Le (solite) priorità di Letta? Ddl Zan e Ius soli

Letta sul palco della Festa dell'Unità detta l'agenda al governo: approvazione del ddl Zan e legge sulla cittadinanza. Salvini: "Non hanno speranza di passare"

Le (solite) priorità di Letta? Ddl Zan e Ius soli

Altro che problematiche legate al Green pass, emergenza sbarchi e crisi economica, per il segretario del Partito democratico Enrico Letta le priorità sembrano proprio essere altre, vale a dire ddl Zan e Ius soli.

Intervenuto sul palco per chiudere la Festa dell'Unità di Bologna, il leader del Pd ha parlato quasi come se a supportarlo ci fosse un vero e proprio mandato popolare. Letta infatti è apparso molto sicuro nell'affermare che entro la fine della legislatura sarà approvato il decreto di legge Zan e verrà messa a punto una legge sulla cittadinanza per gli stranieri.

Le battaglie del Pd

Il segretario dem ha voluto definire il Pd come il partito "del lavoro e dell'impresa", tuttavia dal suo discorso è apparso fin troppo evidente quali siano i reali temi che animano la sua compagine. Ostentando sicumera, Letta ha infatti affermato di non avere alcun dubbio nel ribadire che le battaglie sui diritti portate avanti dal Partito democratico troveranno presto nuova linfa e forza. "Arriveremo all'approvazione finale del ddl Zan, così come vogliamo usare l'anno e mezzo di legislatura che abbiamo davanti per recuperare l'errore che fu fatto nella scorsa legislatura, nel non varare una legge sulla cittadinanza", ha assicurato, come riportato da AdnKronos.

Ovviamente il grande obiettivo del partito resta quello di battere gli avversari del centrodestra. Ma, ancora una volta, Letta non ha dubbi: "Fidiamoci, da questa pandemia non si uscirà a destra ma si uscirà andando verso i valori della solidarietà, della giustizia e della coesione sociale. Da questa pandemia si uscirà laddove siamo noi".

Insomma, il Pd sarà l'alternativa contro"le destre popoliste", ed un primo assaggio lo si avrà alle prossime elezioni amministrative. Ormai il solco fra le fazioni è netto: "O si sta di qua o si sta di là. Non c'è posizione intermedia. Dall'altra parte non c'è più il centrodestra guidato da Berlusconi, legato a una logica ben diversa da quella cui sono legati Lega e FdI. Questi sono alleati del governo ungherese, governo polacco, il partito di Marie Le Pen e i neofranchisti in Spagna, quella è destra estrema. Dobbiamo costruire alternativa che sia in grado di battere questa destra".

Lealtà a Draghi e all'Europa

Enrico Letta ha poi ribadito la lealtà del Pd al governo Draghi, che deve durare fino al termine della legislatura. Non sono poi mancate dichiarazioni di fedeltà all'Europa ed ai suoi principi:"Noi siamo il partito dell'Europa e siamo noi il partito dell'europeismo italiano, che è stato sposato nel modo che tutti conosciamo anche da altri. Ma l'Europa non è una questione mercantile, che diventi europeista perché devi portare a casa un assegno: per noi è un'adesione di valori perché l'Europa è la culla dello stato di diritto, della democrazia e dei diritti umani".

Il punto sui vaccini

Il segretario del Pd si è mostrato intransigente sul tema vaccini. Per Letta la campagna vaccinale deve essere completata, altrimenti"senza i 10 milioni di italiani che mancano all'appello delle vaccinazioni non ce la faremo".

"Sappiamo che sono i più difficili, che è il passaggio più duro, ma se ci fermiamo a dire che il più è fatto non capiamo qual è la logica rischiosissima delle varianti e del rischio che corriamo proprio nelle prossime settimane", ha aggiunto, prima di puntare il dito contro coloro che hanno preso una decisione diversa:"Il vaccino è libertà. Questa parola 'libertà' è stata usata a sproposito tante volte, il vaccino è libertà di viaggiare, andare a scuola, lavorare, di fare sport, di divertirsi, di godersi spettacoli. Chi non si vuole vaccinare è contro l'altrui libertà e non può essere premiato".

Le posizioni dei partiti

La spinta su Ddl Zan e legge sulla cittadinanza non ha per nulla stupito il segretario della Lega Matteo Salvini, che nel corso del suo intervento a San Benedetto del Tronto ha commentato:"Hanno l'ossessione del ddl Zan, se non passa siamo un paese incivile. Io dico, ognuno della sua vita privata fa quello che vuole, mi interessa men che zero... ma il ddl Zan tira in ballo i bambini delle scuole elementari: vuole spiegare ai bambini che non ci sono i maschietti e le femminucce ma che ci sono esseri fluidi...questa roba alle elementari non la porterò mai". Salvini ha poi garantito che con la Lega al governo ddl Zan e Ius soli non passeranno.

Secca anche la replica della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni: "Noi non abbiamo paura delle etichette: siamo omofobi perché non siamo d'accordo sul ddl Zan. Siamo omofobi perché siamo contrari all'adozione da parte delle coppie omosessuali. In Italia non è consentita l'adozione da parte dei single, l'Italia è singolofoba? Quando si tratta di bambini senza famiglia, bisogna garantire il massimo dello standard: una mamma e un papà. Vuol dire amare quel bambino. Si può parlare con garbo di questo? La legge Zan nulla c'entra con la discriminazione degli omosessuali".

Le parole di Letta hanno tuttavia ricevuto il plauso di altri rappresentanti del Pd. Dopo aver ringraziato il suo segretario, Monica Cirinnà ha dichiarato:"Il Pd non cambia né opinione né linea politica. Per noi la lotta ai crimini d'odio è e resta una priorità, perché prioritarie sono le vite delle persone che questa legge proteggerà". "Impegni: approvare il ddl Zan e portare a termine finalmente la legge sulla cittadinanza. Ben detto Enrico Letta , c'è da fare", ha confermato anche Filippo Sensi, deputato del Partito democratico.

Commenti