4%). Il 35% circa di chi ha viaggiato in Italia ha speso fra 500 e 1500 euro. Dallo studio Enit si nota una tendenza degli statunitensi a spendere molto più di ogni altro, chi spende meno invece, proviene da Francia e Austria.
Nel 2022 il patrimonio naturalistico è la prima motivazione di vacanza, prendendo il posto del classico binomio Italia-arte, che "scende" in seconda posizione: il 18,1% degli italiani e il 22,4% degli stranieri si muovono per trascorrere una vacanza a contatto con la natura. "L'arte, la cultura e la storia d'Italia, comunque, rimangono un caposaldo della destinazione Italia, nel 2022 è tornata forte la voglia di scoprire musei e monumenti, di partecipare a concerti ed eventi locali. Il turismo "post pandemico lascia più spazio alle piccole eccellenze del territorio, con gite ed escursioni alla scoperta di borghi e aree interne del Paese: un passo importante nell'obiettivo dell'ampliamento della stagione turistica destagionalizzazione e decongestione dei flussi" spiega Roberto di Vincenzo, presidente di Isnart.

Le imprese che puntano su servizi di qualità sono premiate da una clientela più "fedele": la ricerca rileva che quasi 1 turista su 2 torna sul luogo di vacanza e 1 su 10 lo fa per alloggiare nella struttura di fiducia. La pandemia ha generato nuove modalità di trascorrere i soggiorni fuori casa e, grazie allo smartworking, 1 turista su 10 dichiara di aver coniugato lavoro e vacanza, con un probabile impatto in termini di allungamento del periodo di soggiorno. Internet influenza più del passaparola e agisce su due fronti dello share of mind: consultato dagli indecisi, ma anche da chi ha le idee chiare su dove andare e vuole organizzare personalmente ogni particolare del viaggio. Nel 2022 le informazioni on line influenzano il 55% dei turisti (13,5% nel 2008), le offerte di portali e siti web il 41,8%, le recensioni on line il 13,3% e i social l'11,7% dei visitatori.

Ita Airways a Bit

E a proposito, in particolare, di turismo incoming - dall’estero verso l’Italia - Ita Airways ha fatto il suo debutto alla Bit presentando i programmi per la prossima stagione estiva con il claim “Un cielo sempre più azzurro”. Nella Summer 2023 opererà su 68 destinazioni, di cui 22 nazionali, 36 internazionali e 10 intercontinentali. Annunciato anche il lancio di nuovi voli diretti per gli Usa, in particolare per Washington e San Francisco a partire dal 2 giugno operati rispettivamente con l'Airbus A330 e con l'Airbus A350. Con il nuovo network l'obiettivo è incrementare rispetto al 2022, il 60% in più di passeggeri e l'80% in più di revenue. Tra le destinazioni, da segnalare il ritorno delle mete più gettonate del turismo balneare del Mediterraneo: da Ibiza a Palma de Maiorca ma anche Minorca, Heraclion, Corfù e Rodi (voli diretti operati da Roma Fiumicino e Milano Linate). A questi si aggiungono poi i voli dal Leonardo da Vinci per Cefalonia e Spalato. Si potranno invece raggiungere Lampedusa e Pantelleria sia da Fiumicino che da MIlano Linate.
Nello stand di Ita si trovano diversi corner, con uno davvero particolare dove i visitatori potranno provare la nuova poltrona business di lungo raggio e sentirsi in volo. Un altro spazio è al programma di fidelizzazione della compagnia Volare, arrivato ad oltre 900.000 iscritti mentre un altro spazio consente di conoscere e iscriversi alla piattaforma Ita Connect. Si può anche visitare virtualmente l'Airbus A350 indossando i nuovi visori Oculus Meta Quest 2 di ultima generazione, realizzati con una tecnologia 3D molto avanzata che offrono un'esperienza unica.

APPUNTAMENTI DA NON PERDERE

In fiera prosegue l'importante programma di presentazioni e approfondimenti Bringing Innovation Into Travel che prevede oltre 40 eventi: tra quelli di questo lunedì da segnalare Made in Italy, grandi eventi e territorio: il turismo di domani nella vision dei protagonisti o Le prospettive del turismo enogastronomico in Italia. E a proposito di grandi eventi è prevista anche la presentazione in anteprima della partenza del Giro d’Italia 2023: la grande partenza dall’Abruzzo (Ore 11, Pad. 3 Stand C37-C41-D38-D42), uno start d’eccezione in una delle regioni più affascinanti e incontaminate d’Italia. La competizione, una delle più iconiche gare ciclistiche su strada al mondo, toccherà luoghi simbolo dell'Abruzzo come Campo Imperatore sul Gran Sasso d’Italia e la Costa dei Trabocchi. Presentano l’evento Daniele D’Amario, assessore regionale al Turismo; Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia; Gianni Bugno, vincitore del Giro d’Italia 1990.
E in tema di bici, c'è la presentazione dell’Oscar Italiano del Cicloturismo 2023 (Ore 13.30 Pad. 4, Arena Bit) relativa alle vie verdi delle regioni che promuovono la vacanza su due ruote con servizi mirati al turismo lento. Presente il ministro dello Sport Andrea Abodi, ministro dello Sport con Ludovica Casellati (ideatrice dell’Oscar) e Peppone Calabrese (Linea Verde Rai).

Il Friuli invece presenta la Coppa del Mondo di Sci Paralimpico (Ore 12:00 circa, Pad. 3 C47-C49-D44-D48).

Da Sella Nevea a Cortina: va in scena la finale della Coppa del Mondo Di Sci Paralimpico FIS 2023 con la Federazione Sport Invernali Paralimpici, il Bob Club Cortina e l’ASD SportXAll che, dopo la tappa alla Baita della Fondazione Milano Cortina 2026 (sede Olimpica) all’interno del Grattacielo Allianz, sbarca in Bit con alcuni tra i più rappresentativi atleti paralimpici invernali.

Tutte le informazioni su https://bit.fieramilano.it/

Commenti