Si possono respingere i clandestini. Adesso lo dicono pure i giudici

La Spagna ha avuto ragione da una sentenza in cui è stato sancito che è possibile rimpatriare e respingere i migranti vista la possibilità di presentare domanda di protezione nelle sedi diplomatiche all'estero. Una decisione che potrebbe aprire a nuovi scenari anche in Italia

Controllare i confini è molto difficile, specie da quendo è impossibile respingere i migranti verso la Libia. Una circostaza quest'ultima diventata un dato assodato dopo le varie sentenze contro il nostro Paese arrivate negli ultimi anni. Ha fatto scuola quella pronunciata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo relativa al caso Hirsi Jamaa del 23 febbraio 2012, con la quale l'Italia è stata ritenuta colpevole di aver attuato delle espulsioni collettive dopo aver rispedito in Libia un barcone con a bordo 11 somali e 13 eritrei nel maggio del 2009.

Più di recente un'altra sentenza, questa volta del tribunale civile di Roma, ha stabilito che il nostro governo deve risarcire gli occupanti di un barcone rispedito nel Paese nordafricano nel giugno del 2009 e permettere ai migranti di chiedere asilo in Italia. Il 31 agosto scorso cinque eritrei che erano a bordo del barcone sono arrivati a Fiumicino proprio per attuare questa procedura.

La sentenza a favore di Madrid

C'è però un altro pronunciamento della corte europea dei dirtti dell'uomo che potrebbe in qualche modo rovesciare la situazione a favore dell'Italia. Il 13 febbraio scorso infatti la corte di Strasburgo ha dato ragione alla Spagna in merito a un ricorso fatto da alcuni migranti respinti dalle autorità iberiche lungo le frontiere delle enclavi di Ceuta e Melilla.

Infatti, nella prima sentenza del febbraio 2012 l'Italia è stata condannata perché, secondo i giudici della corte europea, con le sue azioni Roma ha impedito a eventuali richiedenti asilo di poter presentare la domanda di protezione nel nostro Paese. In poche parole, seguendo il filo logico della decisione dei giudici di Strasburgo, un governo non può respingere imbarcazioni con a bordo persone che arrivano irregolarmente nel proprio territorio. E questo perché tra loro potrebbero esserci migranti in cerca di protezione.

Sulla base di questa impostazione giurisprudenziale, un gruppo di migranti respinti da Ceuta e Melilla ha presentato ricorso contro Madrid. La sentenza ha confermato quanto previsto nel pronunciamento contro l'Italia del 23 febbraio 2012, e cioè che in effetti i respingimenti collettivi sono equiparabili alle espulsione collettive e dunque vietati, ma ha aggiunto un dettaglio di non poco conto.

Infatti, la Spagna non è tenuta a risarcire i migranti in questione perché questi ultimi, secondo i giudici, potevano presentare le domande d'asilo nei consolati o nelle rappresentanze diplomatiche spagnole presenti nei Paesi di origine. Non era quindi necessario raggiungere la frontiera e provare a entrare illegalmente in Spagna, bastava regolarmente andare in un edificio che ospita una rappresentanza diplomatica di Madrid.

La lezione per l'Italia

A parlare di questo caso è stato il quotidiano La Verità. Nell'articolo è stato offerto uno spunto anche per il nostro Paese. Secondo la nostra attuale legislazione, in Italia non è possibile presentare domanda di asilo e protezione in una rappresentanza diplomatica all'estero. Al contrario, come prevede l'art. 6 del D.L.vo n. 25/2008, la presentazione può avvenire “solo presso la polizia di frontiera all'atto dell'ingresso del richiedente nel territorio nazionale ovvero presso la questura del luogo di dimora, in Italia, dello stesso richiedente”.

E allora, è il suggerimento che potrebbe far breccia in alcuni ambienti politici, basterebbe modificare la legislazione per evitare che l'Italia possa perdere in futuro altri ricorsi come quelli che hanno già penalizzato il nostro Paese. Occorrerebbe cioè dare la possibilità di presentare la richiesta di protezione nelle sedi diplomatiche per evitare sentenze come quelle del febbraio 2012.

Attualmente i respingimenti verso la Libia non sarebbero fattibili, sia perché la linea dell'attuale esecutivo giallorosso è molto lontana in tal senso e sia perché il Paese nordafricano non è considerato porto sicuro per via delle note vicende belliche. Tuttavia in ottica futura la sentenza a favore della Spagna potrebbe cambiare le cose, anche a riguardo di altre rotte come quella tunisina e algerina, dove eventuali respingimenti concordati con le autorità locali sarebbero verso Paesi non in guerra.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

venco

Sab, 19/09/2020 - 12:11

Ogni Stato deve agire sui migranti secondo le proprie leggi e non delegare alla UE.

aldoroma

Sab, 19/09/2020 - 12:14

In Italia.... No... Si accettano tutti.... Noi paghiamo

amedeov

Sab, 19/09/2020 - 12:21

State tranquilli che la norma non verrà modificata. I pidioti hanno a cuore i clandestini

giolio

Sab, 19/09/2020 - 12:22

tutto si potrebbe fare se l‘Italia non avesse la disgrazia di tanti magistrati che invece di fare il lavoro obiettivo(GIUSTIZIA) fanno politica anti Italia .

bellotti

Sab, 19/09/2020 - 12:25

Si. Ma la differenza è che la Spagna è la Spagna. Noi siamo vassalli, non uno stato sovrano..

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 19/09/2020 - 12:33

I Giudici Spagnoli si sono dimenticati di dove rimpatriare i migranti clandestini. Se il rimpatrio è mandarli fuori dal proprio territorio per ammassarli in un'altro della comunità come l'Italia, questo non si chiama ripatrio ma rimpasto. I Giudici Italiani in questo caso, sarebbero super clementi e accoglienti, venite venite, c'è posto per tutti.

evuggio

Sab, 19/09/2020 - 12:42

lo dicono anche i giudici che processeranno Salvini?

Iacobellig

Sab, 19/09/2020 - 12:49

La UE vuole che i clandestini migranti irregolari siano distribuiti solo tra gli Stati costieri che hanno i porti di arrivo. Quindi Bruxelles e altri si tirano fuori?

ItaliaSvegliati

Sab, 19/09/2020 - 12:51

Non con la ns magistratura....Palamara ha detto che sono sensibili verso i CLANDESTINI perciò se la Spagna non li vuole i ns KOMUNISTI li accoglieranno a braccia aperte per arricchire le coop e voti futuri!!!

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 19/09/2020 - 12:53

In Italia no, non si può, no no no .. ahahahaha ..

agosvac

Sab, 19/09/2020 - 12:57

Intanto ci si dovrebbe chiedere che autorità possa avere l'UE nello stabilire cosa debba o non debba fare l'Italia o uno qualsiasi degli Stati aderenti visto che gli Stati mantengono la propria sovranità e restano liberi ed indipendenti. Forse bisognerebbe neanche tenere conto di certe decisioni a livello europeo visto che in Italia sono regolate da leggi adeguate. L'ho sempre detto: l'UE ti multa? Basta non pagare e non possono costringerti a farlo salvo espellerti, con grande nostro godimento.

mimmo1960

Sab, 19/09/2020 - 13:06

So solo che avete rovinato la mia Italia.

lisanna

Sab, 19/09/2020 - 13:08

RISARCIRE PURE!!!!!I CLANDESTINI!!!!MI STA VENENDO UN ATTACCO DI BILE

Jon

Sab, 19/09/2020 - 13:11

FIGURIAMOCI..I NOSTRI POITICI BUONISTI NON PERMETTERANNO A NESSUNO DI FERMARE IL LORO BUSINESS Fantastico..!! Guai a chi li tocca..!! e la Lamorgese esegue gli ordini SINISTRI..Basta osservare quale tipo di accoglienza offrono!! Mentecatti Maledetti.:!!

walter viva

Sab, 19/09/2020 - 13:26

Qualcuno può gentilmente spiegarmi perché io comune cittadino devo osservare le leggi ed invece i magistrati le interpretano?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 19/09/2020 - 13:29

Siamo sicuri che i giudici italiani non abbiano il cavill oper interpretarla al contrario?

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 19/09/2020 - 13:30

Per ora solo i giudici spagnoli a quanto pare.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 19/09/2020 - 13:32

Ma vuoi vedere che questa casta impreparata, incapace ed ormai inutile dopo sette piatti forse riesce a capire che si tratta di minestra?? Meglio tardi che mai. Ma ne devono ancora fare di strada.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 19/09/2020 - 13:33

giustissimo!!adeguarci alla normativa spagnola per ricevere le domande nelle nostre ambasciate e consolati e munirli di regolari raccoglitori di richieste..si raccomandano quelli che sminuzzano completamente la carta!!!

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Sab, 19/09/2020 - 13:46

A si...?Che chiamino per portarseli via aeromobili del proprio paese.Ci guadagnamo sopra con il carburante e li spediamo a casa loro gratuitamente.

audace

Sab, 19/09/2020 - 13:55

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. Niente di più falso. La costituzione è una farsa usata a proprio comodo. Perchè deve essere l'europa a dire quello che si deve fare quando non interviene materialmente, e decisivamente, e non hanno alcuna sovranità sulle nazioni UE? Perchè i giudici italiani sono contro la nazione e fanno di tutto per mortificarla con sentenze assurde? I confini con i paesi extracomunitari non sono mai stati aperti, perchè questa invasione da gente che non è profuga e viene deliberatamente a farsi mantenere e delinquere? Mi vergogno di essere italiano e di vivere in questa terra trasformata in giungla.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Sab, 19/09/2020 - 14:29

Ho l'intima convinzione che tra le migliaia e migliaia di leggi italiane ce ne sia una, magari trasversa, in grado di fermare il commercio di uomini e relativi approdi. Che qualche politico avveduto la trovi, per favore! Sekhmet.

Malacappa

Sab, 19/09/2020 - 15:33

Strano vero la Spagna li puo' respingere noi no o detto meglio i pdioti non li vogliono respingere sono un negozio rotondo

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Sab, 19/09/2020 - 15:48

PAESE CHE VAI GIUDICE CHE TROVI, DA NOI NON SI POTE SIAMO O NON SIAMO IL PAESE DEI BALOCCHI?

Raoul Pontalti

Sab, 19/09/2020 - 15:56

Premesso che nell'articolo si fa confusione terminologica orrenda tra respingimento (attuabile solo alla frontiera terrestre, vietato in mare) ed espulsione (che si attua quando lo straniero irregolare si trovi dentro il territorio nazionale),vorrei sapere di quale sentenza effettivamente si tratti, giacché quella citata assolve la Spagna da un lato e dall'altro non afferma affatto che i richiedenti asilo debbano presentare le domande alle rappresentanze diplomatiche e consolari spagnole solo NEI PAESI DI ORIGINE bensì a anche quelle dei paesi di transito come il Marocco o direttamente al valico di frontiera (con Ceuta) di Beni Ensar. Nel caso la CEDU ha considerato l'espulsione collettiva (vietata) come ammissibile perché i presunti richiedenti asilo avevano in massa violato la frontiera, creato disordini ed impedito alla Guardia Civil di chiederne le generalità.

jaguar

Sab, 19/09/2020 - 16:06

Gli altri paesi possono respingere i migranti, l'Italia no, il giro d'affari non lo permette.

magnum357

Sab, 19/09/2020 - 16:09

Scoperta dell'acqua calda !!!!!!!!!!!!

Ritratto di tomari

tomari

Sab, 19/09/2020 - 16:43

Mancava il raglio di Raoulsotuttomi da Trento!

mimmo1960

Sab, 19/09/2020 - 17:18

Zero clandestini in Australia, chi è soccorso in mare non può sbarcare - e' riportato su un noto quotidiano nazionale, che dite??

nino49

Sab, 19/09/2020 - 17:35

Si potrebbe aprire un grande "campo profughi" nella città del vaticano, sovvenzionato dalla banche dello Ior!

killkoms

Sab, 19/09/2020 - 18:05

Elementare Watson!