Infettato il governo

Trentamila morti di virus, tre milioni di nuovi disoccupati, libertà sospese, ma ancora una volta il destino dell'Italia e dei suoi governi rischia di ruotare attorno alla mafia e agli intrighi degli antimafia

Il governo mi sembra come quei preti birichini che predicano bene ma razzolano male. «Siate responsabili», ripete da giorni Conte agli italiani, ai quali peraltro fin dal primo giorno di questa emergenza non è mai passato per la testa di fare pazzie. E a quanto pare non le hanno fatte neppure ieri, primo giorno di allentamento delle misure restrittive.

Ma se dobbiamo essere un Paese di gente responsabile, sarebbe bene che lo fossimo tutti e sempre, e non solo quando si tratta di fare o non fare il barbecue sul terrazzo (confesso che ho peccato durante la quarantena). Mi riferisco a quello che sta succedendo nel già travagliato (anche nel senso di amici di Marco Travaglio) e torbido mondo del potere giudiziario e al caso sollevato da Massimo Giletti nelle ultime puntate della sua Non è l'Arena sulle scarcerazioni di boss causa Coronavirus. In un crescendo di sospetti, accuse e contraccuse che hanno già portato alla rimozione del capo del Dap (il Dipartimento che si occupa della gestione delle carceri), si è arrivati domenica sera allo scontro in diretta tv tra il ministro di Giustizia, il grillino Alfonso Bonafede, e il magistrato simbolo della lotta alle mafie Nino Di Matteo, politicamente vicino ai Cinque Stelle e capo dell'ala iper-giustizialista delle toghe siciliane (e non solo) ossessionate da Berlusconi.

I due, Di Matteo e Bonafede, si sono dati reciprocamente del bugiardo e il primo sostiene di essere stato scartato dal secondo come capo del Dap in quanto non gradito a importanti mafiosi. Seguendo quindi la logica, il più importante magistrato d'Italia ipotizza che ci sia stata una trattativa tra Stato e mafia e che a condurla sia stato proprio il ministro di Giustizia.
Capite bene che non si tratta di quisquilie e che - per lo stesso senso di responsabilità che chiede a noi sul virus - il premier Conte dovrebbe chiarire velocemente la questione. I casi sono due: o Di Matteo mente (e in tal caso andrebbe rimosso dalla magistratura) o Bonafede, che è anche capo della delegazione Cinque Stelle al governo, deve essere allontanato e messo sotto processo con tutte le conseguenze che ne derivano.

La mia impressione è che si tratti di una resa dei conti di potere sfuggita di mano all'interno di quel mondo giustizialista tanto caro ai grillini. E penso che la partita non possa finire con un pareggio. Tra Di Matteo e Bonafede uno dei due è di troppo, e se a cadere sarà il ministro, trascinerà giù inevitabilmente tutto il governo.
È incredibile: trentamila morti di virus, tre milioni di nuovi disoccupati, libertà sospese, ma ancora una volta il destino dell'Italia e dei suoi governi rischia di ruotare attorno alla mafia e agli intrighi degli antimafia. E dire che questo doveva essere il tempo della svolta...

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Altoviti

Mar, 05/05/2020 - 18:01

Non il governo, cioè anche, ma ahimé la mente degli italiani che tollerano questo governo.

mzee3

Mar, 05/05/2020 - 18:21

Io ho l'impressione che agli italiani non sia ancora bastata né i trentamila morti né i tre milioni di disoccupati. Dobbiamo aspettare che siano finiti i soldi di "solidarietà". E non sarà finita. La lezione ci sarà quando, dopo i morti, dopo la disoccupazione, come nel dopoguerra, ci sarà la ricostruzione di una nuova era. E allora si vedrà che fine faranno i sovranisti… Come nel dopoguerra. Vi ricordate^ Io mai stato fascista… oggi : io mai votato berlusconi sempre stato leghista.

lavitaebreve

Mar, 05/05/2020 - 18:21

LA SINISTRA TACE. CHISSÀ COME MAI.

dagoleo

Mar, 05/05/2020 - 18:31

la solita querelle. Bonafede di fondo credo sia un Ministro della Giustizia molto inadeguato. Avrà sparato l'offerta senza prima consultarsi e poi si è scordato di dire a De Matteo che avevano già scelto un altro. Peraltro De Matteo, sarebbe stato un personaggio un pò ingombrante in quell'incarico perchè affetto da protagonismo smodato, quindi forse non era gradito a tutti. Meglio scegliere uno con meno meriti ma più gestibile e con meno alzate di testa, uno più tranquillo. De Matteo è uno affetto da troppi deliri di grandezza. penso che i boss centrino ben poco.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mar, 05/05/2020 - 18:41

"Mondo giustizialista caro ai grillini"? Si è visto con ILVA, autostrade, rapporti con l'UE e alleanze elettorali quanto sia giustizialista il M5S.

Ritratto di Cali85

Cali85

Mar, 05/05/2020 - 18:42

Secondo me, la paura di perdere la pensione farà passare sopra anche a questo visto che, se dovessimo andare alle elezioni è certo che, più della metà dei dilettanti che stanno a Roma, Conte compreso, sparirebbero dalla faccia... della politica Italiana !!!!

Altoviti

Mar, 05/05/2020 - 19:22

@Cali85: farcessero una legge per prendersi la pensione subito ci costerebbe di meno che tenerseli.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 05/05/2020 - 19:36

Credo che il 41/bis, detenzioni, legislazioni e magistrature speciali siano proprie di paesi illiberali, che la mafia sia un fenomeno odioso e che faccia presa nell'etica sociale. Tuttavia solo il reato deve essere perseguito e per farlo non occorre niente di speciale. Solo tanta voglia di lavorare. I due sedicenti antimafiosi, di governo e di toga, sono degli speciali. Uno è un magistrato speciale, appunto, l'altro di speciale ha proprio tutto anche quello che non dovrebbe. Meglio Totò e Peppino. Le dimissioni? Entrambi rimarranno dove sono. Anche i mafiosi avrebbero dovuto rimanere dov'erano. Ma siamo in Italia, un Paese speciale.