Tav, esposto del Pd alla Corte dei conti per lo stop agli appalti

L'ex ministro alle Infrastrutture Delrio: "Rischiamo di perdere i finanziamenti che abbiamo già ricevuto e soprattutto i ritardi nei lavori costano decine di milioni di euro ai contribuenti italiani ed europei"

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte fa sapere che il governo sta lavorando e che "tra poco pubblicheremo le nostre decisioni" sulla Tav. Le polemiche però non si placano. L'ex ministro alle Infrastrutture, Graziano Delrio, denuncia che "ogni mese di ritardo che è imputabile a decisioni politiche e non tecniche ci costa 75 milioni di euro". Per questo, annuncia, i parlamentari del Pd presenteranno un esposto alla Corte dei Conti. "A nostro giudizio - prosegue Delrio - ci sono gli estremi perché la Corte dei conti indaghi per danno erariale perché si tratta di soldi pubblici che in gran parte ci ha dato la Ue".

"Al di là delle chiacchiere - spiega l'ex ministro- rischiamo di perdere i finanziamenti che abbiamo già ricevuto e soprattutto i ritardi nei lavori costano decine di milioni di euro ai contribuenti italiani ed europei". Poi ha sottolineato che "qualcuno pensa che la perdita di tempo sia solo una chiacchiera da giornale ma la perdita di tempo come certifica un documento che è in nostro possesso del cda di Telt, cioè della società che deve costruire il tunnel, ha conseguenze molto gravi anche dal punto di vista finanziario". L’ex ministro ha spiegato di volere "che la Corte dei Conti accerti queste conseguenze e di chi sono le responsabilità di queste gravi perdite valutate in decine di milioni al mese".

In una conferenza stampa alla Camera il vicepremier Luigi Di Maio fa sapere che non si recherà a Chiomonte: "Non ci vado perché è un cantiere che non è mai partito. Io ho fiducia in quello che sta facendo Toninelli che non sta ritardando sull'analisi costi benefici per un pretesto ma, come è scritto nel contratto di governo in cui parla di ridiscussione dell'opera, sta appunto facendo questo e per farlo occorre confrontarsi anche con la Francia e l'Unione europea". Domani però in Valsusa, al cantiere della Tav, è prevista la visita dell'altro vicepremier, Matteo Salvini.

Questa sin troppo evidente divisione tra M5S e Lega manda su tutte le furie Forza Italia. La capogruppo degli azzurri alla Camera, Mariastella Gelmini, punta il dito contro l'esecutivo:"Di Maio anticipa il benvenuto a Salvini ai cantieri Tav dicendo che l’opera va ridiscussa. Ancora? Ma quanto devono discutere? Quando decide questo governo? Intanto la fantomatica analisi costi-benefici ancora non arriva, è da 22 giorni sulla scrivania di Toninelli".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

unosolo

Gio, 31/01/2019 - 14:50

la TAV deve continuare come impegno preso da altri governi , ma signori miei ricordiamoci quando furono fermati tutti i lavori dal governo sinistrato , abbiamo pagato salate penali e per poi riprendere i lavori , questo dimostra che la SX o altri partiti che si alternano hanno idee ma non quelle di abbassare sprechi e debito visto che ogni governo ha aumentato sempre il debito specie gli ultimi due governi che hanno preceduto questa ammucchiata strana , unica differenza è che questo crede di agire bene , crede ovviamente gli altri ? mai un aiuto vero alla Nazione anzi sprechi tanti uno l'one renzi , milioni che ancora perdiamo.

Jon

Gio, 31/01/2019 - 14:51

Ma come si preoccupa Del Rio..!! E non solo..Ivano Russo suo collaborator al Ministero,e protetto di NApolitano, aspira ad essere eletto alla presidenza di Fedespedi, la Federazione nazionale dei trasportatori.. Mica si accontentano..!!

Libertà75

Gio, 31/01/2019 - 16:30

non sappiamo nulla di questa analisi costi e benefici, e per di più non sappiamo neanche l'uso politico che vuole farne Toninelli... ad oggi è tutto possibile, sia che si metta in mezzo per tentare di stralciarla, sia (come più probabile) che andrà a Bruxelles a rimodulare la distribuzione dei costi o i contributi europei a favore dell'opera, in modo tale da dire "ci costa meno finirla che sospenderla, inoltre ci costa molto meno di quanto sarebbe costata con i politichini del PD"... Cosa che non farà guadagnare consenso ai 5stelle, ma sicuramente ne farà perdere ancora al PD.

SpellStone

Gio, 31/01/2019 - 16:54

grazie, ma il vostro turno lo avete già' avuto.. ora tocca ad altri

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 31/01/2019 - 17:20

Abbiamo visto cosa hai fatto tu, anche per i terremotati. megli oche te ne vai. la tua parte (negativa) all'Italia, da comunista l'hai data. COme osi ripresentarti? E soprattutto urlare in Parlamento, insultando? Dovevano farlo con te, allora, quando governavi, male.

VittorioMar

Gio, 31/01/2019 - 17:40

...ma DEL RIO,con 43 morti sulle spalle,non dovrebbe stare in galera per MANCATA VIGILANZA SUL PONTE MORANDI ??

rokko

Gio, 31/01/2019 - 17:46

Finirà che faremo la tav, ma con i soldi nostri perchè perderemo i finanziamenti UE. Da questi incapaci c'è da aspettarsi sempre il peggio del peggio.

mifra77

Gio, 31/01/2019 - 18:02

Ascoltate Del Rio, lui queste cose le sa benissimo per averle vissute; lui sa benissimo che se te la dormi per anni, i ponti cascano ed i piloni si sgretolano ed i ferri si dissolvono in ruggine. Lui sa benissimo che se qualcuno ti da dei soldi e tu non rispetti i patti, quei soldi li devi restituire ....e lui non vuole restituire!

Jon

Gio, 31/01/2019 - 19:06

@VittorioMar...Lei ha ragione..ma in questo caso si dimostra come la magistratura Cozzi con gli Interessi..!!