Emilia-Romagna, dal centrodestra avviso di sfratto a Bonaccini e al governo

Il centrodestra unito chiude la campagna elettorale per le Regionali a Ravenna: "Lunedì citofoneremo a Conte"

Per Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi il voto in Emilia Romagna è evidentemente un "avviso di sfratto al governo giallorosso". I tre leader del centrodestra si ritrovano dopo mesi - l'ultima uscita pubblica congiunta riporta allo scorso ottobre, in occasione delle regionali in Umbria a sostegno della candidata Donatella Tesei - insieme sullo stesso palco. Ed è la kermesse di Ravenna, in piazza del Popolo, dove la protagonista è Lucia Borgonzoni, a farlo ritrovare. Con la sua vittoria, sottolinea il Cav, "le donne del centrodestra alla guida di una regione sarebbero tre". Di fatto, la coalizione ha già praticamente vinto in Calabria, con Jole Santelli a un passo dalla poltrona di Governatore. È però l'Emilia, la roccaforte rossa, a fare gola al centrodestra, non solo perché la sua conquista sarebbe una vittoria su tutta la linea nei confronti del nemico storico, il Pd. Ma anche perché la vittoria di Borgonzoni 'dovrebbè far alzare bandiera bianca all'esecutivo, formatosi solo grazie a "giochini di palazzo". Un ragionamento che si riassume nell'ironia della prorompente Meloni, che utilizza la polemica contro l'alleato, lanciando l'avvertimento: "Lunedì andiamo a citofonare a Giuseppe Conte: 'Scusi lei sta facendo gli scatoloni? Se ci date una mano siamo pronti già lunedì a chiedere le elezioni anticipate".

Ed è ovazione per la leader di Fdi, che non ha dubbi: "Sono Giorgia, sono una donna, sono cristiana, e con Matteo Salvini e Silvio Berlusconi sono pronta a governare questa nazione". E se Salvini ieri, dividendo la città di Bibbiano con le Sardine, è stato "morbido", Meloni ci va giù pesante: "Si chiamano Sardine ma nascondono veri squali, i peggiori di sempre. Basti pensare al fatto che oggi hanno avuto anche l'endorsement di George Soros, il campione mondiale della speculazione finanziaria". La piazza raccoglie i militanti e simpatizzanti dei tre partiti, che seguono la scia del Capitano: Salvini questa volta davvero può dire di "aver suonato a tutte le porte" e che , per questo, ha perso anche la voce sulla via dell'Emilia, per portare il Carroccio alla vittoria. "A stasera c'è un netto vantaggio, se ognuno di voi ci mette un mattoncino in più Lucia Borgonzoni le elezioni del 26 gennaio non le vince, ma le stravince e manderemo anche a casa Conte, Renzi Di Maio e Zingaretti" assicura.

E agli emiliano-romagnoli promette: "Con Lucia avremo in regione un assessorato alla sicurezza, che avrà le idee chiare e che farà una lotta senza pietà alla droga, palazzo per palazzo, quartiere per quartiere". Berlusconi vola alto e carica il voto di domenica, parlando di "una rivoluzione copernicana, per l'Emilia Romagna ma anche per la storia politica italiana". L'ex premier non ha dubbi: "Le elezioni in Emilia avranno un risultato che non potrà non avere conseguenze. Io credo che dovremmo andare a chiedere con forza le dimissioni di questo governo delle quattro sinistre, perché se volesse continuare l'Italia non sarebbe nemmeno più una democrazia, ma la dittatura della minoranza sulla maggioranza. Quello di domenica sarà un risultato che potrà cambierà la qualità della vostra vita in regione e non potrà non avere conseguenze importanti il governo del Paese. Se non ci fossero le dimissioni e questo governo delle quattro sinistre continuasse a stare lì, l'Italia non sarebbe più una democrazia. Quando da stasera a domenica andrete a convincere ancora qualcuno dei vostri familiari, parenti e amici su come devono votare domenica, ricordatevi di questa enorme, straordinaria e totale differenza tra loro e noi. Noi siamo quelli della libertà, del lavoro, delle imprese, del benessere per i cittadini e dei servizi. Loro sono quelli che ai cittadini vogliono imporre soltanto il loro potere e la loro volontà. Quindi domenica prima del voto al centrodestra, darete un voto alla nostra civiltà, alla vostra e nostra libertà". Dalla platea, ricca dei simboli dei tre partiti, si alza infatti un solo grido, dopo quello di Bergonzoni presidente: tornare al voto.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di CiaodalBrasile

CiaodalBrasile

Ven, 24/01/2020 - 22:40

A lunedí...fuori i comunisti e le sarde...

savonarola.it

Ven, 24/01/2020 - 22:51

Non so come interpretare questo trionfalismo del centrodx. Spero che sia giustificato da dati che solo loro conoscono. Perché se fosse solo un bluff la delusione sarebbe grande. Anche per me.

savonarola.it

Ven, 24/01/2020 - 22:58

Se queste previsioni si avvereranno domenica sera mi ubriacherò per la prima volta nella mia vita. Ho già fatto scorta di lambrusco e sangiovese. Spero di non rimanere deluso.

scorpione2

Ven, 24/01/2020 - 22:59

che ci fa' un cinese con felpini?

d'annunzianof

Ven, 24/01/2020 - 23:56

Per favore non paragonate le sardine rosse agli squali, animali bellissimi; sono piuttosto lamprede prezzolate e ammaestrate da quel GRANMASTRO DEI SAVI DI ZION di Soros

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 25/01/2020 - 00:17

@savonarola.it Lei cosa farebbe? Si scuserebbe preventivamente per non avercela messa tutta per vincere? Dimostrerebbe sfiducia e rassegnazione? Consegnerebbe le chiavi della regione su un bel cuscino rosso ai compagni? Io non vedo il futuro, ma penso solo una cosa: dobbiamo crederci! Partire sconfitti e rassegnati è la peggior cosa che possiamo fare.

Ritratto di faman

faman

Sab, 25/01/2020 - 01:03

Dobbiamo rassegnarci ad avere il pifferaio premier, che nonostante le buffonate riesce a incantare il suo seguito di topolini. Vedremo se, oltre a fare comizi e comparsate riuscirà anche a governare o se, come il pifferaio di Hamelin ci porterà via tutti verso l'ignoto.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 25/01/2020 - 01:42

Purtroppo l’avviso di sfratto ancora non c’è: non è possibile. Però, lunedì prossimo, se le “Sardinerie” perderanno nelle elezioni in Emilia Romagna, la situazione subirà un ulteriore mutamento, per cui si dovranno rifare i conti.

Gattagrigia

Sab, 25/01/2020 - 01:54

I discorsi di Berlusconi sono uguali a quelli che lo portarono alla vittoria del ‘94. Si è visto quante promesse ha mantenuto, ma soprattutto si è visto, con la complicità della Lega di Bossi,come ha lasciato il paese, un cumulo di macerie che, ancora ad oggi , non sono state sgomberate. Se dovesse vincere il cdx dopo non servirà più un Monti bis, ma un Monti al quadrato

Gattagrigia

Sab, 25/01/2020 - 05:49

I comunisti cantano bella ciao, quelli destra aspetta e spera...

ST6

Sab, 25/01/2020 - 07:58

savonarola.it: "Non so come interpretare questo trionfalismo del centrodx." Con il vuoto e il nulla. Non pensi forse resterà tutto uguale se "vince" la dx? Non pensi forse resterà tutto uguale se "vince" la sx? È tutto artefatto, a dx e sx sono topi che rosicchiano il rosicchiabile, prima d'abbandonare una nave non salvabile.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Sab, 25/01/2020 - 11:51

@ST6 Ben detto. Ricordiamo alcuni interventi del "centrodestra": Convenzione di Dublino (FI e PD), Art. 117 che subordina il diritto italiano a quello internazionale (FI e Lega), abolizione dello "ius sanguinis" (FI e Lega), governo Monti (PD e FI)...