Il Friuli Venezia Giulia vuole il blocco nazionale del farmaco gender

La mozione contro la contestatissima Triptorelina, che blocca temporaneamente lo sviluppo della pubertà nei casi di "disforia di genere", è stata presentata dal Gruppo consiliare della Lega

In Friuli Venezia Giulia il centrodestra ha votato una mozione sui farmaci blocca-pubertà e chiede alla Giunta, guidata dal leghista Massimiliano Fedriga, di attivarsi con il Governo nazionale giallo-verde per interdire, su tutto il territorio italiano, la somministrazione di triptorelina.

La mozione contro il contestatissimo farmaco "gender", che blocca temporaneamente lo sviluppo della pubertà nei casi di "disforia di genere", è stata presentata dal Gruppo consiliare della Lega di Matteo Salvini e condivisa dagli altri movimenti e partiti di centrodestra.

La triptorelina, denuncia la maggioranza di centrodestra della Regione Autonoma, è stata immessa nell'elenco dei farmaci offerti a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale, dopo una Determina dell'Agenzia italiana per il farmaco (l'Aifa) pubblicata sulla Gazzetta ufficiale, "in assenza di sufficienti studi clinici, soprattutto in merito ai possibili suoi effetti negativi a lunga scadenza" e non considerando che "la pubertà non si può definire patologia".

Quella del centrodestra del Friuli Venezia Giulia "non è una posizione ideologica, bensì una proposta di buonsenso nell'interesse esclusivo della salute dei bimbi di tutta l'Italia", ha dichiarato Mauro Bordin, capogruppo della Lega di Salvini in Consiglio Regionale.

Secondo Bordin bloccare farmacologicamente la pubertà potrebbe causare "un disallineamento fra lo sviluppo fisico e quello cognitivo del minore", provocando una compromissione della "definizione morfologica e funzionale di quelle parti del cervello che contribuiscono alla strutturazione dell'identità sessuale insieme con i fattori ambientali ed educativi".

La preoccupazione dei politici di centrodestra della regione Friuli Venezia Giulia è legata anche al fatto che mancano evidenze scientifiche sul ritorno alla fertilità piena nel caso di quei ragazzini che, una volta iniziato il trattamento, decidessero di desistere dallo stesso per permanere nel loro sesso biologico.

"Il corpo è reale. La mente deve accettare la realtà e amarla", ha scritto su Notizie Pro Vita la nota attivista pro-life Silvana De Mari. Secondo la dottoressa "dove non c’è armonia tra mente e corpo va curata la mente, non alterato il corpo. Il concetto che vede corpo e mente slegati esiste all’interno di una patologia, quella dissociativa".

Un concetto, a quanto pare, condiviso dai consiglieri regionali di centro destra del Friuli Venezia Giulia che, ricordando uno studio dei pediatri americani, hanno spiegato che il 98% dei bimbi e l'88% delle bimbe accettano le caratteristiche del proprio sesso biologico dopo aver superato naturalmente la fase puberale.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mar, 23/07/2019 - 16:09

Per fortuna, sembra sia iniziata la marcia indietro da posizioni di una gravita' allucinante.

SPADINO

Mar, 23/07/2019 - 16:16

GIUSTO- QUESTO FARMACO E' UNA MOSTRUOSITA'.NON DOVEVANO NENACHE METTERLO IN COMMERCIO. E' UN ATTENTATO ALL'UMANITA'

evuggio

Mar, 23/07/2019 - 16:26

mi sembra che questa follia di progetto gender risponda a pieno titolo a quello che potrebbe essere classificato CRIMINE CONTRO L'UMANITA'

FedericoMarini

Mar, 23/07/2019 - 17:04

usciamo dall’ordinaria follia per entrare nella straordinaria follia.

Divoll

Mar, 23/07/2019 - 17:35

Mi associo, dove si firma?

carlottacharlie

Mar, 23/07/2019 - 18:23

L'idea di voler fermare la pubertà fa il paio con la storia di Bibbiano; malati di mente e farabutti e, se poi vogliamo dirla tutta: sembrano i nipoti di Mengele. Assatanati pazzi criminali, metterli in galera già che sono capaci di ogni bassezza morale e non si fanno scrupolo di rovinare i bambini. Idioti malintenzionati.

fifaus

Mar, 23/07/2019 - 18:39

ritorno al buon senso!

ziobeppe1951

Mar, 23/07/2019 - 19:44

NAZIKOMUNISTIDIMMERDA

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mar, 23/07/2019 - 19:53

Dopo i 18 anni fate il cavolo che vi pare e piace; prima, abbozzate.

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 23/07/2019 - 20:32

Savia decisione. Per la sinistra sembra che il cambio genere dei moninori sia una pandemia, una emergenza sanitaria nazionale, un diritto esclusivo. Ma se un minore non può votare, guidare un'auto, farsi un tatuaggio, a titolo di esempio, come può avere le idee chiare su una trasformazione che poi condizionerà la sua vita fino alla morte? A monte vi sono mire ideologiche, interessi industriali e quanto peggio la mente umana può sfornare.

Mauritzss

Mar, 23/07/2019 - 22:11

Le “Gestapo” non esistono solo in tempo di guerra !! … Agiscono anche in tempo di pace ma solo in maniera più sotterranea.

istituto

Mar, 23/07/2019 - 23:30

È chiaramente un progetto volto alla distruzione della identità maschile e femminile. Nel frattempo lavorano alla distruzione della famiglia naturale con la creazione di famiglie Frankenstein.

patrenius

Mer, 24/07/2019 - 08:18

E schifezze come la triptorelina la chiamano farmaco e la inseriscono nei farmaci mutuabili? Bella una società lgb! Io sono nato, cresciuto e vissuto maschio e adoro la femmina! Il connubio maschio-femmina è alla base della natura, della procrezione e della prosecuzione e sviluppo della specie. E chiudo se no mi bloccano il commento.

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Mer, 24/07/2019 - 08:27

Negli USA per colpa dell’amministrazione Obama che ha favorito i deliri gender della cricca LGBT il problema dei c.d. “minori transgender” è già a livelli allarmanti. Trump sta provando a mettere delle pezze ma la situazione resta drammatica in quanto il lavaggio del cervello ha fatto effetto su molti (dem ovviamente). Tanto per cambiare le sinistre usano le questioni sociali per favorire e lucrare sui più abominevoli business. Ce ne stiamo accorgendo anche qua.

giovanni951

Mer, 24/07/2019 - 09:20

meno male....questo farmaco crea mostri. E chi lo ha inventato é un mostro.

Ritratto di DemetraAtenaAngerona

DemetraAtenaAngerona

Mer, 24/07/2019 - 12:05

@VOCIdaALTRIMONDI* Sul farmaco e la teoria gender tacio, ma SULLA MENTE che DEVE ADEGUARSI AL CORPO...NON SONO D'ACCORDO. Si nasce in corpi di maschi, di femmine e di ERMAFODITI (quindi cosa dovrebbe fare la mente) e così si nasce a causa degli ormoni e/o geni ecc, e così anche nel mondo animale e nella mente si nasce prevalentemente o del tutto maschio o femmina quindi attratti dall'altro o dall’uguale o da entrambi; la cultura la famiglia c'entrano ben poco. Se i geni gli ormoni ecc possono far nascere un ermafrodito, possono anche far nascere un omosessuale e OVUNQUE, alcuni politici di dx e cristiani e omosessuali dichiarati - Pim Fortuyn, Alice Weidel leader AFD sposata con una donna figli e con figli adottati, Jörg Haider e la figlia gay di Cheney, la sorella Veronica della Vandeana Irene Pivetti convive con una donna.ECC e poi GayLib è l'associazione nazionale dei gay liberali e di centrodestra italiani, nata nel 1997 a Milano ci sono stati anche i Los Padania.**