Eurobarometro, solo il 44% degli italiani vorrebbe restare nell'Ue

Secondo i dati forniti da Eurobarometro il 65% degli italiani si dichiara favorevole all'euro. Ma in caso di referendum solo il 44% voterebbe per rimanere nell'Ue

Eurobarometro, solo il 44% degli italiani vorrebbe restare nell'Ue

Gli italiani sembrerebbero i meno entusiasti dell'appartenenza all'Unione europea. E nonostante il 65% degli intervistati si dichiari favorevole all'euro, il dato dell'Italia risulta il più basso tra tutti gli stati interpellati. Lo hanno rilevato i dati dell'ultimo sondaggio di Eurobarometro. Quindi, benché la maggior parte resti positiva nei confronti dell'euro, i cittadini italiani sarebbero i meno contenti.

A dimostrarlo anche la percentuale più significativa legata al parere su un eventuale referendum sull'uscita dall'Ue. In questo caso, soltanto il 44% degli italiani vorrebbe restare, contro il 66% degli interpellati europei. Il 24%, infatti, voterebbe per seguire l'esempio della Brexit e andarsene, mentre il 32% si dichiara indeciso. Quello itaiano risulterebbe, quindi, il dato peggiore dei 28, anche a fronte dei britannici dove, oggi, il 53% sarebbe per il "remain". "È evidente ormai a tutti che occorra rifondarla", ha detto il Ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Che su Facebook ha aggiunto: "Io sogno un'Europa che faccia poche cose e le faccia bene. Le elezioni europee dell'anno prossimo saranno un'occasione storica. Mi aspetto un mare di voti in tutto il continente per chi vuole rispettare le identità e i popoli, contro le imposizioni arroganti degli speculatori finanziari e le leggi assurde di burocrati che vivono su un altro pianeta. Sarà una nuova Primavera europea di libertà!".

Complessivamente, però, il 68% degli europei ritiene che il proprio Paese abbia tratto beneficio da questa appartenenza e il 62% considera positivamente l'adesione al consesso. Secondo i numeri di Eurobarometro, si tratterebbe delle percentuali più alte registrate negli ultimi 25 anni. Dato incoraggiante che, però, va osservato con attenzione. Almeno secondo il presidente del Parlamento europeo.

"In quasi tutta Europa cresce l'apprezzamento per l'appartenenza all'Unione e per i benefici che ne derivano. Anche la moneta unica piace alla grande maggioranza dei cittadini", ha spiegato Antonio Tajani. Che ha ricordato anche quanto il gradimento per l'euro, in Italia, abbia superato la media europea crescendo del 4% rispetto a marzo 2018. Ma ammonisce: "Non possiamo certo cullarci sugli allori. In alcuni stati membri, tra cui il nostro, la percentuale di chi pensa che l'appartenenza sia positiva è ancora troppo bassa. Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per dimostrare che l'Unione sa dare risposte davvero efficaci ai principali problemi degli europei, come l'immigrazione, la sicurezza e la disoccupazione".

L'immigrazione, infatti, risulta al primo posto nell'agenda dei temi prioritari per la prossima campagna elettorale europea, seguita dall'economia e dalla disoccupazione giovanile. Scende al quarto posto la lotta al terrorismo. Priorità simili anche per i cittadini italiani, anche se l'immigrazione è percipita come tema chiave dal 71% degli intervistati.

Commenti