"Non daremo il nostro voto..." Conte ora è in preda al panico

La questione Giustizia fa vacillare il governo. Nel mirino di alcuni esponenti della maggioranza la relazione-Bonafede che si voterà la prossima settimana

A meno di una settimana dalla fiducia che il governo ha conquistato faticosamente al Senato tra mille sofferenze e numerose polemiche dovute alle trattative per conquistare i voti dei "costruttori", quelli che un tempo venivano definiti voltagabbana, ecco che l’esecutivo si trova di nuovo a rischio. La fragile maggioranza giallorossa potrebbe, infatti, perdere nuovi pezzi. Almeno sul tema della Giustizia. Alcuni dei tanto esaltati “costruttori” sono già in agitazioni. La relazione del Guardasigilli Alfonso Bonafede, esponente pentastellato non del tutto apprezzato dal Pd e addirittura anche da una parte dei 5s, potrebbe provocare uno smottamento tra i giallorossi, vecchi e nuovi.

Il voto di mercoledì alla Camera e, soprattutto, quello di giovedì al Senato sulla relazione del Guardasigilli diventa così la cartina di tornasole delle difficoltà del premier Conte che sta lavorando per trovare i numeri per rafforzare la maggioranza.

Le previsioni sono nefaste. Il rischio di un disastro per il governo è dietro l’angolo. La prima bordata per Conte arriva da Clemente Mastella, che dei "costruttori" è divenuto una sorta di padre spirituale, non essendo parlamentare non può intervenire direttamente nella questione. Ma non va dimenticato che in Senato c’è Sandra Lonardo, sua moglie. E tra i due le posizioni sono sostanzialmente identiche. La Lonardo non si è ancora pronunciata in modo netto sulla relazione-Bonafede ma il consorte sì. "Non possiamo sostenere un governo che sulla giustizia continua sull'onda del grillismo e dell'anti-garantismo. Abbiamo visioni completamente diverse da Bonafade", ha spiegato il leader democristiano.

Un possibile voto in meno al Senato. Non è poca cosa visto che la maggioranza è decisamente risicata. Ma ve ne sarebbe anche un altro a rischio: quello del socialista Riccardo Nencini. "Questo è un tema dirimente", ha affermato il presidente del Psi e padrone di casa del gruppo che ha accolto Italia Viva a Palazzo Madama dopo l'addio al Pd. Come riporta Il Messaggero, Nencini avrebbe detto agli amici: "Pensate che io il 28 gennaio parteciperò all'importante convegno della Treccani su Leonardo Sciascia, e le sue visioni del diritto che sono anche le mie e non prevedono cedimenti rispetto alla cultura delle garanzie, e non mi sembra un inizio per la nuova stagione governativa quello all'insegna delle posizioni di Bonafede".

Il problema non sono solo i voti in meno al Senato. Vi è anche il rischio che il tentativo di allargare la maggioranza con i centristi naufraghi. Perché, ad esempio, l’Udc difficilmente potrebbe appoggiare norme come quella dei processi che non vanno in prescrizione. La Binetti, che in cambio del ministero della Famiglia o di altre compensazioni sarebbe orientata ad appoggiare l'operazione "costruttori per Conte", adesso si mostra più cauta.

Il quotidiano romano racconta che un ministro del M5s spera in un "miracolo": in poche parole a Palazzo Chigi c’è chi si augura che in Senato a quelli della maggioranza si possano aggiungere i 3 voti dell'Udc, più 3 di Forza Italia e 5 di Italia Viva. Inoltre, la speranza è che tra le file degli azzurri al Senato ci possano essere numerose assenze. Ma pare uno scenario irreale. È vero che i senatori renziani Grimani e Comincini sono pronti a mollare Matteo per tornare nel Pd ma gli ultimi sviluppi politici, con la possibilità di un Conte ter con Italia Viva, ne hanno frenato la marcia. Difficilmente i partiti garantisti come Fi e Udc potranno aiutare il governo sulla relazione-Bonafede.

Uno dei berlusconiani dati in bilico per un passaggio tra i "costruttori", il senatore Vitali, ha assicurato: "La relazione Bonafede non la voterò mai". Stessa posizione del centrista Saccone: "Bonafede? Not in my name!". Netto anche Paolo Romani di Cambiamo!, il movimento di Toti, che già aveva respinto la possibilità di diventare "costruttore" con il suo gruppo comprensivo di Quagliariello. «Siamo disposti a confrontarci con la maggioranza soltanto sulla legge elettorale proporzionale e sederci a un tavolo su questo tema, se ci sarà". No deciso anche dall'ex 5s Giarrusso: "Se prima potevo avare qualche piccolo dubbio ora non ce l'ho più. Voto contro la relazione Bonafede nella maniera più assoluta".

I numeri

La possibilità che Bonfade venga impallinato è alta. C'è chi parla di un possibile pareggio: 156 voti contro di lui e 156 a favore, compresi quelli dei tre senatori a vita, Segre, Cattaneo e Monti. In pratica quasi una riedizione di quanto accaduto lo scorso martedì al Senato. Ma bisogna vedere cosa faranno la Lonardo e Nencini che, invece, avevano votato la fiducia. I contrari, quindi, potrebbero prevalere.

Quanto accade e accadrà sulla relazione-Bonafede è la prova della fragilità della maggioranza. Lunedì si terrà la conferenza dei capigruppo e qualcuno potrebbe chiedere lo slittamento del voto. Un modo per prendere altro tempo. Ma prima o poi i nodi verranno al pettine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di dlux

dlux

Sab, 23/01/2021 - 10:18

Tutti discorsi seriosi per accreditarsi come persone "onorevoli" ma il "salto della quaglia" li ha già etichettati e certificati come "traditori" del loro partito, dell'Italia e della Democrazia. E, al di là dei proclami, li vedremo tornare belando alla mangiatoia quando avranno fame.

ossola

Sab, 23/01/2021 - 10:20

Si trascineranno così fino al 2023 e poi...ancora, purtroppo l europa non vuole un governo di cdx

QuasarX

Sab, 23/01/2021 - 10:22

andate a casa di corsa

Calmapiatta

Sab, 23/01/2021 - 10:25

Sinceramente non comprendo cosa stia aspettando il Presidente della Repubblica. C'è un governo zoppo e analfabetizzato che non sa che pesci prendere. I partiti (tutti) sono terrorizzati dall'idea delle elezioni. Che agisca, questo paese non può continuare in questa incertezza. Qui non governa nessuno.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/01/2021 - 10:34

Speriamo sia la volta buona. ma la loro colla è troppo potente. mai visto una squadra così lontana dagli interessi del paese e dalla gente.

amicomuffo

Sab, 23/01/2021 - 10:40

sono solo dei pusillanimi che per la poltrona venderebbero anche la madre....io come italiano non voglio essere accomunato a gente del genere, di qualsiasi colore siano...qua non è questione di colore politico, qua è questione di capacità o meno della persona. Se uno è un incapace da sempre non è che diventando deputato, senatore o ministro, migliori...anzi vedrà la sua incapacità ( come sta avvenendo, purtroppo), messa all'attenzione di tutti.

Antenna54

Sab, 23/01/2021 - 10:41

Mi sa che il Presidente non ha la "forza" di dare un colpo di grazia ad un così nefasto govenicchio da circo equestre. Spero non dobbiamo sopportarli fino alla fine del loro mandato, farebbero più danni che altro e già tanti ne han fatti.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 23/01/2021 - 10:48

Cerchiamo di mettere ordine ai nostri problemi. Non ci interessa che conte sia in preda al panico, ma la maggioranza degli italiani che sono osteggio di questo governo d'incapaci gestiti da mattarello.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 23/01/2021 - 10:49

Per la cadrega i "costruttori" (una volta erano definiti traditori, voltagabbana attaccati allo scranno e alle prebende, soprattutto se da sx passano a dx) faranno di tutto per tenere in vita un governo che va avanti con "bombole d'ossigeno", proprio come un ammalato di covid 19 che vuole sopravvivere, spesso non riuscendovi. Intanto moltissimi italiani, vittime di alzate d'ingegno come queste e pro domo sua, continuano a vedersela brutta. L'omo dai bianchi capelli concede spazio ad abundantiam, però quando fu Silvio ad andare sotto nel 2011, per lui non ci fu spazio di alcun genere.

ilbelga

Sab, 23/01/2021 - 11:09

se vogliamo mandar via questi improvvisati politici di "alto rango", non dobbiamo più votare chi promette mare e monti, come gli 80 euro, il RdC ecc,ecc. Dobbiamo votare il primo che ci dice:"se mi votate saranno tempi duri e sacrifici, ma tra tre, quattro anni vedremmo i risultati positivi e i nostri figli e nipoti saranno orgogliosi di noi. Ma ce ne sarà uno così???

Ritratto di ocampo

ocampo

Sab, 23/01/2021 - 11:10

se Renzi è coerente sa come deve votare, astenersi non gli porta niente di buono...

Abit

Sab, 23/01/2021 - 11:17

Il Bonafede doveva già essere “buttato fuori” da mesi. Resiste in apnea ma questa volta (dovrebbe) affogare!

MammaCeccoMiTocca

Sab, 23/01/2021 - 11:18

E non datelo questo voto; per cortesia fate cadere questo governo di incompetenti. Tanto meno lasciatevi attrarre dal governissimo o governo di solidarietà. Volete offrire solidarietà a questi scaldapoltrone? Se accettate il governissimo finirete per regalare il potere a questa gente di scarso interesse per l'Italia non solo per altri due anni ma anche per i cinque anni successivi perché si prenderanno tutti i meriti - se mai ci saranno soluzioni. Così direte addio alle vostre speranze. Non vedete che PD e cinque stelle stanno recuperando? fermateli ora, fate cadere questo governo e portateci al voto, forse siamo ancora in tempo.

Happy1937

Sab, 23/01/2021 - 11:22

Che il Signore ci aiuti affinché anche questa volta la volpe finisca in pellicceria. Lui è molto più vicino a Preti , come lui sgomitanti per la carriera, che al Signore.

Giorgio5819

Sab, 23/01/2021 - 11:39

Il collaudato sistema comunista del rinvio continua. Questi sono solo dei parassiti che cercano continuamente di prendere tempo sperando di restare aggrappati a una emergenza covid che gli sta garantendo di restare in vita, con l'avallo di un mattarello assente.

Gio56

Sab, 23/01/2021 - 11:45

ilbelga,ci sono quelli che Lei cita,il problema è che poi gli ingrannaggi della politica di avvolgono e se tenti di ribellarti fanno di tutto per buttarti fuori legalmente e non.

jaguar

Sab, 23/01/2021 - 11:52

Renzi non voterà mai la sfiducia a Conte, al massimo si astiene e tira a campare fino al 2023.

ItaliaSvegliati

Sab, 23/01/2021 - 11:56

Ma quale panico comprano ancora mozzarella usceri ed è fatta fino al 2023.....

acam

Sab, 23/01/2021 - 12:00

prendere altro tempo ma il paese ce l'ha?

florio

Sab, 23/01/2021 - 12:03

Togliamoci dalla testa che questi incapaci possano togliersi di mezzo, il disegno è preciso, la sinistra al governo deve durare per eleggere il PDR, poi tireranno a campare fino a fine legislatura. Pazienza se per quel tempo 2023 il paese Italia sarà ridotto a un ammmaso di macerie, il potere vuole così. garantito che dopo si darà la colpa a Salvini, Meloni e CDX del disastro perpetrato. Immagino il film futuro con la regia dei sinistri, maestri nel demonizzare gli avversari! Ma

antonpaco

Sab, 23/01/2021 - 12:30

La cosa gravissima in questa crisi di governo e' la totale mancanza da parte dei politici di pensare all'Italia invece che a se stessi. Questo non e' il momento di far cadere il governo, bisognerebbe invecve mettersi insieme per salvare l'Italia da una situazione pericolosa.

lisanna

Sab, 23/01/2021 - 12:31

la questione Bonafede e' un tassello che si aggiunge alla credibilita' zero di Renzi:ha votato l'orrenda legge sulla prescrizione contro i loro (diIV)principi con la scusa di venire incontro al governo e ora voteranno (??) contro? se avessero votato contro allora,ora magari non saremmo in questa palude. MATTARELLA QUANTO TEMPO DARA' ANCORA A CONTE? E' INDECENTE IL SUO COMPORTAMENTO

al59ma63

Sab, 23/01/2021 - 13:13

"Non possiamo sostenere un governo che sulla giustizia continua sull'onda del grillismo e dell'anti-garantismo. Abbiamo visioni completamente diverse da Bonafade", ha spiegato il leader democristiano Mastella. CREDO FERMAMENTE che su questo Mastella abbia RAGIONE DA VENDERE...poi parliamo del resto che puo' essere discutibile o meno.... ma SU QUESTO NON CI PIOVE SIGNORI!!!...la canea giustizialista mediatica e' ora che abbia un epilogo e che i TRIBUNALI E I GIUDICI si mettano a LAVORARE invece di occuparsi di politica o ancor peggio INFLUENZARE il decorso della DEMOCRAZIA.(... e questo credo abbia gli estremi di un REATO)

electric

Sab, 23/01/2021 - 13:30

Ehi, costruttoriiiiii.... Prrrrrrrrrrrrrrrrrr

delenda_carthago

Sab, 23/01/2021 - 13:51

DJ Fofò

necken

Sab, 23/01/2021 - 14:05

ilbelga11,09: OK sul ragionamento, ma se fossi cosi facile avremmo pouto continuare con il governo Monti voluto da Napolitano invece c'è chi ci ha costruito su una carriera politica vedi quota 100 ecc.... fin quando non si troverà l'equilibrio fra i partiti della testa e del cuore/pancia, come definiva buon anima di Luciano de Crescenzo in cosi parlò Bellavista, con una certa ironia, sarà difficile anche perchè quel divario col tempo si è ampliato....

Ritratto di pumpernickel

pumpernickel

Sab, 23/01/2021 - 14:16

Appartengo ad una famiglia di costruttori. Abbiamo costruito strade, ponti, case, ferrovie. Mi sento mortificato dall'uso che si fa della parola per indicare i traditori... Questi non costruiscono un bel niente.

moichiodi

Sab, 23/01/2021 - 14:26

La cosa curiosa è che qui tutti pendono dalle labbra di Renzi. Mentre il centrodestra lavora perché il governo non cada. Se la fa sotto al pensiero di governare tutti i problemi causati dalla pandemia. Meloni e salvini solo bravi e capaci a fare propaganda e chiacchiere. Ma quanti qui li crede capace di affrontare i problemi concreti?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/01/2021 - 14:31

@ocampo - sono d'accordo con la tu ipotesi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 23/01/2021 - 14:36

@moichiodi - finora, a pendere dalle labbra di renzi siete voi miserabili giallorossi fin dall'origine, che grazie a lui ha formato la più odiosa accozzaglia di incapaci. E tuttora dipendete da lui e dal suo partito. Finora vi è andata bene, perchè, come solito fare voi sinistri, nei momenti clou si siìono astenuti. Sembre a sire menzogne e mai dire la verità. Al momento i fatti sono questi. Le tue fantasie puoi raccontarle al cenrto sociale, certo che lì ti credono.

florio

Sab, 23/01/2021 - 14:44

@moichiodi, la prova l'avremo quando governeranno, con i se e i ma non si va da nessuna parte. Intanto al momento governa la sinistra con i 5 stelle e non mi sembra che stia andando bene. Ci sono tante, troppe mancanze e l'economia sta soffrendo. Se non si lavora per il paese ma si litiga solo per le poltrone i risultati sono questi, drammatici. Fare supposizioni di chi governerà come e quando non è quello che interessa agli italiani. La realtà è questa prendiamone atto. Chi ora ha la bicicletta pedali, domani è un altro giorno.

Iacobellig

Sab, 23/01/2021 - 14:44

CONTE DEVE ANDARE VIA IL PRIMA POSSIBILE , È RISULTATO UN FALLITO, SCARSO E NIN ALL’ALTEZZA DEL RUOLO CHE GLI HANNO REGALATO. CONTE HA DANNEGGIATO QUESTO PAESE INSIEME AL M5S CHE PUR DI SEDERE AL GOVERNO SI È SOTTOPOSTO E SDRAIATO ADDIRITTURA A DI MAIO AIUTATO DA CONTE. IL PD-ZINGARETTI STA AIUTANDO CONTE A FORMARE UN NUOVO E SUO PARTITO. SE NE SONO ACCORTI? CONTE DEVE USCIRE DAL GOVERNO E PARLAMENTO. NESSUN GOVERNO CONTE 2 E CONTE-TER.

Ritratto di faman

faman

Sab, 23/01/2021 - 14:57

anche se per voi sono e sarò un "Komunista" premetto che non mi piaceva Conte 1, non mi piace Conte 2 e non mi piacerà un eventuale Conte 3. La mia è solo una critica a questi continui e oramai stantii titoloni: Conte terrorizzato, Conte in preda al panico, Conte trema, ecc. ecc. Patetici. Ma che disco rotto che evidentemente piace alla platea.

electric

Sab, 23/01/2021 - 14:57

Moichiodi, Salvini ha governato, ed ha ampiamente dimostrato di essere coerente con quanto promesso e capace di agire. Quindi smettila di dire sciocchezze.

diegom13

Sab, 23/01/2021 - 14:58

Che il governo vada sotto in commissione è un fatto rilevante ma non determinante: non è un voto di fiducia. È vero un segnale politicamente pesante, ma lo era anche il discorso di Renzi quando fu bocciata la sfiducia a Bonafede: 'è un incapace, dovrebbe dimettersi, voto contro solo perché sto al governo, disse in sintesi Renzi, che portò i voti determinanti a salvarlo. Ma il messaggio era chiaro. Eppure Bonafede non pensò nemmeno un minuto alle dimissioni, e ora porterà la sua relazione in commissione giustizia dove probabilmente verrà bocciato. Gliene importerà qualcosa? Diventa determinante solo se il governo va sotto in serie, in diverse commissioni. Vedremo.

hectorre

Sab, 23/01/2021 - 15:09

siamo alle comiche finali...se non fosse per il dramma che stiamo vivendo ci sarebbe solo da ridere!!!!!!.....il governo nelle mani di mastella e consorte!!!....ahahahahah....ora ai grillini va bene chiunque anche i dinosauri della prima repubblica, cosa non si fa pur di restare in parlamento, d’altronde dovrebbero cercarsi un lavoro e la maggior parte di loro non lo hanno mai avuto!!!....c’è sempre il reddito di cittadinanza!!!!!...altri parassiti sul nostro groppone!!!....che pena

hectorre

Sab, 23/01/2021 - 15:14

faman, potresti essere anche un monarchico...ma credimi, di notte dormirei comunque sonni tranquilli....al fine di rendere la tua vita più serena con il sollievo di non leggere mai più le tue inutili lamentele, posta i tuoi commenti altrove...nessuno se ne dispiacerà...

moichiodi

Sab, 23/01/2021 - 15:28

@tutti quelli che mi hanno commentato. E allora perché il centrodestra non fa cadere il governo e aspetta che sia Renzi a farlo?

florio

Sab, 23/01/2021 - 15:38

@moichiodi, Ma secondo lei da quando l'opposizione può fare cadere un governo, la prego pensi e s'informi prima di scrivere.

electric

Sab, 23/01/2021 - 15:46

Moichiodi: il centrodestra non fa cadere il governo e aspetta che sia Renzi a farlo semplicemente perché non ha i numeri per farlo. Perché quando ci furono le ultime elezioni gli italiani preferirono dare fiducia ai sinistri e ad un comico piuttosto che a gente seria e preparata...

Ritratto di nordest

nordest

Sab, 23/01/2021 - 15:56

Ma che governo ha questa nazione? Ma il capo di questo stato serve a qualche cosa ? o se è solo per tagliare nastri .con quello che ci costa .

Ritratto di faman

faman

Sab, 23/01/2021 - 16:00

hectorre-Sab, 23/01/2021 - 15:14: se gradisci questi titoloni buona notte e sogni d'oro

Ritratto di nordest

nordest

Sab, 23/01/2021 - 16:38

Basta pensare solo a voi e agli vostri interessi ? Lasciateci votare non si mai visto un degrado della politica come questo ,un po’ di dignità ,ma abbiamo un capo dello stato ? O serve solo a tagliare nastri ?

Happy1937

Sab, 23/01/2021 - 16:46

Non c'è tempo da perdere. Se ne devono andare fuori dalle scatole!

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/01/2021 - 16:52

L’avvocato Conte è chiaramente in crisi. Il suo potere si chiamava M5S, da cui era stato scelto, ma ora rischia di rimanere allo scoperto, senza aiuti e con molti attacchi, non solo dal centro destra.

Anonimo51

Sab, 23/01/2021 - 17:20

Se hanno cosi paura dei voti contrari, significa che la relazione del "famoso" Buonafede non piace alla maggioranza dei senatori e quindi se non piace, significa pure che non si addice alla riforma della giustizia. Ma allora perché si ostinano tanto a presentarla se sanno che non piace? Basterebbe cancellarla.

moichiodi

Sab, 23/01/2021 - 18:00

@electric , florio l’opposizione poteva fare cadere il governo tre giorni fa sul decreto recovery . Invece ha votato per il si. Perché. Se vuole le elezioni non sarebbe meglio subito e poi il decreto recovery lo fa salvini dando 100 miliardi alle partite iva e non facendo pagare le tasse. Usano le lire padane che stampa Borghi.