Feng Shui: le regole per arredare casa a 60 anni

Il Feng Shui è una pratica antica nata per arredare casa affinché gli ambienti siano equilibrati e stimolino il benessere psicofisico: ecco i consigli per le stanze degli over 60

Feng Shui: le regole per arredare casa a 60 anni

Con i suoi quasi 5.000 anni di storia, la disciplina orientale del Feng Shui sembra non temere rivali in fatto di arredamento e stile. Una pratica sicuramente antica ma ancora molto attuale, grazie alla combinazione di forme lineari e colori naturali, per uno spazio domestico equilibrato e bilanciato. La tecnica di arredo affonda le radici nella fusione armonica tra indoor e outdoor, dove paesaggi, natura e colori vengono interpretati e collocati all'interno delle aree domestiche.

Con un unico obiettivo: creare un equilibrio tra forma e spazio in grado di poter vivere in una casa pulita, ordinata, senza eccessi ma estremamente confortevole. Un arredo mirato a creare energia positiva che possa avvolgere sia la casa stessa che, principalmente, i suoi abitanti: il tutto per una buona armonia domestica. Una tecnica che richiede cura e attenzione, ma anche pazienza e osservazione: ingredienti perfetti per gli over 60, sempre molto attenti a ciò che li circonda.

Feng Shui, di cosa si tratta

"Feng Shui" è un termine di origine cinese e significa letteralmente "vento e acqua". Rappresenta una filosofia millenaria in grado di combinare e reinterpretare l'energia vitale, nota come "Chi" o "Qi", e presente in tutto ciò che ci circonda.

L'obiettivo è quello di osservare la natura e lo spazio esterno, per poi trasferirne l'essenza all’interno dell'area domestica attraverso oggetti, arredi, forme e colori. Una disposizione di accessori - ma anche luoghi e stanze - che svolge un ruolo fondamentale perché influisce sull'energia stessa della casa e, ovviamente, sui suoi abitanti. Il Feng Shui trova applicazione proprio nel bilanciare spazi e forme, colori e disposizioni, per una dimora accogliente ed energeticamente positiva. Dove l'uomo stesso diventi parte di un insieme equilibrato e rispettoso.

La tecnica millenaria richiede attenzione e spirito di osservazione, ingredienti necessari che i senior ben conoscono e spesso utilizzano nel quotidiano. La casa assume le sembianze di un contenitore dove mixare tutti gli ingredienti in grado di rappresentare l'animo e le scelte di chi vi dimora. Secondo il Feng Shui, ogni cosa è pervasa da una forza vitale - il Chi (o Qi). Quest'ultima è costituita da due elementi indissolubili: yin e yang, le due forze opposte inseparabili, base della credenza taoista. Secondo quest'ultima, porre in equilibrio i due elementi garantisce un flusso positivo di Chi. E il Feng Shui si occupa proprio di questo, con una precisa serie di regole fondamentali.

Arredare con il Feng Shui, le regole

I senior che vogliono arredare casa con il Feng Shui devono seguire alcune regole importanti, partendo dal concetto dicomando, in abbinamento alla vulnerabilità personale. Ovvero stabilendo un'area di gestione dell'energia all'interno delle stanze principali, solitamente identificabile nell'angolo opposto alla porta, dove andrà collocata una scrivania, un divano o un letto così da diminuire la propria vulnerabilità.

Il concetto della Bagua

Per cominciare ad arredare casa con il Feng Shui, è innanzitutto necessario apprendere il concetto di Bagua. Rrappresentata da otto trigrammi, è una mappa geometrica divisa in otto zone dedicate alle attività e dinamiche del quotidiano, quali famiglia, creatività, fortuna, conoscenza, relazioni, successo, ricchezza e salute.

Ognuna di queste sezioni - o Gua - corrisponde a un numero e un punto cardinale, seguite da un trigramma, dove è presente una particolare combinazione di linee yin (femminili e spezzate) e yang (maschile e solide). Dalla combinazione dei vari trigrammi si giunge ai cinque elementi naturali - fuoco, terra, metallo, acqua e legno - con al centro della mappa il Tao, ovvero l'equilibrio tra tutte le forme e gli elementi, per l'armonia e la salute personale.

Ma quale è l'utilizzo della Bagua? Questa mappa va collocata al centro dello spazio domestico, posizionando la Gua dell'acqua in corrispondenza della porta d'ingresso. La mappa è solitamente di formato ottagonale - ma è disponibile anche come quadrato - ed suddivisa in nove aree specifiche: partendo dall'alto a sinistra con ricchezza/prosperità, seguite da fama/reputazione e amore/matrimonio, per poi scendere verso il basso con creatività/bambini, rapporti sociali, carriera, conoscenza e risalendo verso l'inizio con famiglia. Al centro si trova il simbolo del Tao e dell'energia costituita da tutti questi fattori, associati agli elementi naturali.

I colori del Feng Shui



Determinata la mappa dei propri ambienti con la Bagua, fondamentale nel Feng Shui è la scelta dei colori. Le tonalità e le cromie andranno combinate nel modo giusto, utilizzando quelle più vivaci per le aree creative e di lavoro, mentre quelle più rilassanti per le zone dedicate al riposo e alla meditazione. Ma quali tinte scegliere?

  • Giallo e arancione: perfetti per il soggiorno quale centro energetico della casa;
  • Rosso e rosa: anche il rosso è utile per gli spaz di vita della casa, tuttavia andrà relegato ai dettagli, così da aumentare l'energia senza sopraffarla, oppure sostituendolo con un rosa più rilassante;
  • Verde: insieme a tonalità d'ispirazione naturale, è ideale per la zona bambini, per simboleggiare la loro crescita;
  • Blu: insieme alle sue sfumature, è il colore perfetto per la calma e il relax. È ideale quindi per l'area dedicata al bagno o alla camera da letto, seguito dal viola, che va gestito sapientemente solo per un piccolo bagno o l'interno di una cabina armadio o di un armadio stesso;
  • Beige, grigio, bianco e argento: in aggiunta a tutti gli altri toni neutrali, hanno il compito di creare equilibrio stabilendo un legame con gli altri colori;
  • Nero: può trovare spazio energetico in piccoli dettagli, ma solo ad altezza occhi: l'esempio è quello di un divano all'interno di un contesto chiarissimo.

Luci, forme e spazi

Il Feng Shui impone anche una certa attenzione a luci, forme e spazi. Nel dettaglio, la disciplina orientale prevede:

  • Luce e riflessi: svolgono un ruolo importante, per questo è bene scegliere finestre ampie o pareti divisorie trasparenti, in grado di far filtrare la luce esterna e quella interna. Aumentando il tutto con il supporto di specchi e superfici riflettenti, in modo amplificare l'effetto e l'energia stessa;
  • Ordine e forme: la pulizia domestica aumenta l'energia della casa, garantendo serenità ed equilibrio. Tutto ciò che è superfluo va gettato in favore di una dimora funzionale, libera da orpelli inutili e ordinata. Preferendo forme morbide e tondeggianti, in grado di riportare alla mente la natura e il suo equilibrio, lasciando la parte centrale delle stanze libera da ingombri, per non bloccare il flusso di energia;
  • Porte e ingressi: svolgono un ruolo fondamentale per il passaggio dell'energia, quel flusso che definisce la casa stessa e i suoi abitanti. A partire da quella d'ingresso, seguita da tutte le altre, che devono rimanere aperte per consentire all'energia di entrare nell'ambiente. Secondo le regole del Feng Shui, non devono esserci più di tre porte in linea aperte contemporaneamente, scegliendo una posizione al centro della stessa parete con un'apertura verso l'interno della stessa stanza. Come anticipato, alla porta dovrà corrispondere uno spazio di gestione e di comando situata all'angolo opposto, corrispondente a un letto, un divano o un tavolo scrivania così da accogliere il flusso energetico;
  • Divisione degli spazi: per non creare contrasti energetici è importante separare le zone di una stanza, in particolare se la stessa può accogliere più attività. Ad esempio un salotto con cucina, una camera con zona studio o un'area bimbi con letto. Pannelli, paraventi, piante, tende possono aiutare a dividere discretamente le aree a seconda della competenza senza così disperderne l'energia;
  • Elementi danneggiati: il Feng Shui impone la presenza di pochi oggetti, di spazi puliti e ordinati, per questo tutto ciò che è danneggiato o rovinato profondamente andrebbe rimosso. Oppure, se possibile, restaurato. Tutto ciò che non serve andrebbe invece gettato, eliminato oppure regalato, in modo da permette all'energia di diffondersi fluidamente;
  • Piante, odori e materiali: in una casa gestita secondo le regole del Feng Shui non possono mancare accessori, supporti, superfici ed elementi del tutto naturali, in grado di rimandare ai cinque elementi che governano la Bagua. In tandem con aromi e profumi semplici e accoglienti, in grado di stimolare creando un equilibrio sensoriale. Infine piante e fiori che potranno animare gli angoli vuoti della casa, di terrazze e balconi, fino alla zona finestra, donando vita e serenità.

Commenti