Personaggi

"Sala nel video di Milano come Gotham City". Fabio Rovazzi rilancia contro il sindaco dem

Il cantante si scusa per il finto furto del cellulare ma contrattacca: "Danno d'immagine? Nessuno ha criticato Sala nel video di Milano come Gotham City"

"Sala nel video di Milano come Gotham City". Fabio Rovazzi rilancia contro il sindaco dem

Ascolta ora: ""Sala nel video di Milano come Gotham City". Fabio Rovazzi rilancia contro il sindaco dem "

"Sala nel video di Milano come Gotham City". Fabio Rovazzi rilancia contro il sindaco dem

00:00 / 00:00
100 %

Il dossier Fabio Rovazzi, già in tendenza sulle principali piattaforme social, ora sbarca nella politica nostrana. La trovata pubblicitaria del “falso furto” del suo smartphone per promuovere il suo nuovo singolo ha scatenato la reazione del sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Il primo cittadino milanese, rivolgendosi direttamente al cantante e influencer, ha parlato di “un comportamento arrogante”, azzardando addirittura “a una riflessione sul tipo di società” che promuove, con tanto di ramanzina sul “rispetto delle regole”.

Le accuse di Sala

Ma non solo. Il sindaco dem ha lanciato un messaggio al giovane cantante. “È un comportamento arrogante per il fatto in sé, ma anche per aver voluto rivendicare la cosa, quasi a dire ho ricevuto molti complimenti perché ho fatto una cosa che dal punto di vista pubblicitario ha colpito”, ha spiegato il primo cittadino democratico. E ancora:“Se vogliamo una società in cui chi ha un minimo di visibilità può permettersi di non rispettare le regole e gli altri poveri diavoli invece sì, ecco - ha detto il sindaco - non è quella che vorrei io”.

Un attacco frontale dal quale Rovazzi, utilizzando l’arma dei social, si è voluto difendere. “Nelle ultime ore – esordisce dal suo profilo social il content creator - mi sono ritrovato al centro di una tempesta mediatica Attaccato da politici e giornalisti che prima mi hanno usato per fare notizia e poi si sono sentiti traditi”.

La risposta di Rovazzi

Le scuse ufficiali, però, non tardano ad arrivare: “Ma siccome non mi piace fare la vittima, chiedo scusa per il disagio che ho involontariamente creato”. La trovata pubblicitaria per sponsorizzare il suo nuovo album, probabilmente, dice lo stesso artista, “mi è un po' sfuggita di mano”. Ma credetemi, Milano mi sta a cuore quanto sta a cuore a voi”, ha aggiunto. Il capoluogo lombardo, ovviamente, non ha nulla a che vedere con la trovata del canatante. “Qualcuno è arrivato addirittura a parlare di danno di immagine per la città di Milano. Ma la diretta l'avete vista? lo sono seduto ai tavolini di un bar in un contesto anonimo, non cito mai Milano. Avrei potuto essere ovunque, in qualsiasi luogo d'Italia e del mondo”.

E sulle parole del sindaco Sala, il cantante passa al contrattacco. “Oggi mi ha attaccato anche il sindaco Beppe Sala. Ne sono dispiaciuto”, spiega Rovazzi.

Senza diemticarsi di un paradosso tanto evidente quanto preoccupante: “Sono anche un po' sorpreso – spiega - visto che pochi mesi fa Sala si è prestato a fare da comparsa nel video promo di lancio del nuovo disco dei Club Dogo, che tra l'altro era bellissimo, in cui Milano viene rappresentata come Gotham City, la città criminale per eccellenza.

Commenti