Freud, il geografo dell'amore «L'Elba mi indica la via verso te»

Il padre della psicanalisi scrive alla futura moglie definendosi un «beato innamorato»

Sigmund Freud (1856-1939) conosce Martha Bernays all'inizio degli anni Ottanta dell'Ottocento. Solo pochi mesi dopo averla conosciuta, Sigmund si fidanza con Martha, nonostante l'opposizione della famiglia di lei, che non vedeva di buon occhio quello che allora era solo uno studente di medicina all'università di Vienna e che poi, da neurologo, negli anni successivi diventerà il rivoluzionario padre fondatore della psicanalisi. Dopo un lungo fidanzamento, il 13 settembre 1886 Sigmund e Martha si sposano. E, a discapito della complessità delle relazioni amorose analizzate dallo psicanalista austriaco, il loro è un matrimonio felice, che dura più di mezzo secolo e che viene interrotto solo dalla morte dello stesso Freud, nel 1939. Dalla loro lunghissima relazione sono nati sei figli. Nel corso della loro vita insieme, prima da fidanzati e poi da marito e moglie, il padre della psicanalisi scrisse a Martha oltre novecento lettere, come quella che pubblichiamo in questa pagina, che risale all'epoca in cui Freud e la Bernays erano due giovani fidanzati. La missiva è tratta dal volume «Lettere d'amore di uomini e donne straordinari», Piano B edizioni.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti